The Shift

Le imprese del Lincoln City in FA Cup non potevano passare inosservate. Il primo non league club a raggiungere i quarti della competizione dal 1914! Normale che in molti si siano cominciati a chiedere chi fosse il giovane manager alla guida degli Imps. Danny Cowley, aiutato da suo fratello Nicky come assistente, a 38 anni ha gia’ un CV di tutto rispetto, considerando anche i successi con Concord Rangers e Braintree Town. Eppure, per me, il volto di questo Lincoln, o meglio il profilo, non e’ quello dell’allenatore ma quello del centravanti leggermente sovrappeso Matt Rhead. Non che seguissi le sue gesta nel panorama dilettantistico inglese ma quando l’ho visto alle prese con l’intera difesa dell’Ipswich non ho avuto dubbi di chi fosse. Era lo stesso toro che quattro anni prima con la maglia del Mansfield Town aveva lottato contro la retroguardia del Liverpool negli ultimi minuti del terzo turno della stessa coppa. Non lo avevo piu’ visto ma mi era rimasto impresso. Pochi minuti ma intensi. Rhead a prima vista non sembra un fanatico del fitness o delle diete macrobiotiche. E’ un centravanti old style che usa il proprio peso a suo vantaggio, per imporsi sugli avversari (chiedere al “duro” Joey Barton messo KO da un suo avambraccio), che usa la sua apparenza per ingannare chi e’ troppo veloce a giudicarlo, dalla apparenza, un giocatore da pub team.

Andando avanti il Lincoln ho avuto occhi solo per lui, il mio eroe personale di questa FA Cup 2017. Prima il Brighton, poi il Burnley sempre in TV, poi l’Arsenal dal vivo. Rhead ha combattuto contro avversari piu’ allenati, piu’ titolati, piu’ tatuati e piu’ pagati. Non credo di averlo mai visto perdere un duello aereo. Nonostante la stazza e’ sempre arrivato prima sui palloni alti, forse il tempismo, forse l’elevazione, non lo so. In fase di protezione del pallone e’ stato come costruire un muretto di mattoni intorno alla sfera. Una gioia vederlo spalle alla porta andare incontro a campanili chilometrici o scrollarsi di dosso marcatori troppo timidi.

Mi e’ venuta in mente una chiacchierata fatta con dei tifosi del Leeds qualche tempo fa. Parlando dell’attuale attaccante del Millwall Steve Morison, per un paio d’anni in forza ai bianchi di Elland Road, e’ venuto fuori che il suo soprannome fosse The Shift, cioe’ un giocatore “who puts a shift in”, che lavora, si impegna, corre e sbuffa ma che non sempre traduce in gol tutta questa energia. La definizione si adatta perfettamente a Rhead. I suoi numeri non descrivono un fenomeno da area di rigore, un cannoniere, ma un giocatore al servizio della squadra. Alla fine il calcio e’ un sport dove si gioca, si perde, si vince e si lotta in 11. E Matt Rhead lotta, poco ma sicuro. Se ognuno contribuisse con il suo onesto shift di sicuro i tifosi non avrebbero mai nulla da ridire. La classe non si richiede, l’impegno si esige.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...