La scelta che non ti aspetti

moyesCerte scelte sono difficili da spiegare. Che Slaven Bilic avesse i giorni contati si era capito da un pezzo. Che esonerarlo fosse la cosa giusta da fare è opinabile. Nella sua prima stagione guidò il WHU al settimo posto e in Europa. Purtroppo per lui, e per tutti i tifosi degli Hammers, il 2015/16 fu anche l’ultima ad Upton Park e le difficoltá di adattamento nel nuovo stadio che seguirono sicuramente hanno pesato sul giudizio finale di qualche giorno fa. Gli Hammers lo scorso anno hanno stentato, giocando solo a sprazzi, mostrando spesso una difesa imbarazzante, poche idee e giocatori non proprio concentrati e determinati. Poco è cambiato in questi primi tre mesi della nuova campagna e, come sempre, i proprietari hanno optato per prendere la decisione più comoda e facile, allontanare l’allenatore nonostante la sua passione e il suo attaccamento ai colori che, di questi tempi, non sono poco. Le prestazioni ultimamente erano state talmente deludenti che in molti si erano rassegnati, più che convinti, che un cambiamento, qualsiasi, fosse necessario e che probabilmente un nuovo tecnico avrebbe dato una scossa a tutto l’ambiente.

Sarebbe stato bello filmare la reazione dei giocatori claret&blue all’annuncio del nome del successore di Bilic, David Moyes, dubito che in molti si siano lasciati andare a scene di entusiasmo. Chi scrive sinceramente pensava che mai e poi mai Moyes potesse aspirare ad una panchina di Premier League dopo l’esperienza tragica con il Sunderland.

Certo, non che la colpa del disastro nel Wearside sia solo dell’ex allenatore di Everton e ManU, come si può intuire guardando l’attuale posizione in classifica dei black cats in Championship, ma che in un anno abbia tagliato del tutto le gambe ad un club che si era appena rialzato sulle ginocchia grazie all’approccio no-nonsense di Big Sam è fuori di dubbio. Nelle prime 10 gare della stagione il Sunderland aveva messo insieme appena due punti e a fine stagione le sconfitte erano state 26 su 38 partite, sei le vittorie, 29 i gol segnati. La critica maggiore rivoltagli non è stata sul gioco, che non c’era, o sulle tattiche, primitive, ma sull’approccio completamente negativo, pessimista, piatto, esasperante. Per molti uno dei motivi di una stagione così disastrosa è stato il suo non averci mai creduto. Giá dal suo arrivo aveva spiazzato tutti dicendo che sarebbe stata dura rimanere in EPL e da lì in poi le cose sono andate solo peggio. Incapace di ispirare fiducia, grinta o qualsiasi reazione di carattere, Moyes ha assistito immobile e impassibile al declino della sua squadra per poi dare le dimissioni appena confermata la retrocessione.

Eppure il Sunderland era stato il club che gli aveva ridato la possibilitá di rilanciarsi dopo una parentesi tutt’altro che fortunata in Spagna con la Real Sociedad. Anche lì si erano cercate giustificazioni, l’adattamento, il calcio differente, per capire il perché di un gioco così remissivo, negativo, triste. Dopo tutto a San Sebastian era arrivato dopo essere stato scelto personalmentre da Alex Ferguson alla guida del Manchester United e aver perso il posto solo perché annientato dalla aspettative impossibili di un ambiente che non avrebbe accettato nessuno veramente dopo l’addio dello scozzese. Sunderland, Real Sociedad, ManU, tre fallimenti. Andando a ritroso, resta l’Everton, la panchina su cui Moyes ha costruito la sua reputazione in 11 stagioni.

La più positiva si concluse con il quarto posto del 2004/05, purtroppo per i tifosi dei toffeemen la stessa che terminò con il miracolo di Istanbul sponda Reds. Dopo, solo degli onesti piazzamenti, tra quinto e ottavo posto, senza mai minacciare veramente le top four, senza mai diventare la prima squadra della cittá. Nonostante questo, molti furono pronti a  lodare la sua serietá, il suo calcio senza fronzoli,  il suo fare “miracoli” senza avere grande risorse a disposizione. Lo United doveva essere la sua consacrazione, è stata la sua croce.

Una croce che è passata per i Paesi Baschi, il Nord-Est dell’Inghilterra e che ora è piantata nell’est di Londra. Da un’indagine fatta sul sito della BBC sembra che più del 55% dei tifosi del West Ham pensi che la scelta di Moyes sia quella sbagliata. Non vedo come dar loro torto. Lo scozzese non sembra una figura capace di generare reazioni d’orgoglio nel breve termine, di dare entusiasmo, di caricare un ambiente alla disperata ricerca di un condottiero, di un leader, che faccia uscire giocatori e pubblico da questo momento di grigiore generale per guidarli verso la luce. Sembra un film giávisto, per i sostenitori degli Hammers spero che non si tratti di quello girato la scorsa stagione

Annunci

Tanto per cantare

fansIn questa continua sterilizzazione di tutto ciò che una volta era divertimento negli stadi, questa volta a farne le spese sono un paio di cori. In una sola settimana media, organizzazioni varie, club e, di conseguenza, giocatori si sono pronunciati, o dovuti pronunciare, sulle ultime trovate canore dei fan di Chelsea e Man Utd. Per quanto riguarda i Blues, sotto accusa è finito “Alvaro oh oh, he comes from Real Madrid, he hates the f.ing Yids, Alvaro oh oh…”. Vedere Antonio Conte che in conferenza stampa si impappina per chiedere lo stop del coro è sinceramente eccessivo (Morata probabilmente neanche lo ha capito lì per lì). Ora, se è vero che Yid può essere usato in senso dispregiativo per riferirsi a persone di origini ebraica, è anche vero che i tifosi del Tottenham, a cui quelli del Chelsea si riferiscono con queste parole, avevano usato questo nomignolo come marchio di fabbrica, identificandosi da tempo immemore come Yid Army. Io credo che alla maggior parte dei sostenitori degli Spurs quel coro non abbia fatto nè caldo nè freddo, se mai lo avessero notato è stato solo in quanto una novità nel repertorio dei “nemici” e per la rima quasi baciata servita su un piatto d’argento dalla provenienza del loro ultimo acquisto. Qualcuno ci ha voluto vedere l’intento razzista, antisemita, che per me è a dir poco forzato. Per non parlare dello scalpore destato dall’altro coro, questa volta opera dei tifosi del Manchester Utd, che per fortuna Mourinho ha detto di non aver sentito o capito per non apparire ridicolo. In questo caso i pochi versi messi insieme non sono mirati ad offendere un avversario (l’aggiunta di f.ing nell’altro caso non lascia dubbi) ma ad incitare uno dei propri beniamini, quel Lukaku che ha iniziato la stagione come meglio non avrebbe potuto. In questo clima di euforia che a OT mancava da qualche anno, questi “bricconi” dei sostenitori dello United si sono lasciati prendere la mano magari in un pub prima della partita e pensando di sdrammatizzare e inventare una canzone divertente (e lo è a giudicare dalle risate che si sentono dai video caricati su youtube) hanno avuto la temerarietà di usare uno degli stereotipi più vecchi del pianeta riferito alle persone di colore, quello relativo alla loro presunta, esagerata, virilità. Le terribili parole incriminate: “Oh Romalu Lukaku, he is our Belgian scoring genius, with a 24 inch penis, scoring all our goals, bellend by his toes, oh Romalu Lukaku..” Anche qui, levata di scudi di associazioni per la lotta al razzismo e richiesta ufficiale di fermare queste intollerabili parole. Lukaku ha dovuto chiedere ai suoi fan di piantarla ma sicuro qualche seria risata se l’è fatta e magari ne andava anche fiero, bisognerebbe chiederglielo in privato. E così si continua, niente cori, niente bandiere (la Union Jack più di una volta è stata dichiarata offensiva perché irrispettosa delle minoranze), niente fumo, niente alcol, niente standing. Uno allo stadio andava anche per lasciarsi un po’ andare, per urlare, per sfogarsi e per divertirsi. Potevano uscire insulti e accidenti di ogni tipo mai veramente pensati e voluti ma era tutto parte di una atmosfera vera, spontanea, difficilmente cattiva. Non è rimasto nulla, almeno nelle divisioni di vertice. Prezzi assurdi, regole assurde, divieti assurdi, musica assurda. Mi vengono in mente le parole di John Boynton Priestley, ma forse all’epoca la working class che riempiva gli stadi era diversa e si scandalizzava di meno.

“(Watching football) It turned you into a member of a new community, all brothers together for an hour and a half, for not only had you escaped from the clanking machinery of this lesser life, from work, wages, rent, doles, sick pay, insurance cards, nagging wives, ailing children, bad bosses, idle workmen, but you had escaped with most of your neighbours, with half the town, and there you were cheering together, thumping one another on the shoulders, swapping judgments like lords of the earth, having pushed away through a turnstile into another and altogether more splendid kind of life”

Giocare con il sorriso

L’ultima giornata di Premier League 2016/17 ha coinciso anche con il Non League Finals Day, la giornata in cui si giocano le finali di FA Vase e FA Trophy a Wembley, una alle 12.15 e una alle 16.15. Da questa giornata prendo due storie, due profili per chiudere la stagione.

La prima è quella di Julio Arca. Arrivato dall’Argentinos Juniors 19nne non tardò molto a diventare un beniamino dei tifosi del Sunderland segnando nella gara del suo debutto contro il West Ham. A lui è dedicato il coro Julio sulle note di Gold degli Spandau Ballet. Con i Black Cats rimase fino al 2006 quando, in seguito ad una della tante retrocessioni, passò al Middlesbrough. In Teesside rimase fino al 2013 quando decise di ritirarsi, al termine del suo contratto, causa un infortunio al piede che da anni lo martoriava e che non poteva più tenere sotto controllo grazie ai sedativi.

The end.

Niente affatto. Julio decide di non tornare in Argentina, alla fine il North East è ormai casa per lui e la sua famiglia. Non gioca ma il calcio gli manca. Sente che il piede fa meno male. Un giorno un amico gli chiede se vuole tirare due calci al pallone con la squadra del suo pub, il Willow Pond FC. Julio dice di sì, ama troppo questo sport, l’essere parte di una squadra, la palla, il pub dopo la partita, forse un po’ meno, a questo livello, gli spogliatoi, i campi e i tackle in cerca di facile fama. “I started playing for a Sunday League team, a pub in Sunderland, just for fun. I’ve lived here for a long time and it was a friend’s team. I didn’t think it was a big deal, but people were surprised. Why? I don’t know. If they were like me they would want to play on too. It was never about money for me, not even as a kid in Argentina, it was love. I have been so lucky to do something I love and I always said, I would have played for nothing.”

Non tarda molto che le sue prestazioni attirano l’attenzione di Graham Fenton, allenatore del South Shields, una società dilettantistica con piani ambiziosi. Julio non ci pensa su neanche un minuto, si butta in questa nuova avventura e nella sua prima stagione i Mariners vincono  la Northern League Division Two mentre nel 2016-17 arrivano Northern League, Durham Challenge Cup e Northern League Challenge Cup. Non solo. Il South Shields si qualifica per la finale dell’FA Vase a Wembley .Da un’intervista al Telegraph:  “When I came to England, it was the dream, to play at Wembley. Everyone in Argentina knows about Wembley and, yes, we do call it the home of football. I might have had a chance with Sunderland or Middlesbrough, I thought, one day, that I would get to a final or semi-final. But it never happened and I suppose it is one of those things, dreams do not always come true, but South Shields have made it come true. It will be very special. I will think of the boy who dreamed of this happening. Maybe I will have to pinch myself, it is an experience I cannot wait for. Now we have to win it.”

And they did win it, anche bene, un 4-0 che non ammette repliche davanti a 12mila fedelissimi scesi a Londra per l’occasione di una vita. Nel programma c’erano delle interviste a dei volontari dei quattro club impegnati nelle due finali. Alla domanda su chi fosse il loro giocatore preferito quello del South Shields ha risposto: “It has to be Julio. A lot of players drop down the leagues and it’s like they are just here for a game of football. Julio is completely different, he has inspired a lot of the guys in the dressing room and he has put 500 on the gate overnight too.”

Il contratto per l’anno prossimo dovrebbe essere assicurato, che la favola continui.

Il secondo giocatore su cui volevo soffermarmi è Peter Crouch. Per molti un lungagnone buono solo per prenderla di testa quando si è alla disperata ricerca di un gol e si buttano le palle in avanti alla cieca. Eppure è solo il 26mo giocatore ad aver superato quota 100 in Premier League (ed il primo a farne 50 di testa) e con la nazionale i centri sono 22 in 42 partite. Crouchy non si è mai preso troppo sul serio, nonostante la carriera, i successi e la moglie che in molti gli invidiano. Io stesso quando lo vidi per la prima volta dal vivo, credo con il QPR, non pensai che potesse avere un gran futuro. E invece a 37 anni non pensa proprio ad appendere gli scarpini al chiodo (dal Mirror on line): “I know I can still play in the Premier League for a number of years. The first thing to go as a player is pace, but it is fair to say I never had a great deal of that so my game has never revolved around it. I have other attributes and I don’t think those other attributes are waning any time soon. I am not going to lose what I bring to the table. I know I can play at this level for a number of years. The thought of not doing it every day does worry me, to be honest. It is that fear that has made me so hungry this season. When you become older you appreciate it more, you appreciate just how good what we do for a living is.”

Anche i tifosi dell’Inghilterra dovettero cambiare atteggiamento. Dai fischi iniziali passarono a considerarlo uno di loro, complice la Robot Dance che fece il giro del mondo dopo uno dei suoi gol con i tre leoni sul petto. In tutti i club dov’è stato (una decina in tutto) non credo ci sia nessuno che ne parli male o che non si sia ricreduto sulla sua abilità, soprattutto con i piedi. Nell’ultima partita del campionato appena concluso, dove ha segnato l’unico gol dei 90 minuti, ha mantenuto la promessa fatta ad un tifoso dello Stoke che voleva la sua maglia. Il patto era che lo sventurato dovesse presentarsi vestito in costume (slip) e maschera da sub al St Mary.Promessa mantenuta. A fine partita Crouchy lo è andato a cercare sugli spalti e i due si sono fatti una sana risata insieme. Speriamo ce ne siano ancora molte altre.

Notizie dall’estero

artQualche giorno fa un titolo della Rosa più amata d’Italia ha colpito la mia attenzione. Watford pazza di Mazzarri. È curioso vedere come fatti e notizie di queste parti vengano riportati in Italia. Di solito, soprattutto se si tratta di club meno famosi, si usano frasi ad effetto, senza preoccuparsi troppo della veridicitá di quanto scritto. È accaduto con lo stadio del Millwall, con i dissidi interni dell’FCUM, con la gestione del Leyton Orient, ora con il Watford e Mazzarri. Tanto chi controlla. Ci provo io.

Mi siedo con Matt, tifoso trentenne e abbonato degli Hornets, e lo interrogo.

“Pazzi di Mazzarri? Non proprio, diciamo che con le due vittorie contro Arsenal, del tutto inaspettata, e Burnley, ha guadagnato del tempo ma in molti giá avevano cominciato a mugugnare e lo avrebbero volentieri salutato. La giuria è ancora divisa. A volte sembra troppo rigido nelle sue scelte tecniche, non cambia mai l’approccio di una gara, mai. Da una parte lo ammiri, pensi sia convinto delle proprie ide e voglia giocarsela con tutti, dall’altra pensi che sia matto come nella partita di Liverpool dove abbiamo preso sei gol ma potevano essere molti di più. Era chiaro da subito che le cose non stavano funzionando ma ha continuato per la sua strada, senza cambiare o cercare di coprirsi. Poi va all’Emirates e indovina la gara perfetta, azzecca ogni mossa tattica.

Peró i dubbi che lo riguardano non sono tanto relativi alle sue capacitá tecniche, quanto umane. Il suo rifiuto di parlare inglese o di interagire con i tifosi in qualsiasi modo stona con la immagine di family club che abbiamo. Mai una parola, un saluto, un gesto. Di certo non fa nulla per restare simpatico.

Poi vero, non è stato fortunato con gli infortune e con i rincalzi. Ma anche il mercato lascia perplessi, arrivano decine di giocatori mai sentiti e ripartono, spesso mediocri. Un continuo via-vai, difficile anche per noi affezionarci ad un giocatore, Deeney e Gomes a parte che fanno anche moltissime cose nel sociale. Mi rendo contro che è il modello Pozzo ma la nostra academy era il fiore all’occhiello del club ed ora praticamente non esiste. Si preferisce comprare piuttosto che far crescere. E mi dispiace per l’Udinese che è diventato una specie di feeder club. Noi dovremmo fare lo stesso, mandare giovani a maturare in Serie A ma non lo facciamo.

Poi certo, lo stadio è finito, il nuovo megastore fa la sua figura, è indubbio che abbiano investito nel club ma ti ripeto, un po’ più di attenzione nei confronti dei tifosi non sarebbe male.”

Allo stesso tempo vale la pena notare come tutti gli amici primaverili di Claudio Ranieri siano svaniti in questi ultimi mesi invernali. Non è la prima volta che l’allenatore romano ha problemi nella seconda stagione in carica ma l’anno scorso nessuno ha guardato oltre e nessuno si è guardato indietro. Il Leicester vero è, probabilmente, quello del 2014/15 e del 2016/17. In mezzo un’annata talmente pazza che sará difficile da raccontare. Troppa ghiotta però l’occasione di scrivere articoli e libri sull’imperatore Claudio, organizzare gruppi sui social media, infilarsi nella festa dei tifosi delle Foxes, premiarlo in tutti i modi in ogni dove. Un tecnico preparato e un’ottima persona dimenticato e a volte quasi deriso per aver vinto poco nella sua carriera all’improvviso oggetto di una attenzione mediatica globale con tanto di viaggi di pseudo giornalisti a Testaccio alla ricerca di amici o vicini di casa pronti a recitare le solite banalitá. Tutto finito, le luci del palcoscenico si sono spente, le news parlano di crisi inspiegabile, di fronde, di rapporto spezzato con la squadra. Nessuno ora gli è vicino, meno che mai in Italia dove si preparano titoli gonfi di finto stupore dovesse il Leicester scendere in Championship. A prescindere dalla permanenza del City in Premier e dal suo contratto di quattro anni, forse Ranieri non supererá l’estate alla guida della squadra che ha condotto al trionfo. Per quel che mi riguarda non cambia nulla, continuerá ad essere un’ottima persona e un tecnico preparato, solamente con un titolo in più nel suo CV.

Resistenza

js62348145I Russi, gli Arabi, gli Americani….i Cinesi. Non potevano mancare. Il calcio inglese va di moda, per tutte le ragioni più sbagliate. Orari cambiati per favorire le esigenze del mercato asiatico, colori sociali e nomi mutati per compiacere nuovi proprietari tanto arroganti quanto ignoranti, giocatori tesserati in base al loro valore sui social media in terre lontane piuttosto che al loro valore sul campo. La marea rossa si è già portata via WBA, Villa, parte del Man City, Birmingham City, Wolves. Sembrava inarrestabile fino a quando è arrivata sulle sponde del Tees.

Passo indietro. Prima giornata del campionato di Premier League 1996/97. Al Riverside, nuovo stadio del Middlesbrough FC, si affrontano la squadra di casa ed il Liverpool, il risultato finale è un avvincente 3-3. Nelle fila del Boro figurano nomi come quelli di Juninho e Fabrizio Ravanelli, professionisti che in epoca pre-Premier League non si sarebbero avvicinati in questa parte d’Inghilterra nemmeno in esilio forzato. Ma è un nuovo mondo. Le possibilità economiche sono cambiate, le rotte del calciomercato cominciano ad invertirsi. L’artefice della rinascita del Middlesbrough è un self-made millionaire, Steve Gibson.

Gibson era direttore del club a 26 anni e diventa presidente nel 1994 (a 36) ma è tifoso del Boro da sempre. Aveva salvato il club quando al vecchio Ayresome Park avevano già messo i lucchetti ai cancelli e stava per scomparire mentre languiva in Third Division. Nel 1995 il Boro invece lascia il vecchio, fatiscente, storico, impianto che occupava dal 1903 e si sposta nel nuovo Riverside, 30 mila posti a sedere. L’allenatore è Bryan Robson, l’ex Captain Marvel ha carisma e prestigio e il suo nome riesce ad attrarre attenzione e a chiudere contratti famosi. Il Boro comincia ad essere conosciuto in Europa e nel mondo. Negli  anni a seguire retrocede, si rialza,  arriva in finali di coppa, domestiche ed europee, quasi sempre perse, una vinta.

20 anni dopo Steve Gibson è sempre un self-made millionaire, ma per la Premier di oggi serve cambiare una vocale, la prima, serve essere un billionaire se si vuole lottare per il vertice, Leicester docet. Con la sua fortuna stimata intorno ai 165m, Gibson e il Boro non possono competere con sceicchi e fondi di investimento. Si fa quel che si può avendo a cuore i tifosi, la città e il futuro del club. Un legame che non si rompe, a prova di speculazioni e ciniche offerte. La settimana scorsa, Chien Lee, che già possiede il Nizza in Ligue 1 e ha provato in passato a compare l’Hull City, ha visto la sua offerta di 50m per il 50% del club rispedita al mittente. Gibson si è detto interessato a potenziali accordi commerciali ma non alla cessione della squadra che tifa da quando è bambino.

Con lui al timone probabilmente il Middlesbrough non potrà tesserare campioni o vincere trofei come accaduto in passato ma conserverà qualcosa di più importante. Dignità e identità. Due cose che i Cinesi ancora non hanno imparato a imitare.

Allenatore e gentiluomo

3500C’è una cosa che forse è peggiore del dimenticare, il ricordare solo quello che fa comodo. La notizia della scomparsa di Graham Taylor ha generato due tipi di reazioni. Da una parte quella di coloro che non sono mai andati oltre la delusione della mancata qualificazione ai Mondiali del 1994. Dall’altra quella delle persone che hanno sempre pensato che Taylor fosse un gentiluomo ma che hanno aspettato la sua morte per ricordarlo al mondo del calcio inglese. Forse solo i tifosi del Watford si sono lasciati ad andare ad un tributo spontaneo di amore assoluto e stima incondizionata.

Graham Taylor è stato semplicemente un grande uomo di calcio, sarebbe ora di ricordarlo come tale. Figlio di un giornalista sportivo, cresce tifando Scunthorpe. Una breve e onesta carriera da giocatore di provincia  tra le fila di Grimsby e Lincoln prima che un infortunio gliela tagli corta. Nel 1972 siede sulla panchina degli Imps, a 28 anni. Nel 1976 vince il titolo dell’allora Fourth Division. Il successo gli vale un contratto con il Watford, all’epoca una proposta tutt’altro che irrinunciabile. Il club milita nella stessa divisione da cui ha appena tirato fuori il Lincoln ma è la curiosità e l’entusiasmo generati dal neo presidente del club a convincerlo. Sir Elton John nel 1976 infatti compra la società per cui ha sempre tifato e, seguendo il consiglio di un altro dimenticato del calcio, Don Revie, convince Taylor a rifiutare altre offerte e cominciare con lui l’avventura al Vicarage Road. Da un’intervista a Taylor al Guardian del 2006: “In 1976 I was manager of Lincoln City when Don Revie, the England coach, called saying he’d recommended me to a new chairman. I was thinking: ‘Blimey, which top club is this?’ When he told me it was Elton John at Watford my heart sank. They were in the bottom division. I thought: ‘Rock star in charge of a Fourth Division club. This is crazy!’ But Elton invited me to his house in Windsor and said he wanted to take the club into Europe. I said I didn’t think he’d see any change from a million pounds, which back then was a lot of money. He just said: ‘Right, we’ll give it a go.’ Six years later, when we got into Europe, he worked out that he’d spent £790,000.” In cinque anni the Hornets arrivano nella massima serie finendo secondi dietro al Liverpool di Bob Paisley nella stagione 1982-83. L’anno dopo giocano in Coppa Uefa e giungono alla finale di FA Cup persa contro l’altra formazione del Merseyside, l’Everton. Nel 1987 decide di cambiare aria e accetta la sfida dell’Aston Villa, un club campione d’Europa solo nel 1982, appena retrocesso. Promozione al primo tentativo e di nuovo secondo posto alla sua terza stagione. Il miracolo questa volta viene notato in alto. La FA decide di rimpiazzare Bobby Robson, altro gentiluomo maltrattato dai media prima della resurrezione italiana firmata Platt e Gascoigne, proprio con Graham Taylor. All’epoca si vedevano e giudicavano i risultati. Non c’era questa attenzione morbosa alle tattiche, allo stile di gioco. Non c’erano tutti questi puristi del bel gioco, questi strateghi da divano, questi amanti del possesso palla, del pressing, dei passaggi corti, del Barcellona e di Guardiola. Per molti Taylor pagherà il non essere stato all’altezza, come se dal 1966 in poi ci fosse l’imbarazzo della scelta per eleggere il CT più valido. Gli si rinfaccia un gioco diretto, troppo semplice, con palle lunghe e basato su velocità e prestanza fisica, come se fossero doti inutili. Sarà sbeffeggiato e ridicolizzato per colpa del documentario che lui stesso, ingenuamente, aveva autorizzato. Sull’onda dell’ottimismo generato da Italia 90 i produttori di An impossible job (meglio conosciuto come Do I not like that) avevano avuto accesso completo alla squadra durante le qualificazioni al mondiali del 1994. Il tragico (sportivamente parlando) epilogo non era stato preso in considerazione. Ma anche nella partita più sfortunata di tutte, con un arbitraggio a sfavore ridicolo, Taylor riuscì a mantenere la dignità dell’uomo per bene, suscitando quasi tenerezza. La campagna denigratoria dei tabloid che seguì quella partita e quel girone di qualificazione fu talmente forte, cattiva, ingiusta, che in pochi avrebbero avuto la forza di riprendersi. E non solo Taylor continuò ad allenare, Wolves e di nuovo Villa e Watford di cui divenne anche presidente, ma anche ad offrire, come pundit, semplici perle di saggezza da uomo di campo e di panchina a chiunque lo volesse ascoltare. Giù il cappello.

United ma non troppo

scarfPer Jose Mourinho l’Old Trafford è veramente il Teatro dei Sogni. Peggiori. Era dal 1990 che lo United non chiudeva quattro partite consecutive in casa senza vittorie e dopo 13 giornate il tecnico portoghese si ritrova con due punti in meno di David Moyes allo stesso punto della stagione. Che lo scozzese non fosse all’altezza del ManU post Ferguson è una possibilitá ma che sia stato trattato in modo fin troppo severo da media, tifosi e societá stessa è una certezza.

Con la classe del 92 ormai interessata più alle sorti del Salford City che del Manchester United, si è spenta definitivamente quella luce, quel faro, che per anni aveva guidato la squadra dall’interno. Non che il club non produca o recluti più giovani talenti ma di sicuro nessuno del livello di quel gruppo che per anni si è imposto sui campi di mezza Europa. Anche le campagne acquisti degli ultimi anni hanno lasciato molto a desiderare, pur tenendo conto della assenza quasi totale di giocatori di qualitá nel panorama domestico ed internazionale, e i motivi possono essere diversi: primo, la timidezza del nuovo tecnico, arrivato con il suo staff, grave errore di valutazione, e non pronto a fare delle scelte radicali. La societá dal canto suo non aveva interpretato per bene i segnali di Sir Alex, che aveva deciso di lasciare dopo aver spremuto le ultime gocce di sangue e sudore a un gruppo di persone che semplicemente non potevano farlo andare in pensione con il City campione in carica. Se Aguero non avesse segnato quel famoso gol contro il QPR forse Ferguson avrebbe lasciato prima e non avrebbe esaurito le ultime risorse di energia rimaste nel serbatoio della squadra. Secondo, l’arroganza di LVG, profeta del calcio totale sulla via del tramonto, un uomo chiamato genio per aver cambiato un portiere prima dei calci di rigore di una gara dei quarti di finale dei mondiali. Con lui la famiglia Glazer ha avuto l’approccio contrario rispetto a Moyes a cui era stato concesso l’acquisto di Fellaini e poco altro. Davanti a un mostro sacro come Van Gaal e all’ipotesi di fallire ancora, non sono stati lesinati fondi per portare all’OT una manciata di giocatori sopravvalutati, il cui unico criterio di scelta è stato il panico. Herrera (£29M), Shaw (30), Rojo (20), Blind (14), Di Maria (59.7!) più la conferma del prestito di Falcao (6). Al termine della prima stagione si sono aggiunti Depay, Darmian, Romero, Schneiderlin, Schweinsteiger e Martial: risultato? Eliminati in Champions nella fase a gironi e quinto posto. La FA Cup, portata a sua difesa dal tecnico olandese, purtroppo per lui, non è un trofeo riconosciuto dai padroni americani e di conseguenza non è bastata a salvargli il posto di lavoro.

Arrivati quindi all’estate 2016, le condizioni erano perfette per l’arrivo di un salvatore, di un tecnico dal tocco magico, vincente, di uno tra i più intelligenti, esperti, preparati e pieni di sé della storia del calcio. Era il lavoro perfetto, un’occasione di carriera più unica che rara. Rivitalizzare un  grande club, uno dei più grandi al mondo, con una rosa comunque decente,  con fondi a disposizione, dopo tre anni di delusioni (che da quelle parti sono come 30 anni per altri comuni mortali).

Mourinho arrivava con il suo orgoglio ferito. Il secondo esonero targato Abramovich bruciava, le polemiche con la squadra, lo staff, i media lo avevano indispettito. Anche al Real Madrid, nonostante i suoi tentativi di mascherare la sua esperienza da successo, in molti gli rimproveravano l’aver costruito una situazione di tensione perenne non gradevole, un ambiente avvelenato e soprattutto di non aver vinto la Champions, cosa riuscita piuttosto agevolmente poi ai suoi due successori. Il suo essere aggressivo, il suo cercare il confronto e le polemiche con tutti, il suo creare questo clima di “noi contro tutti” aveva funzionato poco e stancato molto anche perché i suoi continui attacchi contro federazioni, leghe e loro relativi presunti complotti, arrivavano mentre alla guida di club di primissima fascia.

Eppure, nonostante, le condizioni ideali per imporre la sua personalitá e il suo stile, Mourinho ha finora confermato alcuni segnali che giá si erano colti e che in molti associano al principio di un possibile declino. La forza che tutti hanno sempre riconosciuto al tecnico portoghese è la capacitá di creare uno spirito di squadra incredibile. Porto, Chelsea parte 1, Inter: il giorno del suo addio si sono visti giocatori grandi e grossi in lacrime, persi. Una figura quasi paterna che aveva fatto da scudo, da parafulmine, contro tutto e tutti aveva deciso di andare via. Ogni polemica o critica diretta alla squadra si era infranta contro la diga che Josè aveva creato tra i suoi ragazzi ed il mondo interno.

Ma al Bernabeu non è stato così, c’ è chi parla di tappi di champagne che sono saltati dopo la sua ultima partita (non è un segreto che con alcuni giocatori, anche portoghesi, non andasse troppo d’accordo) , come non lo è stato nella sua seconda esperienza a Stamford Bridge, dove, in una rosa orfana della vecchia guardia, Terry a parte, si erano create delle barriere talmente grandi che alla fine il suo addio è stato inevitabile. Che la squadra non giocasse più per il suo allenatore è stato uno shock, soprattutto considerando chi fosse l’allenatore. Ma l’approccio con lo United adesso sembra essere lo stesso. Mourinho ha smesso di essere scudo, ha smesso di difendere a spada tratta tutti i suoi giocatori. Se ora pensa che un giocatore ha sbagliato lo dice e non nello spogliatoio ma durante le interviste del dopopartita. Sembra quasi che voglia proteggere il proprio prestigio e il proprio CV. Finiti i tempi in cui era il solo responsabile, nel bene e nel male. Forse sono i giocatori che non lo meritano più, una nuova generazione di ingrati, egoisti, accattoni di facili consensi sui vari social media.

Si mormora che non sia più quello di una volta ma, forse, è semplicemente cambiato. Più maturo, più saggio, più cinico. Meno special, più selfish.