Ricordi di stagione

2820Premier League

Si è detto molto, anche troppo, del miracolo Leicester ma ciò non toglie che di miracolo si è trattato. La solita attenzione morbosa e a scoppio ritardato nei confronti di Ranieri & C. ha in qualche modo offuscato l’immagine di simpatia che i protagonisti di questa incredibile impresa si erano guadagnati ma, alla fine, non è neanche colpa loro. Il Leicester è stata la squadra di tutti, in Inghilterra e nel mondo, tanto sembrava impossibile che potesse riuscire a portare a termine quanto all’inizio molti avevano definito il solito fuoco di paglia. Anche chi scrive aveva pronosticato per le Foxes una mezza classifica verso Natale e una lotta per non retrocedere in aprile. Questo prova ancora una volta che “I know f..k all about football…”.

La seconda, piacevole, sorpresa è stata il Tottenham. In un anno normale si sarebbe parlato molto del loro gioco, del loro potenziale, del loro tecnico ma purtroppo il Leicester ha di fatto, e di diritto, attirato tutta l’attenzione degli addetti ai lavori. Ancora una volta passati inosservati e in classifica dall’Arsenal, all’ultima giornata. Per i Gunners però si tratta della sola, magra, consolazione targata 2015/16. Un’altra uscita prematura da tutte le coppe, un’altra campagna a chiedersi se sia o non sia ora per Wenger di farsi da parte. E veniamo alle due squadre di Manchester. Delusione a tutto tondo. Se lo United era ancora un cantiere in costruzione, il City avrebbe dovuto solo confermare la propria forza. Van Gaal ha speso troppo per poco (talento) e alla fine ha pagato anche per un gioco noioso, nonostante la vittoria in FA Cup, mentre Pellegrini, minata o no la sua autorità dall’annuncio dell’arrivo di Guardiola, non ha saputo inspirare una squadra zeppa di professionisti iper-pagati ma non troppo interessati (le semifinali di Champions contro il Madrid sono state inguardabili). Per il resto sarà curioso seguire le sorti del Liverpool di Klopp il prossimo anno, come anche del Villa, senza Lerner, di Di Matteo (anche lui alle prese con gente interessata solo a ritirare lo stipendio) e del Newcastle di Benitez, questi due ultimi grandi club in Championship. Strana l’accoppiata dello spagnolo con Mike Ashley, a parte la somiglianza di profilo. Il Sunderland si è salvato ancora all’ultimo respiro grazie ad un tecnico senza fronzoli ma che piú o meno arriva sempre all’obiettivo prefissatosi (e a Defoe). Ottima l’ultima stagione ad Upton Park del West Ham.

Championship

Poche le sorprese nella parte alta. Salgono Burnley, Boro e Hull. Lo Sheffield Wednesday a sorpresa arriva fino a Wembley, il Leeds di Cellino è una barzelletta, il Fulham post Al Fayed in caduta libera ma mai come il Charlton dove il proprietario belga Roland Duchatelet è riuscito nell’impresa di far incazzare oltre la ragione una delle tifoserie piú tranquille di Londra, e a far retrocedere la squadra con la sua politica di gestione congiunta (possiede cinque club calcistici in tutto). Ciliegina sulla torta, la retrocessione del Franchise FC, un club che, semplicemente, non dovrebbe esistere.

League One

Risale il Wigan, ormai guidato, come club non come squadra, da David Sharpe, nipote 25enne di Dave Whelan. Segue il Burton di Nigel Clough, tornato all’ovile dopo la partenza di Jimmy Floyd Hasselbaink per il QPR. Non ce la fa il Millwall, caduto in finale play off dopo una stagione sopra le righe agli ordini della leggenda locale Neil Harris. Tra le retrocesse spicca il nome del Blackpool, ormai in caduta libera e in rottura totale con i propri tifosi.

League Two

Quella che mi dà piú soddisfazioni. Sale il Wimbledon e tutti prendono nota. Ma dell’esistenza del Wimbledon AFC bisognerebbe prendere nota anche quando non sale, per il semplice fatto che sia lì a lottare, a giocare, a formare ragazzi, a dare l’esempio. Perchè se è vero che la favola per continuare a esistere ha bisogno di successo, è anche vero che la parte piú bella è già passata. La reazione dei tifosi allo scippo della loro identità, la creazione del club, gli anni nei campetti di periferia. Questi sono stati e saranno per sempre ricordi indelebili, l’arrivo a Wembley per la seconda volta (anche l’approdo in League Two fu sancito sotto l’arco) è solo un altro bel capitolo di una storia sensazionale.

Altra bellissima storia sarebbe stata quella dell’Accrington Stanley se avesse segnato un gol in piú, se avesse vinto contro lo Stevenage all’ultima giornata. Purtroppo, per così dire visto che ha perso contro il Wimbledon, è caduto nelle semifinali dei play off. Sarebbe stato un altro miracolo per il club di una cittadina di 50mila abitanti, circondato da grandi squadre, con un numero medio di spettatori in casa che non arriva alle duemila unità. Queste sono le storie di cui si dovrebbe parlare.

Da notare la media spettatori a Fratton Park, 16.400, il doppio della seconda in graduatoria, il Plymouth che comunque a Wembley, per la finale play off, ne ha portati 35mila. Il Portsmouth, altro club in mano ai tifosi, come Wycombe e Exeter, ha terminato la stagione con un egregio quinto posto e cercherà la promozione l’anno prossimo. Miracoloso il rendimento del Northampton, alle prese con mille problemi societari dopo la scomparsa dei fondi pubblici per i lavori di ristrutturazione dello stadio.

Non-league

Dalla National Conference salgono Cheltenham, con 101 punti, e Grimsby, attraverso i play off. Il Forest Green Rovers continua a far notizia piú per il menu vegano che per i risultati in campo. Scende, tra le altre, l’Halifax che si consola con l’FA Trophy mentre vanno registrati, tristemente, i primi dissapori all’interno dell’FC United, finora esempio massimo di ribellione al calcio moderno.