Notizie dall’estero

artQualche giorno fa un titolo della Rosa più amata d’Italia ha colpito la mia attenzione. Watford pazza di Mazzarri. È curioso vedere come fatti e notizie di queste parti vengano riportati in Italia. Di solito, soprattutto se si tratta di club meno famosi, si usano frasi ad effetto, senza preoccuparsi troppo della veridicitá di quanto scritto. È accaduto con lo stadio del Millwall, con i dissidi interni dell’FCUM, con la gestione del Leyton Orient, ora con il Watford e Mazzarri. Tanto chi controlla. Ci provo io.

Mi siedo con Matt, tifoso trentenne e abbonato degli Hornets, e lo interrogo.

“Pazzi di Mazzarri? Non proprio, diciamo che con le due vittorie contro Arsenal, del tutto inaspettata, e Burnley, ha guadagnato del tempo ma in molti giá avevano cominciato a mugugnare e lo avrebbero volentieri salutato. La giuria è ancora divisa. A volte sembra troppo rigido nelle sue scelte tecniche, non cambia mai l’approccio di una gara, mai. Da una parte lo ammiri, pensi sia convinto delle proprie ide e voglia giocarsela con tutti, dall’altra pensi che sia matto come nella partita di Liverpool dove abbiamo preso sei gol ma potevano essere molti di più. Era chiaro da subito che le cose non stavano funzionando ma ha continuato per la sua strada, senza cambiare o cercare di coprirsi. Poi va all’Emirates e indovina la gara perfetta, azzecca ogni mossa tattica.

Peró i dubbi che lo riguardano non sono tanto relativi alle sue capacitá tecniche, quanto umane. Il suo rifiuto di parlare inglese o di interagire con i tifosi in qualsiasi modo stona con la immagine di family club che abbiamo. Mai una parola, un saluto, un gesto. Di certo non fa nulla per restare simpatico.

Poi vero, non è stato fortunato con gli infortune e con i rincalzi. Ma anche il mercato lascia perplessi, arrivano decine di giocatori mai sentiti e ripartono, spesso mediocri. Un continuo via-vai, difficile anche per noi affezionarci ad un giocatore, Deeney e Gomes a parte che fanno anche moltissime cose nel sociale. Mi rendo contro che è il modello Pozzo ma la nostra academy era il fiore all’occhiello del club ed ora praticamente non esiste. Si preferisce comprare piuttosto che far crescere. E mi dispiace per l’Udinese che è diventato una specie di feeder club. Noi dovremmo fare lo stesso, mandare giovani a maturare in Serie A ma non lo facciamo.

Poi certo, lo stadio è finito, il nuovo megastore fa la sua figura, è indubbio che abbiano investito nel club ma ti ripeto, un po’ più di attenzione nei confronti dei tifosi non sarebbe male.”

Allo stesso tempo vale la pena notare come tutti gli amici primaverili di Claudio Ranieri siano svaniti in questi ultimi mesi invernali. Non è la prima volta che l’allenatore romano ha problemi nella seconda stagione in carica ma l’anno scorso nessuno ha guardato oltre e nessuno si è guardato indietro. Il Leicester vero è, probabilmente, quello del 2014/15 e del 2016/17. In mezzo un’annata talmente pazza che sará difficile da raccontare. Troppa ghiotta però l’occasione di scrivere articoli e libri sull’imperatore Claudio, organizzare gruppi sui social media, infilarsi nella festa dei tifosi delle Foxes, premiarlo in tutti i modi in ogni dove. Un tecnico preparato e un’ottima persona dimenticato e a volte quasi deriso per aver vinto poco nella sua carriera all’improvviso oggetto di una attenzione mediatica globale con tanto di viaggi di pseudo giornalisti a Testaccio alla ricerca di amici o vicini di casa pronti a recitare le solite banalitá. Tutto finito, le luci del palcoscenico si sono spente, le news parlano di crisi inspiegabile, di fronde, di rapporto spezzato con la squadra. Nessuno ora gli è vicino, meno che mai in Italia dove si preparano titoli gonfi di finto stupore dovesse il Leicester scendere in Championship. A prescindere dalla permanenza del City in Premier e dal suo contratto di quattro anni, forse Ranieri non supererá l’estate alla guida della squadra che ha condotto al trionfo. Per quel che mi riguarda non cambia nulla, continuerá ad essere un’ottima persona e un tecnico preparato, solamente con un titolo in più nel suo CV.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...