Mors tua…

La scorsa settimana i filantropi della Premier League hanno messo, a mio avviso, un altro chiodo sulla bara del calcio minore. Minacciando la revoca del finanziamento di cinque milioni annui per lo sviluppo del calcio giovanile alle squadre delle divisioni inferiori, è stato fatto approvare l’Elite Player Performance Plan (EPPP).

Praticamente la EPL ha promesso maggiori fondi per quattro anni, a partire dal 2012/13, per tutte le società  della Football League e la possibilità per i migliori giovani talenti  di allenarsi presso i centri ed infrastrutture dei propri club sotto la guida di personale altamente professionale e qualificato. Questo, in teoria, avrebbe due effetti positivi: il primo quello di dare ai ragazzi la opportunità di formarsi in un ambiente di prima classe, consentendo loro di passare più tempo con allenatori di alto livello sulla scia di quanto già succede in Olanda o Spagna ad esempio, e, in secondo luogo, si darebbe una mano anche alla nazionale visto che, in questo modo, i club di Premier League non dovrebbero per forza andare all’estero alla ricerca di talenti in erba ma potrebbero concentrarsi sul territorio nazionale. Al momento una squadra non può reclutare in tutto il paese ma soltanto in un raggio che permette ai ragazzi di arrivare al campo di allenamento nel giro di 90 minuti. In cambio di tutto questo impegno verso il futuro calcistico inglese, la Premier League ha imposto la revisione del sistema che oggi vede un tribunale esterno decidere la somma da pagare per il trasferimento di un giovane calciatore qualora le società coinvolte non raggiungano un accordo.

Con la nuova formula ci sarà un prezzario fisso, a seconda di quanto tempo il giocatore in questione sia stato nel club che lo sta vendendo e dal livello della academy che lo ha visto crescere (andranno da uno a quattro). Ciò vuol dire ad esempio che il 14nne del MK Franchise Oluwaseyi Ojo, valutato 1.5 milioni nel mercato corrente, potrebbe arrivare al Chelsea, che ha espresso un interesse, per meno di 100mila sterline. Qualche tempo fa fece scalpore il caso di John Bostock, cresciuto dagli otto ai 15 anni nelle sempre prolifiche formazioni giovanili del Crystal Palace. Quando il Tottenham lo andò a corteggiare le due società non riuscirono a trovare un punto di incontro. Dal tribunale fu fissato un compenso di 700mila sterline più altri 1.25 milioni a seconda delle presenze in prima squadra. Il Palace urlò allo scandalo allora, figuriamoci cosa farebbe adesso.

Il problema è che Bostock non debuttò mai in prima squadra ma è passato in prestito al Brentford e all’Hull City. Questo potrebbe essere il destino di molti più giovani in futuro. Se alle squadre di Premier sarà consentito rastrellare tutti i vivai del paese senza limiti geografici e a prezzi modici, bassi, è normale che si presterà meno attenzione di quella che si aveva prima per paura di investire vaste somme di denaro sul giovane sbagliato.

Le formazioni minori si vedranno private dei loro migliori ragazzi ricevendo un compenso modesto per tutta la cruciale opera educativa svolta in campo e fuori dei più piccoli, quelle di Premier non dovranno più girare il mondo come prima per trovare talenti più economici di quelli disponibili in patria: potranno attingere comodamente dal serbatoio del calcio minore indigeno senza preoccuparsi troppo di tutti quelli che non ce la faranno, saranno i danni collaterali per quei pochi eletti che invece andranno avanti fino a coronare il proprio sogno. Non mi sembra ci siano dubbi su chi abbia fatto l’affare.

 Stefano Faccendini

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...