Panenka

logoweb5-300x71Having been an avid reader of all British football magazines I could find in the past, I was more than disillusioned with what I was able to find on the shelves of your average news shop in UK in recent years. I know things are changing now with a few more titles but I was really surprised when I first glanced at a copy of Panenka, a football mag made in Spain, in Barcelona actually. The whole thing is just a top quality product, from the paper they use, to the photos, from the people they decide to interview, to the questions they ask. What is more astonishing, considering it’s Spain we are talking about, the eternal Real Madrid/Barcelona extra boring debate dominating any sport media, is the variety of topics they cover. And they do not limit their research to football, they tell you the whole story touching all aspects of a certain club, player, city or country. Some of the reportages are just great. I take my hat off to them. I know people in other countries are trying to emulate them. Good luck. Below are a few questions I asked to their chief editor-director, Aitor Lagunas.

When did you start Panenka and why? Did you miss quality football writing?

We started at the beginning of 2011. Initially it was a little more than an idea shared during a pub conversation but then we started giving more thought and decided that it was worth a try. It was not the ideal scenario all around as we were in the middle of the worst economic crisis ever seen added to the long term suffering of journalism in Spain. But at the same time, for the same reason, we had very little to lose. And note, it was not the case of missing quality sport journalism as you have always had different styles and forms but probably we did miss this kind of format, a proper monthly magazine about football culture. Something that already existed in the rest of Europe but for whatever reason not in Spain yet. We simply thought of what we would have liked to read and were not able to find.

Why Panenka? Was he honoured when you told him you were going to name a magazine after him?

More than the player and his penalty skills what we figured out was unique about him was his spirit, what he stood for: controversial, maverick, different, brave. And we shared with him all these attributes. When I met him face to face I also found out he did not care that much about his penalty kick in the 1976 Euro final. This humble and distant look of self-transcendence seems right for our magazine: we don’t want to create an elitist product and we don’t want to teach lessons to anyone about anything.

Do you think there are a lot of people tired of football as highlighted on AS, Marca etc, tired of the “chiringuito” culture?

I don’t think people are tired but maybe a bit more critical and not just towards traditional media but Journalism in general, ourselves included. Nowadays the average reader is more analytical, he knows what’s the focus, the angle of each media and can rely on the help of social media to spread his criticism and prove his point. All this should work as a spur to the whole of journalism and generate overall better practice by all media involved but maybe I’m getting over optimistic.

Why do you think there are not many football magazines anymore and actually the ones which exist nowadays are quite expensive products?

Spain has never seen the birth of many magazines with the exception of gossip mags. Soon after the fall of the dictatorship and the passage to democracy we had many political and generalist magazines but then they started disappearing. As far as football mags are concerned I think it had something to do with the availability of many new TV and radio channels and digital media which are part of the football world now. Nonetheless football culture is an important niche and it’s getting more popular in all newsagent shops in Europe. In Spain you did not have something similar to the French SoFoot or the German 11Freunde before we hit the shelves with Panenka. With some delay we are trying to emulate this new European trend of a more laid back kind of journalism, non-political and with a global approach to such a complicated phenomenon as football is. It’s not just a sport, it’s economy, history, politics, sociology, culture…

Is the internet killing the traditional print media?

This is the question journalism is asking itself in the last two decades. I think traditional media will need to modify their approach with the present, with what is happening now. It doesn’t make sense trying to compete with a live update channel such as internet. If you don’t add value, if you don’t concentrate on alternative ways to enrich the content and its interpretation then surviving will be hard. But this does not mean less journalism, actually it’s the opposite. A more professional approach will be needed in order to follow different topics, far from the daily news, with different contacts and competencies in all available format and channels.

How do you cope in a country like Spain which is self-obsessed with its own football and especially two clubs?

True, at the moment the two most global and important clubs in the world play in the Spanish league. However I think the attitude of our traditional media tends to overrate their importance among the Spanish fanbase. According to a recent survey, 63% of Spanish people interested in football support either Real Madrid or Barcelona but that left a good 37% supporting other clubs. If we look at how much time the media devote to these clubs, almost surely it will be less than this 37%. It is a vicious circle, obviously. The less you talk about these clubs the more difficult it is for kids to follow a club which is not Barcelona or Real Madrid who monopolize the attention of the media. We understand the global role of these two clubs but we try to detach from it, from this media hype. Also it helps us we focus on international football rather than Spanish.

I think your magazine is great because it covers stories from all around the world and at all levels? How do you pick the ones you want to focus on?

Quite simply we look for the topics more relevant from a journalistic point of view regardless of where they happened, when and who was involved.

Your style seems to be long, interesting, interviews and researching topics beyond football, is it something you agree on with your colleagues or is it something spontaneous?

It’s pretty much spontaneous. I think all the professionals forming our editorial staff plus all the people who have contributed in these initial 47 issues of Panenka share the same view on football, far from the gossip, the breaking news and mainstream information or personal biases.

“Football is culture” do you agree with this statement? Do you think is true in Spain?

Is all cinema culture? All music? All tv programmes, books or paintings? No, I think each one of these elements can become culture but it would be a bit risky to affirm categorically that they all are. The same goes with football, in Spain or in any other country: it can become culture. What is new is that in Spain in the past this possibility was denied, football was not underrated in this context while at the moment it seems the interest is raising.

“Football is nothing without fans”, do you agree with this statement?

Of course. The social aspect of football is essential to understand how it developed in a such a global and popular sport. If this changes, football will lose interest. Unfortunately we are living through a period of economic liberalism which affects football at its highest level. From the mafia system within FIFA to the appearances of oligarchs, from the agents to the hedge funds, football has been affected by the worst vices of this kind of turbo-capitalism. And at the same time fans seem to have less importance, relegated to a more passive customer role.

Can you tell me one interview you enjoyed more than others?

There are not many profiles in football who are available to talk freely about anything. Players and managers are used to a very comfy environment where you have fewer and fewer press conferences and interviews so that they do not have to talk about topics they prefer to avoid and do not have to reply to questions. It’s a shame. Clubs, sponsors, agents and players use the media as PR agencies and in doing so they detach us from what it really is journalism. Also, the other challenge is actually finding players that have something to say. Among these I would say the interview with Javier Mascherano was great as we managed to avoid chats around the usual football stereotypes.

Annunci

Uomini e numeri

scoutsAvendo finito di leggere da poco sia The Numbers Game (D. Sally, C. Anderson) che The Nowhere men (M. Calvin), entrambi ottimi libri che consiglio, mi ritrovo di nuovo a riflettere sull’impiego della statistica nel calcio. La premessa da fare è una. Io mi reputo un appassionato di calcio, un tifoso, una persona che bada molto alla passione e poco ai trofei, che vive questo sport come un eccezionale veicolo per fare amicizia, che cerca in una partita onestà, sudore e impegno con poca attenzione all’aspetto tecnico tattico. Eppure da 10 anni lavoro per una società che si occupa di statistiche, sportive in generale e calcistiche in particolare. Quindi il dubbio in questione, quello riacceso dalla lettura di questi due volumi, non è un giorno che me lo sono posto. Per una persona innamorata del calcio, delle sue tradizioni e delle sue leggende, c’è posto per dati, numeri, tabelle e formule matematiche? Assolutamente sì.

Chi tra i professionisti liquida il discorso dicendo che sono sufficienti i propri occhi e quelli dei più fidati collaboratori è rimasto ancorato al passato in modo preoccupante e difficilmente potrà avere un futuro. Non sono pochi quelli che pensano che il calcio non sia uno sport a cui poter applicare in modo efficace un modello di studio statistico. Gli sport americani, con molte pause e flussi di gioco piuttosto fissi e schematici, sono reputati molto più adatti. Nel calcio si può andare avanti parecchio senza interruzioni e senza che succeda nulla, le invenzioni e le doti tecniche individuali possono rendere assolutamente imprevedibile qualsiasi azione di gioco. Affidarsi a delle rigide formule matematiche appare a molti una inutile perdita di tempo. Dall’altra parte c’è invece chi reputa il vecchio modello basato sui rapporti, scritti o orali, di scout e osservatori, un residuo di un’epoca che non esiste più, un modo totalmente basato su criteri di valutazione soggettiva ormai non proponibili in uno sport che è diventato a tutti gli effetti un business miliardario e che non può lasciare nulla, o solo il minimo, al caso.

A molta gente verrà in mente la scena del fim Moneyball (in Italia uscito come L’arte di vincere) in cui l’allenatore degli Oakland A’s Billy Beane, intepretato da Brad Pitt, decide di scaricare tutti i suoi scout, colpevoli di non saper cambiare metodo di ricerca e di adattarlo ad un budget nettamente inferiore rispetto a quello delle squadre più grandi. Il libro, prima del film, è una specie di bibbia per chiunque crede di poter trovare aiuto nei numeri. Ed il succo del discorso è proprio questo. Non si tratta di mandare in pensione tutte le persone che per una vita sono andate alla ricerca di giovani e sconosciuti talenti, facendo migliaia di km e immagazzinando milioni di informazioni. E non si tratta di stare davanti ad un computer a vedersi sfilare davanti sequenze infinite di numeri che da soli dicono poco o niente. Entrambi i metodi hanno un motivo di esistere. Per quanto riguarda l’esperienza diretta, sarà sempre importante perchè solo ad occhio nudo si può vedere come si comporta un giocatore in campo quando la palla è lontana, le corse che fa senza il pallone, il grado di concentrazione che conserva, gli ordini che impartisce ai compagni. E anche qualora fosse senza difetti in campo, bisogna sempre vedere che tipo di persona è, statistiche oggettive sul modo di essere di un giovane calciatore non esistono.

Ciò che esiste invece è ormai una valanga di analisi tecnico-tattiche e fisiche di ogni giocatore che meriti un minimo di attenzione. Ogni tocco palla, ogni metro che percorre è monitorato, misurato, pesato. Il problema è saper usare queste informazioni, avere le capacità per farlo e l’esperienza giusta che nel calcio solo ora comincia a formarsi mentre in molti altri sport è già pluriennale. Una volta però trovata la chiave di lettura, la base di riferimento, il contorno, tutti questi dati possono dare informazioni essenziali, possono dare un vantaggio, forse piccolo ma spesso determinante, nella vittoria di un trofeo o nella scoperta del prossimo campione.

statsIl calcio è, purtroppo, diventato un’industria altamente competitiva, soprattutto ad un certo livello. In qualsiasi campo, per avere la meglio sui propri concorrenti, si studia di tutto, qualsiasi mezzo, senza potersi permettere di lasciare alcunchè di intentato. Il rifiuto a priori delle informazioni che possono derivare da un’attenta analisi oggettiva delle informazioni relative alle prestazioni dei singoli atleti sembra una decisione irresponsabile. In un mondo globalizzato come quello di oggi, i club si vedono arrivare migliaia di email, clip, dvd, da parte di agenti, veri o presunti, genitori, amici e conoscenti. Ognuno parla di un talento speciale, ognuno cerca di guadagnare qualcosa da questa tratta degli schiavi del secondo millennio (perchè a parte i pochi casi a lieto fine di questo si tratta). Moltissime squadre vogliono seguire quello che è ormai conosciuto come “modello Udinese”, cioè concentrarsi su peasi poveri o in via di sviluppo dove scoprire nuovi campioni per poi rivenderli al miglior offerente generando plusvalenze milionarie. Non si possono avere occhi ovunque, non si possono considerare tutte le proposte. L’avere un metodo di analisi, dei parametri di riferimento, degli algoritmi creati da persone che sanno maneggiare e leggere dati, permette di ridurre in modo incredibile un possibile immenso spreco di energie e denaro. Non si prenderanno in esame i numeri di una partita, chiunque può essere re per una notte, ma di una stagione, o tre o cinque. In quell’arco di tempo i numeri non mentono, se ci si aspetta che un giocatore in in certo ruolo, ad una certa età, riesca ad offire un certo rendimento in termini di precisione nei passaggi, tiri, anticipi, recuperi, contrasti, ecco che avere un metodo di pre-selezione e valutazione diventa determinante.

Non si tratta quindi di rimpiazzare ma di aiutare. Non si tratta di trovare la formula ideale: se oggi viene data un’importanza eccessiva al possesso palla negli anni 50 il padre della statistica applicata al calcio, inglese, Charles Reep aveva osservato che la maggior parte dei gol arrivavano da azioni che avevano tre passaggi o meno, ed esortava quindi le squadre a buttare la palla il prima possibile nell’area avversaria. Epoche differenti, tattiche differenti ma sempre 11 giocatori e un pallone da buttare dentro.

Cantona

eric

 

Di solito i libri scritta da autori italiani sul calcio inglese hanno per lo più carattere storico, quasi fossero dei testi dedicati ad un pubblico assetato di sapere e che si avvicina al mondo del football UK per la prima volta. Il volume di Daniele Manusia invece si differenzia e riesce a raccontare il personaggio Cantona, non soltanto il calciatore, attraverso una ricerca di testi ed immagini impressionante. La ricerca è parte fondamentale e ostica alla base di ogni lavoro fatto come si deve e in questo caso la difficoltà era anche accentuata dalla mole di materiale a disposizione da cui è stato poi necessario estrapolare le battute da citare, le foto e le immagini da descrivere, le interviste da raccontare. Manusia ci è riuscito in modo eccellente, dando un ritratto del genio francese completo e fedele senza essere nè smaccatamente dalla sua parte nè contro. È come se fosse una lunga chiacchierata con degli amici al pub in cui si fa una gara a ricordare le avventure e le traversie, i successi e le delusioni di uno dei più grandi calciatori stranieri mai approdati sul suolo britannico. Forse a volte questo tono confidenziale genera commenti troppo personali, fatti spesso tra parentesi che interrompono un pò il filo narrativo, il film immaginario che il lettore gira nella propria mente durante la lettura, e lo trasportano direttamente nel soggiorno dell’autore con una birra in mano. E non è detto che sia una cosa negativa.

Richer than god

Un altro libro a cui mi sento di dedicare qualcosa di più delle poche righe con cui di solito commento le mie letture. Un altro libro sul Manchester City, dopo l’autobiografia di Paul Lake recensita qualche settimana fa.

Ma questo è un lavoro diverso. Forse non è neanche prettamente un volume sul calcio o, almeno, non solo. Chi mi conosce sa che ho un debole per l’autore, David Conn, che reputo il giornalista sportivo numero uno e autore di libri che andrebbero fatti studiare a scuola.

Conn in questo suo ultimo lavoro esplora i cambiamenti avvenuti all’interno del club che ha seguito tutta la vita e che, parallelamente, hanno avuto un impatto sul suo cuore di tifoso. La parte biografica di persona qualunque risulta invece particolarmente interessante perchè passa attraverso una crisi comune a molte persone che, avendo iniziato ad amare il calcio da piccoli, si sono trovati sempre più in crisi con l’avvento del cd calcio moderno. Il fatto che lui si sia poi appassionato alla causa dei Supporter Trust, che abbia voluto dare una voce ai tifosi combattendo impostori e speculatori, che abbia criticato da sempre le scelte di FA e Premier League e l’avidità di agenti e giocatori, non può che dare a quest’opera, dedicata al suo City, un taglio unico e profondo.

Nonostante il campionato vinto, lo squadrone di campioni messo insieme, gli investimenti in persone ed infrastrutture che farebbero felice il 90% dei tifosi medi che sognano l’avvento di uno sceicco o di un petroliere russo, l’autore invece non si riconosce più in un club che non è più un club ma una SpA, totalmente distaccata dalla comunità che dovrebbe rappresentare se non altro per posizione geografica e tradizione. Il conflitto interno tra le emozioni del ragazzo cresciuto con il City come punto di riferimento, che al gol di Aguero vorrebbe esultare e abbracciare il suo vicino di posto, e l’approccio maturo del giornalista adulto che ne ha  viste tante, da Swales a Francis Lee a Shinawatra, e che sa cosa c’è dietro il mondo dorato creato dai principi arabi, fa di “Richer than God” una lettura assolutamente stimolante. Tutto questo con, sullo sfondo, un’analisi spietata ed obiettiva della situazione sociale ed occupazionale di Manchester e uno sguardo critico al benessere costruito sul petrolio e sullo sfruttamento degli immigrati negli Emirati Arabi.

Non sutipsce che una delle sue conclusioni alla fine sia che giocare al calcio dovrebbe dare sempre più piacere che vederlo giocare, anche se parliamo solo del giovedì sera, sette contro sette con gli amici di una vita.

A life of two halves

Di biografie di calciatori, gli scaffali delle librerie inglesi post Sport Pages sono pieni. Chi ha da dire veramente qualcosa, chi vuole arrotondare, chi sfrutta i suoi cinque minuti di fama, chi si lascia convincere dall’agente o dalla moglie, chi è talmente innamorato di sè stesso che non si rende conto di aver riempito pagine e pagine di niente.

“I’m not really here – a life of two halves” l’autobiografia di Paul Lake, giocatore multiruolo del Manchester City quando il Manchester City era simpatico quasi a tutti, è una delle migliori che abbia mai letto. Divertente, quando descrive un calcio che neanche da lontanto pensava che nutrizionisti  e psicologi potessero far parte un giorno dello staff di una squadra di calcio, triste, quando parla dei continui infortuni, sottovalutati, e delle inutili operazioni che li hanno seguiti, disperato, quando confessa la depressione arrivata con la consapevolezza che la sua brillante carriera era finita ancora prima di iniziare, e coraggioso, quando descrive la sua rinascita.

È uno di quei libri che, una volta posato per l’ultima volta,ti  danno la sensazione di conoscere un po’ l’autore, vorresti averlo lì per pagargli una birra. Ci sono tanti aneddoti divertenti, che mi hanno fatto ridere di gusto in treno o in aereo. Ne ho scelto e tradotto uno:

“…la partita contro l’Hull City del 21 gennaio 1989 rappresentò un’esperienza memorabile per me, grazie alla presenza in campo di uno dei piú famosi “hard men” del mondo del calcio. Billy Whitehurst, il centravanti delle Tigers, era una montagna d’uomo di oltre un metro e ottanta che sembrava poter far esplodere il pallone con un pungo figuriamoci con un calcio. Era una di quelle persone con cui è meglio non avere niente a che fare.

La partita era iniziata da soli cinque minuti quando vinsi un contrasto aereo. Nel farlo però allungai i gomiti all’indietro per mantenere l’equilibrio e li sentii urtare, nel modo piú violento umanamente possibile, contro il setto nasale di un giocatore che mi stava dietro. Quando mi voltai, mi accorsi con orrore che la vittima non era altri che il signor William Whitehurst. Cristo, pensai, tutti meno che quel c.zzo di mostro. Nervosamente rivolsi lo sguardo al mio compagno di difesa centrale, Brian Gayle, che mi sorrise, si fece il segno della croce e se ne andò.

Billy crollò sulle sue ginocchia, reggendosi il viso tra le mani per quella che sembrò un’eternitá, cercando di arginare il fiume di sangue che gli usciva dal naso. Alla fine si rimise in piedi e la partita riprese. Alla prima rimessa laterale però, sentii una presenza  alle mie spalle, sulla sinistra, qualcuno mi stava letteralmente alitando sul collo. Mi voltai e mi ritrovai Billy che mi sorrideva in modo minaccioso, sfoggiando un fila di denti ancora sporchi di sangue.

“Ben fatto ragazzo, ringhiò, mi piace il gioco duro.”  E non scherzava. Prima della fine della partita la mia nemesi aveva cercato vendetta in ogni maniera possibile, strappandomi i calzoncini, con una ginocchiata nell’inguine, lasciando l’impronta dei suoi tacchetti sul mio stinco, sulla mia coscia e sulle mie tempie e, per non farsi mancare niente, affondando i suoi denti nella mia spalla, cosa che generò dei rivoletti di sangue che mi scesero lungo le braccia. A fine partita, che vincemmo 4-1, Billy trotterellò verso di me per stringermi la mano. “ Sei piú duro di quello che sembri” disse, poi, guardando l’enorme macchia di sangue che inzuppava la mia maglia aggiunse “Ah, e scusa per il morsetto ragazzo.”

Sono passati 23 anni, sembrano 250. Pensate una scena del genere oggi e pensatela allo “Etihad Stadium”, non piú al Maine Road. Rifugiamoci nel passato, era piú divertente.

Fever Pitch n.12

Esce, in tempo per Natale, il numero 12 della fanzine Fever Pitch. Come anche l’altra fanza linkata qui a destra, Style Wars, è frutto dell’iniziativa di una persona e della passione di qualche collaboratore entusiasta. Nel mio piccolo cerco di contribuire, amo questo tipo di pubblicazioni e stimo le persone, come Giacomo e Alberto, che impiegano molto del loro tempo per mettere periodicamente insieme delle pubblicazioni originali e di qualitá.

In questa ultima uscita ho voluto toccare un argomento che spero possa generare un po’ di dibattito, sarei curioso. Per ovvie ragioni non posso replicare qui il contenuto di tutto il pezzo ma mi limito a ripetere la domanda di fondo: è stata la Premier League a cambiare il calcio inglese, a farlo diventare, seppur con parte del fascino immutato, moderno oppure l’avvento della Premier League ha solo risposto ad una domanda giá esistente? In seguito agli anni delle tragedie e degli hooligans il governo conservatore aveva deciso di cambiarlo a tavolino, di levarlo alla massa, alla working class, per renderlo un fenomeno piú decisamente middle class, redditizio e commercialmente appetibile. Murdoch ha contribuito a soddisfare questa esigenza ma non è stato lui a generarla. Opinioni?

Libro

Sono felice di poter segnalare l’uscita in libreria di quello che reputo un atto d’amore verso un paese ed un calcio unici e inimitabili (e, almeno nel caso di uno dei due autori, anche nei confronti di una squadra). Visto che prima di Natale sono in Italia penso di regalarmelo. Ho avuto la fortuna di conoscere sia Luca che Max e la loro passione per la cultura d’oltremanica è veramente totale. Che la prefazione sia stata affidata a Massimo Marianella è un bonus senza prezzo, per le persone della nostra generazione lui è il calcio inglese. Il suo nome non poteva comparire meglio che in questa copertina. Buona lettura.

London Calling, è il nuovo libro di Luca Manes & Max Troiani, (prefazione di Massimo Marianella) edito da Bradipolibri e parla della storia dell’ARSENAL e di un secolo e mezzo di football all’ombra del Big Ben.
Monarchia, ma anche mode e sottoculture giovanili. Democrazia parlamentare e pure gruppi musicali.
E ancora finanza e musical. Londra è sinonimo di queste e di un’infinità di altre cose. Non poteva allora non essere sinonimo di football. Nella capitale inglese sono state codificate le regole poi adottate in giro per il globo, sono nate la prima federazione nazionale, la prima lega e la prima competizione a squadre. Nessuna città al mondo può vantare così tante squadre professionistiche, così tanti derby, così tanti stadi.
L’Arsenal, la squadra più amata a Londra, vanta in Italia un nutrito numero di fan club.Inoltre, sono decine di migliaia gli italiani appassionati del calcio inglese.