Invasione

Quando ho deciso di andare all’ultima partita casalinga stagionale del Leyton Orient non ho visto neanche chi fosse l’avversario. Per me è stato solo un segno di rispetto per un club che dopo 112 anni nella Football League è stato distrutto in un paio di primavere da un clown malato di protagonismo con la fedina penale discutibile e passaporto italiano. Di fatto la retrocessione era stata già confermata a Crewe una settimana prima. Un verdetto scontato ma a cui nessuno voleva veramente rassegnarsi. In rete si parlava di una protesta organizzata dal LOFT (il Trust dei tifosi degli O’s) nel parchetto vicino al Brisbane Road e con un misto di curiosità e solidarietà mi sono presentato non sapendo bene cosa aspettarmi. Non avrei dovuto preoccuparmi. Al cento del parco, nel posto in cui dovrebbe solitamente sedere una banda musicale, qualche tifoso ha preso la parola, chi più seriamente, chi intonando coretti e canzoni preparate per l’occasione. Cartelli, striscioni e adesivi in giro non lasciavano adito a dubbi su chi fosse l’obiettivo della rabbia composta ma decisa di queste 150-200 persone. Ma nel complesso sembrava più una festa, visto che in contemporanea c’era un mercatino di street food con le varie bancarelle alle prese con un insolito numero di clienti.

Mi rassegno a farmi rapinare per un biglietto ospiti, visto che l’Orient ha deciso di non vendere tagliandi per i settori dei tifosi di casa il giorno della partita. 24 sterline nel fondo Becchetti mi sono pesate parecchio. Do un’occhiata e vedo che sto entrando con i sostenitori del Colchester, una squadra che non mi piace ma me ne faccio una ragione, non sono qui per la partita ma per la protesta.

Niente. Pochi cori (intonati contro Beccietti tra le altre cose), un mini striscione fatto con lo spray all’ora di colazione probabilmente. Anzi, con mio stupore i tifosi in trasferta sfottono e deridono i loro sfortunati avversari. Il Colchester passa in vantaggio, gli animi già surriscaldati esplodono. Una truppa di giovani e meno giovani dal settore adiacente cerca di entrare senza troppa convinzione in quello degli ospiti. Segue catena di poliziotti e steward che di fatto mi condannano ad assistere ad un’ora di persone che fanno gesti, si insultano e si danno appuntamento fuori sapendo che non andranno mai. Cresce l’antipatia per chi mi circonda e allo stesso tempo mi chiedo se davvero quelli dell’Orient sono pronti a giocare l’ultima partita casalinga in EFL per chissà quanto tempo dimostrando una compostezza che rasenta l’indifferenza. Poi finalmente succede. Oh yes…

Mancano sei minuti, il Colchester ha da poco segnato il terzo gol, da ogni settore dello stadio, escluso quello in cui siedo io, la gente comincia a riversarsi in campo. La concentrazione di pettorine gialle di ogni tipo dalle mie parti ha lasciato sguarnito il resto dell’impianto. In nessun modo si possono arginare le centinaia di persone che entrano sul terreno di gioco. Grandi, finalmente, penso, ora sì. Me ne stavo quasi per andare deluso, stufo di essere associato con i dementi che mi circondavano quando finalmente la protesta che stavo aspettando, che stavo auspicando, prende forma.

Invasione del tutto pacifica. Inutili i tentativi di invito ad uscire, a sgomberare il terreno di gioco. Non si vuole che la partita ricominci, si vuole lasciare un buco nel calendario, che risulti la gara sospesa. Alla fine più di un’ora dopo viene data la notizia. Nel frattempo anche i tifosi ospiti che prima avevano giocato a Green Street si rendono conto che per i fans degli O’s c’è molto di più in gioco dei loro tre punti e che, a tavolino o no, loro li avranno e potranno continuare a sperare di finire nei play off per un’altra settimana. Ci sono cori e applausi, finalmente solidarietà tra tifosi, non si sa a chi può toccare domani. La gente sfolla ma quasi due ore dopo l’interruzione del gioco, le due squadre rientrano in campo e sono costrette a giocare gli ultimi sei minuti davanti agli spalti vuoti per convalidare il risultato finale.

È l’ultima menzogna del sistema, usata per far uscire le persone ma che, se possibile, fa ancora più danni. Già lega e federazione non sono viste di buon occhio in questo corner di east London, da ieri ancora meno. Avranno anche omologato la partita ma il motivo per cui sarà ricordata, e se ne è parlato in tutto il Regno Unito, è per l’invasione di campo.

Il 12 giugno si deciderà se l’Orient fallirà oppure no. I tifosi si stanno preparando, Becchetti, che ieri ha annunciato con sospetto tempismo di aver pagato stipendi e tasse arretrate (come se meritasse un premio per questo) dovrà decidere se fare la scelta decente di sparire o se continuare come sovrano di un regno in rivolta, che lo odia e che è pronto ad invadere il rettangolo verde ad ogni partita interna.

Il calcio è dei tifosi. Di usurpatori di titoli sportivi malati di protagonismo se ne sono visti tanti e non lasciano traccia. Possono durare più o meno a lungo ma il loro destino è un buco nero, un ricordo annebbiato durante una chiacchiera al pub, anni dopo, quando chi ama e resta cercherà di ricordare quel nome tanto odiato…Beccietti…Bekketti…whatever…

Annunci

The Shift

Le imprese del Lincoln City in FA Cup non potevano passare inosservate. Il primo non league club a raggiungere i quarti della competizione dal 1914! Normale che in molti si siano cominciati a chiedere chi fosse il giovane manager alla guida degli Imps. Danny Cowley, aiutato da suo fratello Nicky come assistente, a 38 anni ha gia’ un CV di tutto rispetto, considerando anche i successi con Concord Rangers e Braintree Town. Eppure, per me, il volto di questo Lincoln, o meglio il profilo, non e’ quello dell’allenatore ma quello del centravanti leggermente sovrappeso Matt Rhead. Non che seguissi le sue gesta nel panorama dilettantistico inglese ma quando l’ho visto alle prese con l’intera difesa dell’Ipswich non ho avuto dubbi di chi fosse. Era lo stesso toro che quattro anni prima con la maglia del Mansfield Town aveva lottato contro la retroguardia del Liverpool negli ultimi minuti del terzo turno della stessa coppa. Non lo avevo piu’ visto ma mi era rimasto impresso. Pochi minuti ma intensi. Rhead a prima vista non sembra un fanatico del fitness o delle diete macrobiotiche. E’ un centravanti old style che usa il proprio peso a suo vantaggio, per imporsi sugli avversari (chiedere al “duro” Joey Barton messo KO da un suo avambraccio), che usa la sua apparenza per ingannare chi e’ troppo veloce a giudicarlo, dalla apparenza, un giocatore da pub team.

Andando avanti il Lincoln ho avuto occhi solo per lui, il mio eroe personale di questa FA Cup 2017. Prima il Brighton, poi il Burnley sempre in TV, poi l’Arsenal dal vivo. Rhead ha combattuto contro avversari piu’ allenati, piu’ titolati, piu’ tatuati e piu’ pagati. Non credo di averlo mai visto perdere un duello aereo. Nonostante la stazza e’ sempre arrivato prima sui palloni alti, forse il tempismo, forse l’elevazione, non lo so. In fase di protezione del pallone e’ stato come costruire un muretto di mattoni intorno alla sfera. Una gioia vederlo spalle alla porta andare incontro a campanili chilometrici o scrollarsi di dosso marcatori troppo timidi.

Mi e’ venuta in mente una chiacchierata fatta con dei tifosi del Leeds qualche tempo fa. Parlando dell’attuale attaccante del Millwall Steve Morison, per un paio d’anni in forza ai bianchi di Elland Road, e’ venuto fuori che il suo soprannome fosse The Shift, cioe’ un giocatore “who puts a shift in”, che lavora, si impegna, corre e sbuffa ma che non sempre traduce in gol tutta questa energia. La definizione si adatta perfettamente a Rhead. I suoi numeri non descrivono un fenomeno da area di rigore, un cannoniere, ma un giocatore al servizio della squadra. Alla fine il calcio e’ un sport dove si gioca, si perde, si vince e si lotta in 11. E Matt Rhead lotta, poco ma sicuro. Se ognuno contribuisse con il suo onesto shift di sicuro i tifosi non avrebbero mai nulla da ridire. La classe non si richiede, l’impegno si esige.