Eroe per caso

Non so per quale motivo, visto che non tifo Arsenal e non ho in particolare antipatia il Chelsea, ma vedere John Terry, o JT come la stampa ruffiana lo continua a chiamare in tono fin troppo amichevole, mangiare erba mentre Robin Van Persie si avviava a conquistare i tre punti per l’Arsenal sabato scorso mi ha fatto un certo piacere.

Stamford Bridge aveva di nuovo dato il benvenuto al suo capitano, all’eroe, alla leggenda. Come era stato dopo aver scoperto che l’ex Dad of the Year 2009 aveva avuto una relazione con la ex del suo compagno di squadra Wayne Bridge, e cercato di imporre un divieto di riportare la notizia ai giornali di gossip, così è stato accolto ieri quando è uscito fuori che potrebbe incorrere in sanzioni per quelli che sembrano essere stati insulti razzisti nei confronti di Anton Ferdinand (evidentemente che sia scarso come pochi non basta, bisognava tirare dentro il colore della pelle). Come fu fischiato Bridge, reo di essere stato tradito da colui che riteneva un amico e di non avergli stretto la mano, sarà probabilmente fischiato Ferdinand quando le due squadre si incontreranno at the Bridge perchè non bianco.

Che si facesse pagare per organizzare dei tour nel centro sportivo del Chelsea gli è stato anche perdonato. Che i suoi genitori abbiano entrambi avuto guai con la legge non è sembrato così importante come per altri giocatori. Che, così vogliono le voci, abbia tramato contro Mourinho e Capello non conta. Per qualche misteriosa ragione la sua espressione a luce spenta è tanto cara ai media, la grinta sul campo e la presunta prontezza nel buttarsi in ogni battaglia petto in fuori, che sarebbe più adatta ad un buttafuori del West End che ad un giocatore di Premier, sono doti che gli sono valse riconoscenza eterna da parte dei suoi tifosi e di certi giornalisti.

Ma mentre tutti si affannano a cercare un responsabile per la sopraggiunta fragilità difensiva del Chelsea io la butto là: il giocatore con la maglia numero sei non sembra più la roccia insuperabile che era.

Stefano Faccendini

2 risposte a "Eroe per caso"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...