Roma/Italia/Mondo

Once upon a time

sveziaOnly those who don’t really follow football did not see this coming. Italy have a great name in football, tradition, history, prestige, unfortunately it lacks talent and you don’t win games with history. As soon as the qualifying group draw ended almost everyone knew the Azzurri had to settle for the runners up place, Spain being way too strong.

In Euro 2016, Italy had, on paper, the worst squad ever, but at the same time it had a manager capable of squeezing every ounce of pride, talent or energy from his players. One by one maybe not the most skilled players but they did work well as a unit. There was a bond, a determination, a nasty side reminiscent of the good old days that people liked, that the players themselves liked. Germany, the world champions, could not beat Italy on the pitch in the quarter finals, in 120 minutes when Conte had to field a midfield formed of Parolo, Giaccherini and Sturaro.

When the CT left for Chelsea, the FIGC did not really know where to turn. Apparently, considering the level of quality available and the need to invest in youth, they thought Gian Piero Ventura could have been a good fit, a veteran, he is almost 70, of Italian football at all levels. In the last 10 years he had managed Messina, Verona, Pisa, Bari and Torino, not exactly Champions League material.

It’s too easy to blame the manager in hindsight, who in truth, recently appeared, technically and tactically out of his depth. The clowns who run Italian football should bear most of the blame; not for making the wrong choice of coach but for the constant failure in addressing all the obvious issues affecting the national sport.

Every country in Europe has had to go through a period of rethinking. France, Spain, Germany, even England currently, have had to wipe the slate clean and start again as things were not working out. Italy are simply not producing enough players, most of the them at the top clubs are foreign and the investment in youth teams and in local talent is simply not enough and the opportunities for the few who make it through the ranks almost non existent.

The pool of talent from which Ventura or Conte or whoever will be called up next is very small and miracles very rarely happen. Last time Italy had to qualify to the WC through the play off was in 1998. That team had Nesta, Maldini, Cannavaro, Costacurta at the back, Del Piero, Ravanelli, Vieri, Casiraghi up front, Albertini, Di Matteo, Di Biagio in the middle just to name a few. All people in their pomp, who were playing with top teams, most of them in European competitions.

Against Sweden, Italy were still relying on the old guard, some from 2006, when the decline started but everyone was too busy celebrating to see the cracks on the wall. The same defence Spain shred to pieces in the final of 2012 was on the pitch the other day, five years older and probably, and sadly, they were still the best part of the team.

More than the game in Milan was the one in Sweden which showed all the limits, the fear, the apathy, the lack of belief and commitment you need to have if you want to overcome an opponent whose game plan is pure and simple like the one Sweden had in place. Italy could not find, or could not bother to find, a way to try to win the game, happy with a goalless draw they believed they could then turn around with a win in Milan with the help of the home crowd. It did not work that way. Sweden could not believe their eyes. I bet they were expecting a much tougher test, and had an easy life controlling the many crosses the Italian front line were never going to transform into proper chances.

Italy did not qualify, it will be big news for a few days then everyone will forget. Life goes on, football goes on. But if Italian football can make the most of this sporting disaster, if they will use this disappointment to go back to the basics and build, it won’t be in vain.

 

Ciao Francesco

It’s weird to write something about Francesco Totti’s last game for Roma on this day. May 30 is already black marked on our calendar as the day Agostino Di Bartolomei, our greatest captain and example of Romanismo, decided to take his own life, so I’ve had to put my emotions to one side. Someone asked me why I didn’t go, why I had decided not to be at the Olimpico last Sunday. Simply because I didn’t want to. I didn’t go to Bruno Conti’s last game in 1991 either. I didn’t want to be surrounded by sadness, tears and fear, the one that grips you when it’s impossible to answer a simple question such as “now what?”

And I’m not talking about the team, next season, the new manager, the new squad, the new stadium, as I’m sure the club has a great future ahead of it. What I mean is how can I feel the same enthusiasm, the same love, the same passion as I did before? They always say “players go, the club stays” but it also depends on who’s leaving and what is left.

For almost a quarter of a century, Totti and AS Roma have been one thing. The whole football world knew who he was and who we were, two sides of the same coin. He was the guy who chose to follow his heart rather than his ambition and we were the ones who made him immortal as a way of thanking him for it. To support a team where the best player and captain is a local boy and has been a fan of your colours all his life is special, it creates a bond. Totti has been more than a player, a captain or, for some, a legend, a talisman, an idol, a god. Totti has been one of the family for every Roma fan, a close friend, one you went to see every week as part of your normal life. You could rely on him, he was there, despite whatever else was happening around you.

Many things have been said and written about him, too many. Like anyone else, within his family, his choices, words and actions have been scrutinized, commented on, criticized. Everyone with an opinion, born out of envy, interest, fandom, hate or blind love, never unbiased, always subjective. People have judged him without knowing him, joking about his accent, his origins, his presumed lack of education and manners and absolutely destroyed him whenever he made a mistake.

He never hid, he took everything on the chin and kept going. Year after year, season after season, goal after goal. Always there, for him, for us. I’m sure he has been hurt but he never showed it. He has been humble, honest, loyal, genuine and it’s hard to find a weak spot when your conscience is clear.

How do I feel today? Lonelier, a bit sad probably, watching Roma won’t be the same. We took his class for granted, we have been spoilt for so many years that now we’ll have to face the harsh reality of mediocrity.

In his heartfelt letter he admitted to being scared about the future. We are in this together then. Football has changed a lot, and not for the better, since his debut.

Thank God we still have Daniele De Rossi, hopefully till the end of his career. I’m desperately holding on to him, another example of a football that is dying, but after DDR I don’t know how I will react (though Alessandro Florenzi could and should follow the same steps). Probably football will finally become a sport and AS Roma will only be the team I support rather than an important part of my life. I hope not, I hope I can eventually create the same bonds again.

Ciao Francesco, thanks for the memories and for your career. If any day you feel a bit down remember the thousands of fans you sent home happy every week, bursting with pride and with a smile on their faces. Not many people can say they have achieved that in their lives.

Blind loyalty

edindzeko-cropped_1qotjithk1a721qi7lpnio7aufWhen AS Roma decided to sign Edin Dzeko, a few friends got in touch to ask what I thought of him. He had been playing in the EPL for a while and having more access than them to news, data and footage meant my opinion was sort of valuable. My reply was actually very simple. He is not spectacular, he doesn’t score, or very rarely does, impossible goals. He doesn’t dribble past three defenders and curl the ball in the top corner in the opposite angle. But, he puts the ball in the net. That’s what he does, that what he is good at. He guarantees you goals. That is his main asset.

Then he shields the ball well, he shoots as soon as he gets a chance, he roams the penalty box sniffing opportunities before they actually happen. He does occasionally miss sitters and it could take him three chances before he puts one away but in a team able to create scoring  opportunities he pays dividends, awesomely.

When Man City paid €32m for his services, he had just scored 76 goals in 2.5 years in the Bundesliga with Wolfsburg. With the Citizens, with only 74 league starts, he managed to scored 50 times, 32 away from home. Not to mention his record with the Bosnian national side, 49 strikes in 82 games.

He could have stayed at City but he wanted to start every match, and rightly so. He deserved it. Somehow Roma succeeded in luring him to the eternal city. In his first Serie A home game he outmuscled Chiellini and scored the winner against old rivals Juventus. Things couldn’t have gone any better. And they didn’t.

Since that game Dzeko’s confidence went missing. If it’s true strikers thrive on goals, there were not many coming his way (total of eight league goals at the end of his first Italian campaign). New team mates, new club, new league, new life, new manager, new training and diet. Many factors could have been used to explain his struggle. But the vast majority of Roma’s new fan base decide to ignore them. Long gone are the days when whoever was wearing the sacred gold&blood shirt had to be defended and supported regardless of his form. This is modern football, if you are not performing at your best all the time you are going to get some pretty bad treatment.

The abuse this player has had to suffer from his own fans last season has been ridiculous. The fact he is also a nice guy, not your usual tattooed, loud, big mouth primadonna, social media fanatic type of footballer, made things even more tragic. And sad. I’m sure both club and player were close to end this partnership. Not worth the gamble on one side, not worth the hassle on the other.

Thankfully Dzeko ended up staying. This season he can’t stop scoring (29 in all competitions at the time of writing) and his confidence is back to its normal level. He now has the opportunity to silence all the people who called him Edin Cieco (blind in italian), just to use the kindest of the words directed at him during every game, and stick two fingers up to an environment that year after year appears to be a distant memory of what it used to be. If only could he learn to be rude.

Unico

joanLa parola leggenda nel calcio è spesso usata a sproposito. Come anche campione o fuoriclasse. Per non parlare poi di aggettivi come fantastico, incredibile, meraviglioso, sensazionale, straordinario, immenso. Eppure Johan Cruyff è stato tutto questo e di piú, immortale.

Io ero troppo piccolo per ricordarlo dal vivo ma ho visto abbastanza. Servizi, interviste, partite registrate, gol, azioni, dribbling, giocate, magie. Cruyff era il genio, il coraggio nel corpo, quando con il suo stile spavaldo non temeva calci e botte, e nella mente, quando senza pensarci due volte provava qualcosa di nuovo sicuro che gli sarebbe riuscito.

In molti lo hanno definito arrogante, sfrontato, troppo sicuro e innamorato di se, ma Cruyff al contrario di tante figure di cartone era un uomo con una personalità forte, una persona che fuori dal campo aveva opinioni decise, non dettate dagli sponsor. Cruyff raramente diceva cose che non venivano notate e spesso le sue frasi venivano riciclate come aforismi. Non che le studiasse, gli bastava aprire la bocca ed esprimere un’opinione.

Intelligente, mai banale, in campo come nella vita, Cruyff rappresentava il genio, il ribelle, lo spirito mai domo, mai schiavo del potere, mai conformista. Non aveva bisogno di cocaina o di Viagra, a seconda dei casi, come i due giocatori sudamericani che gli vengono accostati o addirittura anteposti in un ideale podio di tutti i tempi.

Vederlo nelle immagini di archivio mentre accelera, cambia passo, si ferma, dribbla come se l’avversario non ci fosse, a testa alta, con il pallone attaccato al piede, toglie il respiro. Il provare il tiro piú impossibile con la stessa naturalezza di un passaggio di interno ad un compagno distante due metri, lascia attoniti. Era un giocatore che non aveva paura di nulla perchè tutto gli riusciva, sapeva di essere unico, il migliore, inimitabile.

Non mi interessa la sua carriera da allenatore, comunque vincente, perchè è stato troppo come giocatore.

Con la sua morte il calcio ha perso molto: vero, le sue gambe si erano fermate già da tempo ma la sua mente continuava a giocare e a vincere. Nessuno poteva vedere e capire questo gioco come lui perchè lui lo aveva reinventato.

Roman holiday

romanAfter calling his own fans “f.ing idiots”, the AS Roma president James Pallotta, in one of his very few visits in the eternal city, decided to win over some more friends telling the remaining people in the ground that his players deserved better fans. This statement came after one of the most appalling football performances ever seen on the home pitch had been greeted by whistles and boos by the few thousand supporters who decided to attend the game. The opponent, for the record, was one of Europe’s most feared clubs, Bate Borisov.

Pallotta was back not because he wanted to be close to the team in a critical moment but because he needed to discuss plans for the new ground, something he has been working on from Boston, he assured. The fact Roma has a new council and a new mayor probably won’t help to speed things up and, forgive my scepticism, I would be really shocked if he will stay around long enough to see it complete. Many people tried and failed in the past, people who were more politically connected, who actually tried to understand those same fans he despises, the ones that one day he will have to call back to fill the same ground he is so desperate to build.

At the moment there is no bond between club and fans, no one is going to the games anymore. Yes ok, maybe 30 thousand people, or less, still go but the Olimpico holds 80 thousand. The sight is depressing. And even if this trend in Rome and in Italy started a good ten years back, Roma have always had their Curva, whatever the results, whatever the performances. At least for 45 minutes, all TV channels could have guaranteed a nice background. The players could run towards and celebrate with the fans after a goal. Photos could be taken before and during the match when “the idiots” in the same Curva used smokers, waved flags, sung or displayed banners risking personal bans stretching from one to five years.

But then, the “authorities”, with the tacit approval of the club, decided that prohibiting smokers, flares, flags, banners, drums was not enough. The Fans card, the Away card and the Home card were not enough. The nominal tickets to show to the very few accesses available, after endless queues, together with each person’s ID card were not enough. The two filters outside the ground were not enough. The parking restrictions all around the ground were not enough. One or two personal body searches were not enough. Fines and bans for people trying to get into the wrong part of the ground were not enough. They wanted more, more searches, shoes off like at the airports, more bans, people warned and threatened after exchanging seats in the same sector, more angry and frustrated normal people to treat like hooligans when real hooligans could not be found. They wanted to kill the only thing AS Roma was famous for. Its fans. They built a wall to break the physical bond which had kept united the soul of the team since its birth, they split the Curva in two in an age where barriers are knocked down virtually everywhere else.

They succeeded, at the time of writing. They accomplished their mission. Fans, not just the ultras, all fans, from the Curva and the rest of the ground, the ones who supplied the soundtrack and the setting to each game, have decided not to be part of such a squalid affair. If this is the football they want they can keep it. It’s unbelievable how many silly things have been done in the name of marketing. How many decisions, critical for the fans, not so important for someone in Massachusetts, have been taken without asking for any advice? First the badge. Even the corporate people from Qatar at Man City have asked the fans before changing it, then the silly third kit in Juventus colours, then the price of the tickets. Then the critics to the (very controversial) banners, the f.ing idiots comments, the keeping the distance from these mindless thugs who spoil the weekend for families who want to enjoy the show. What show though? When I was a kid the show was in the stands, precisely behind one of the goals, not on the pitch and it would still be the case today if they gave it a chance. Do they really think most of the people come to watch the present foreign legion, with few exceptions, led by a weak manager, organized by a group of Americans who are enjoying their Roman holidays having watched too many times La Dolce Vita or the movie with Gregory Peck?  People who made our proud crest a commercial brand, who are more concerned with the fans we have in Indonesia that the ones we have at Testaccio or San Giovanni. People who do not have a clue of how to handle a football club because soccer is all they know, with their franchises, their hot dogs, picnics, play areas, their jingles and loud music and brand new websites which tells you what music our “heroes” listen to or where Roma will hold their next pre-season, somewhere between Australia, Vietnam or California probably.

But we have deals with Disney and Nike to show off, they put us on a map. A commercial map maybe. Shame this is football and we are fans not bloody shareholders or clients because clients would deserve at least some respect, a better stadium, a better communication system, a better info and ticket service. At least in England, the country everyone seems to aspire to, they have that. If you want the fans to become clients, you have to sell a better package and take care of your potential customers. Not in Rome. Here they want to replace what they think is their main problem, ultras or simply hard core fans, with someone happy to paint his face, clap his hands and smile at the cameras. This is not us, this is not football, this is not Roma.

Just think of this next time you ask why the stadium is empty.

Romanismo

alessandro-florenzi-66303When Roma took the field without a single Italian player in the last derby, many faced a reality check. For a club where home grown talent has always been extremely valued, the simple fact the 11 players came from 10 different foreign nationalities forced even the most committed ultras to ask a few questions.

If Francesco Totti with his class and skills represents the past, the tradition and history of the club and if Daniele De Rossi with his fighting spirit is still the core and reference of the team, there is only one player left who could somehow fill this huge gap when both or either of them decide to retire or, God forbid, move on.

Enter Alessandro Florenzi, currently the last remaining hope of Romanismo, the only Roman player young enough to represent the (next) future, the last link to long gone local heroes such as Bruno Conti or Agostino Di Bartolomei who were sent for a season or two to smaller clubs to mature, to gather experience, “a farsi le ossa”. Florenzi did it the hard way. He grew up with the youth teams in the capital then he was sent to Crotone where he started to shine. Too many promising young players in the past had bought a one way ticket from Rome though, too many went “in provincia” to never come back, not good enough for Serie A or not mature enough for the present or past manager to decide they were worth the wait. Zdenek Zeman, who else, saw something different in him, a determination, a passion, a commitment hard to find nowadays and at such a young age. He gave him a chance and Florenzi grabbed it with both hands. Or better, with both legs and lungs. Because Alessandro Florenzi is not your typical modern footballer in the modern football world.  With so many players arriving from every corner of the globe, with so much money spent, with so much press coverage and publicity he had to fight hard for a place in the sun, both for Roma and for the national side. He had to convince mangers, team mates and fans he deserved to be there simply because he is unique. He runs himself into the ground. He chases and tackles, he pants and puffs, he plays in every possible position except goalie. He scores brilliant goals, he shows respect but never fears bigger or better players.  He gives everything for the shirt, he understands the fans, he knows why they are not there now, why the Curva is empty, he is well aware the derby is not just another game with three points at stake. He is a simple guy in what has become an extra complicated world.

These are all qualities fans can identify with, the ones they want to see in someone playing in the gold and blood shirt. Florenzi should be protected as one of a kind, his future linked to ASR forever, the last, at the moment of writing, example of Romanismo.

Because what the current or future owners need to understand is identity is more important than any trophy. You can’t buy it, you can’t sign it. You nurture it and you protect it. A symbol is more powerful than a cup. Totti and DDR are symbols, they are Roma. Florenzi is quickly becoming one. We need it, we want it.

Scontro frontale

las-roma.jpg 2Mentre guardo le immagini di Roma v Carpi sul mio pc non posso non pensare a come le cose siano precipitate in così poco tempo. Il vuoto in mezzo alla Curva Sud rappresenta quello che sento dentro. Chi è entrato e canta sorridendo inquadrato sul tabellone dimostra almeno che non tutti stanno vivendo questa difficile situazione allo stesso modo, che questo sembra essere un problema della Curva Sud e basta.

Eppure i segnali non erano stati incoraggianti sin dall’inizio, o poco dopo, da quando le uniche due persone che gli americani avevano contrattato in quanto esperti della piazza romana e romanista, Lomonaco e Baldini, nel giro di un paio d’anni avevano già fatto le valigie. Da allora un via vai di persone, manager, gente con CV impressionanti, nel marketing, nel finance, nel legale, per lo più stranieri, per lo più estranei a ciò che rappresenta il calcio in Italia in generale e a Roma in particolare. Non sto qui a ripetere quanto già letto in rete, quanto detto da centinaia di persone che si appellano al buon senso, all’intelligenza, al cuore, che ricordano a tutti quanto la curva sia il cuore del tifo romanista e della Roma stessa, il dodicesimo giocatore, la spinta in più, l’attrazione principale per gli appassionati di calcio di tutto il mondo che decidono di passare un weekend a Roma facendolo coincidere con una partita in casa dei giallorossi.

È stato detto tutto. Ma mentre l’atteggiamento delle autorità sportive, politiche, delle FdO è da anni volto alla distruzione del movimento ultras inteso come fenomeno di aggregazione giovanile, forse non ci aspettava che la società Roma si rendesse complice di tali manovre in maniera così netta e silenziosa. Per me è una sorpresa fino ad un certo punto perché credo che gli americani siano arrivati con un piano ben preciso. La loro cultura vede lo sport come uno spettacolo, uno show, un intrattenimeno leggero per persone che vogliono spendere tempo e, soprattutto, denaro guardando una partita. Parole come fede, stile di vita, mentalità, neanche sognano di associarle ad una squadra di calcio. E credo che in molti oggi la pensino allo stesso modo. In pochi hanno protestato per lo scempio fatto sullo stemma e poco importa se le magliette della Nike costino uno sproposito, dopo i primi mugugni gli scaffali dei Roma Store si sono svuotati e pace. C’è chi gradisce i gonfiabili fuori, la musica a tutto volume dentro, lo speaker che chiama i giocatori per il riscaldamento, tutte cose prese in prestito da un mondo a me lontano anni luce ma che altri possono trovare attraente. E non si fermeranno qui.

Per questo è arrivato il momento di chiedersi cosa fare. Perchè una cosa è sicura. Lo sciopero è sacrosanto ma è solo l’inizio. Giusto dire basta a divieti, muri, multe, ordini, diffide, intimidazioni, perquisizioni. Anche queste dovrebbero essere parole estranee ad una partita di calcio. In nome di una falsa sicurezza si vuole annientare un modo di essere che, in quanto ai loro occhi incomprensibile, viene ritenuto pericoloso. Come glielo spieghi che qui per quelli della mia generazione il sogno era un giorno finire con un megafono in mano più che con un pallone ai piedi?

Non si tifa e, per non dare neanche il colpo d’occhio tanto caro alle TV, visti anche gli assurdi divieti per appuntamenti fuori lo stadio, giustamente non si entra. A oltranza. L’importante è rendersi conto che lotte come questa possono essere lunghe e richiedono compattezza ed unità di intenti. Non bisogna arrendersi. Anche se la squadra vince, soprattutto se la squadra vince. O se perde e si viene additati come colpevoli, come quelli che la lasciano sola nel momento del bisogno. Il tempo è dalla loro parte perchè lo scopo finale è sostituire i dissidenti, sostituire queste poche migliaia di rompicoglioni con tifosi della nuova generazione, che conoscono questo calcio e non hanno niente con cui confrontarlo. Avere il coraggio, lo stomaco e la pazienza di resistere, decidere di non fare quello che per una vita è stato parte integrante della propria vita è duro. Ma è l’unico modo. Altrimenti, se pian piano si torna, si fa il loro gioco. Se una persona smette di farsi l’abbonamento e qualcun altro non interessato a questa diatriba lo compra, magari anche solo perchè costa meno di un distinto o di una tribuna, si fa il loro gioco. Loro possono aspettare perchè non è il danno economico dei mancati abbonamenti che temono. 5/6mila persone che non rinnovano sono spiccioli nell’era dei mega diritti televisivi. Ma in una Serie A di livello infimo, con stadi vecchi e brutti e pochi giocatori di qualità che si aggirano sull’erba dei campi nostrani, la totale mancanza di atmosfera e di spettacolo sugli spalti potrebbe portare a meno interesse, anche dei media, meno sponsor, meno soldi dai diritti, meno possibilità di attrarre campioni da altri paesi. Potrebbe, vero, uso il condizionale, ma è l’unica speranza che abbiamo. Squallidamente anche questa è solo una questione di soldi e se si riesce a colpirli nel portafoglio allora saremo notati. Solo se si è uniti, solo se chi entra non dico accetti ma rispetti il punto di vista di chi potrebbe decidere di andare solo in trasferta in Europa, possiamo avere una speranza. Il paragone e il riferimento è sempre quello della Premier League, troppo spesso usato a sproposito, senza nessuna cognizione di causa, come esempio di tutto quello che funziona nel calcio moderno. Anche lì c’è stato un ricambio della base del tifo, fatto più in base al reddito che ad altro. Anche lì l’atmosfera è stata annullata, sempre partendo da un discorso di sicurezza, ma nessuno si sogna di farti levare le scarpe, chiederti un documento all’entrata o perquisirti perchè da tre giorni non ti fai la barba. Il tifoso cliente almeno è trattato come tale.

Non so come finirà questa battaglia. Il rischio è che poche centinaia di romantici del pallone, puristi del tifo, amanti delle tradizioni e figli di un passato che mai tornerà decidano di rimanere fuori a vita e presto saranno dimenticati e sostituiti. La posta in gioco vale questo rischio. Per gli altri che continueranno ad andare o cederanno, il pericolo è che continueranno a farlo senza colonna sonora, senza cornice, estranei in casa propria. Tempo fa avevo trovato molto bello un articolo scritto da Peter Simek, un giornalista di base a Dallas. Il suo lungo pezzo sulla Roma finiva così:

“…The Americani may build Roma their new stadium, they may manage to push reform of the Italian league, curb fan violence, expand their marketing reach, and lure millions of tourists to watch Roma each Sunday. But if they have any chance of really succeeding at breaking the peculiar quagmire that is Italian soccer, they will need to heed the lesson from the Curva Sud. When the ultras walked out of the Stadio Olimpico, the Curva Sud did not just demonstrate that they would not support a team that does not win. Rather, they showed Roma’s American owners that they cannot be taken for granted. They are not merely a “fan base.” They are not a “target audience” or “core ticket buyers.” They are not untapped consumer demand lying in wait for better marketing, an international brand, or a more packaged game day experience. By walking out, the Curva Sud showed that they are not customers. For better or worse, they are Roma. And without them, the Americani have nothing.”

L’ultima frase sembra presa da uno striscione. La battaglia si sta giocando su questo terreno. Gli attuali proprietari, quanto riportato dal loro connazionale qui sopra, lo hanno capito da tempo. Al contrario di quanto affermato pubblicamente, loro la Curva Sud non la vogliono. Gli ultras sono un pubblico che non capiscono, che temono e di cui possono fare a meno. Sono gli unici possibili guastafeste all’interno un processo di americanizzazione inziato cinque anni fa. No al calcio moderno è uno slogan che da anni gira negli stadi e in rete. Se si vuole, é ora di metterlo in pratica.

The curious case of Iker Casillas

ikerImagine you joined the club you supported as a nine year old boy. Huge club, worldwide support. Imagine making your debut at  18 when you have already won the U20 World Cup for your country. Imagine staying at the same club for 25 years winning five league titles, two domestic cups and four Super Cups, three Champions Leagues and two European Super Cups plus two Intercontinental Cups and one FIFA Club World Cup while also lifting the World Cup and the Euro trophy twice as your country’s captain.

Now imagine being abused by your own fans because you have had a drop in form. Booed, insulted by your own fans because supposedly you are too powerful in the dressing room and your current manager does not like it. Imagine your loyalty to the badge you have served for 25 years questioned because you are friendly with professionals plying their trade with your arch enemy in the league. Imagine people shouting at you because all of a sudden your salary is too high and your fiancee is too special.

This is how Iker Casillas has been treated by the majority of Real Madrid fans, pushed to one side, forced to accept a contract in another team, not Spanish, while your club is trying to purchase another ‘keeper. No gratitude, not even for the memories and, above all, no respect.

Did he deserve some of this poison coming his way? No chance. Performances can falter, form can be lost, focus can lack at some stage during a long career but this is not an excuse for such behaviour. Casillas would be a hero and a legend in any other club but his. He left as quietly as he arrived 25 years ago, without any fuss, noise or recrimination, almost unnoticed amid a frenzy of speculation around new possible signings. He has not been the first, he won’t be the last. The Real Madrid crowd is the most spoilt in world football, their only loyalty is to silverware, no matter what you have to sell in order to get it, soul included.

Scapegoat

DDRAnd now that another Roma season is almost over in March, now that winning a game seems impossible, let alone the league, now that all the fancy lines and announcements back in September seem nothing more than childish remarks, now it’s time for witch hunting. Older people, not necessarily wiser, have seen this kind of situation many times before. Seasons started with other targets, different hopes and expectations. Then something happens, no one knows exactly what, on the pitch, in the dressing room, at the training ground and a bunch of supposed professionals all of a sudden stop performing. In a Serie A where the average technical level is probably at its lowest ever ebb, not much more than an honest effort could bring points and trophies. Unfortunately no one looks interested. This void, this unexpected delusion, drives people mad with a number of experts coming up with the most fascinating theories. What I cannot explain is why, regularly, the main culprits are the two players who have decided to give their careers to these colours. If it’s not Francesco Totti who decides the new signings up front, it is Daniele De Rossi’s drop of form, linked to the raise of his salary, that is the main factor for Roma’s demise. But while Totti’s brace in the derby has been the highlight of the season and has gained him some more credit with the “he is too old” brigade, DDR’s role on the pitch and the frustration of playing in front of a defence hardly comparable with the one the Giallorossi had last season, has left him alone and exposed.

DDR has big, broad shoulders. He can take criticism, fair or, as more usual, unfair. He can smile at people insulting him, implying he is taking advantage of his beloved club, knowing he has always been straight and said things the way he felt. His direct approach has not won him many friends among the media, especially the local radio and tv, and authorities but this is why he is a man before a player. And to all fans, true or not, who lament his supposed lack of skill or form, I would like to remember he is not Totti, he has never been and never will be. He has never scored many goals. He is a defensive midfielder and asking him to start changing his game only because he got a better contract sounds stupid. Why are people obsessed with his salary anyway? He does care and he does try and he doesn’t hide. I would pick a man every week rather than a puppet or a mercenary who has decided to stop for a year or two before moving on to the next European club. When DDR talks of Roma you can see his veins popping up, when he kisses the badge he means it, when he explains why he decided to stay and face all kind of shit people decided to throw at him he does it with the spirit of a lover who is not loved back. If not admiration he deserves respect.

One day, when the squad will be formed entirely by mercenaries and no home grown talent will be wearing the blood & gold shirt, then I’m sure people will miss him and so they will his undisputed love for the club, the city, the fans.

Domande

scontri-roma-feyenoord-adesivo-chocAll’indomani di Roma v Feyenoord Roma e l’Italia si chiedono come sia possibile lasciare una città intera, o meglio il centro, in mano a qualche centinaio di tifosi in trasferta determinati a spaventare commesse e passanti. Era successo, sempre a Roma, qualche anno fa con i sostenitori dell’Hajduk Spalato. Era successo a Genova in occasione di Italia v Serbia, chi non si ricorda del super palestrato Ivan il Terribile, e in misura minore, recentemente, a Milano con quelli del St Etienne.  Allora le stesse domande, come oggi. Come è possibile, come prevedere, come fermare i vandali, come evitare il ripetersi di certe scene. Il sindaco Marino chiede spiegazioni e giura che non finirà qui. Che vuole fare, partire per Rotterdam con un piccone? Certo che finirà qui, come è sempre stato. La UEFA se ne frega, i disordini sono avvenuti fuori lo stadio, la polizia dice che non se lo aspettava. Ovvio. A quanto pare le forze dell’ordine di tutto il mondo sono dotate di due potentissimi mezzi investigativi che in Italia stentano ad essere utilizzati. Si chiamano Google e Youtube. Perché mettendo nel motore di ricerca le parole “tifosi del Feyenoord” quello che in qualche decimo di secondo lo schermo presenta è un ritratto più o meno vero, più o meno preoccupante e più o meno aggiornato ma abbastanza fedele di quanto si sapeva sarebbe successo. Che questa operazione di intelligence non sia stata fatta? Dubito. Chi doveva gestire l’ordine pubblico in occasione di questa partita sapeva fin troppo bene che i fans della squadra olandese in visita non erano esattamente quelli dell’Empoli. Non serve il passaporto per viaggiare dall’Olanda all’Italia, non si possono bloccare liberi cittadini dallo spostarsi in Europa, si dice. Però puoi benissimo chiudere piazza Campo de’ Fiori dove mercoledì sera, come ogni volta, con una puntualità tanto noiosa quanto sconcertante, sono avvenuti i primi incidenti. Stessa cosa il giorno dopo. Chiudere l’area di Piazza di Spagna non dovrebbe essere una cosa da scienziati. Crea molto più fastidio chiudere il Lungotevere o Via Ottaviano o altre zone come in occasione di alcuni derby. Si sa che i tifosi stranieri amano bivaccare sulla scalinata di Trinità dei Monti per bere e farsi foto da postare sui vari social media. Quando va bene sporcano solo, quando va male terrorizzano turisti e residenti. Eppure è stato deciso di lasciarli confluire liberamente in quella zona. Potrebbe essere una tattica di contenimento allora. Una volta circondati i vandali possono essere tenuti sotto controllo abbastanza agevolmente in uno spazio limitato. L’osservare senza intervenire è una tattica. Si sa che ci saranno dei danni, si mettono in conto, ma si decide di stare a guardare per evitare che le cose degenerino. E il tutto avrebbe un senso se magari, invece che a Piazza di Spagna, questa tecnica di contenimento fosse stata utilizzata al Piazzale del Verano o a Piazza di Siena dentro Villa Borghese. Non so che danni abbia subito La Barcaccia, spero pochi perché i monumenti non si toccano, ma questo probabilmente potrebbe essere l’unica cosa che le forze dell’Ordine considereranno essere andata storta all’interno di una operazione di controllo tutto sommato soddisfacente. Secondo i loro parametri infatti, visto il numero dei sostenitori ospiti, si parla solo di 33 arresti e 12 contusi, sebbene dal clamore dei media sembrerebbero molti di più. Questo dovrebbe chiedere Marino, se è stata una cosa voluta. E visto che ci siamo un paio di domande ancora. Questa pazienza riservata ai c.d. “barbari” non è stata quella messa in mostra in occasione di Roma v Fiorentina di Coppa Italia un paio di settimane fa quando ai tifosi giallorossi, famiglie incluse, indispettiti e esasperati da un’attesa senza senso sotto la pioggia è stato riservato un trattamento intimidatorio del tutto fuori luogo. Sindaco, questi sono suoi cittadini/elettori, le faccia due telefonate quando serve. Per non parlare di come i tifosi laziali furono trattati in Polonia lo scorso anno, roba da prigionieri in un campo di concentramento. Domande furono fatte, vero, ma risposte chiare non sono mai arrivate. In fin dei conti erano solo tifosi, ultras, teppisti. Gli stessi che giovedì sera in molti hanno segretamente invocato per dare una lezione ai barbari, per far rispettare quel territorio che le forze dell’ordine, per scelta, decidevano di lasciare libero. Gli stessi che sono diventati nemico pubblico numero uno e perseguitati anche per uno striscione o un fumogeno, che devono stappare il Borghetti prima di entrare e costringere il proprio figlio a finire il succo di frutta sotto lo sguardo vigile di controllori che vigliaccamente si mascherano dietro il proprio, stupido, dovere.

Thanks

Totti-giovane2“So, is Totti still playing this season?” this is the question I’ve been asked in the last five/six years just before the start of another Serie A season. When I assure my interlocutor that he will be there as he has been in the last 21 years, I can get a bemused look, a slight shaking of the head or a smile or a funny smirk as a response. After all this is Serie A, a disgraced tournament, a very far relative of the competition people in UK learnt to love in the 90s thanks to the inimitable James Richardson and his Gazzetta Football Italia. No great names, derelict grounds, violence, racism, poor European record, shameful World Cup experience, a joke of a Federation, fans deserting the games. Not much is required to hit the headlines and a player still turning out at 38 (in September) can easily find the space he would not have guaranteed in other countries.
Still this player is not a second choice keeper stretching his career because he has been able to preserve his fitness or a defender who has been kicking other players black and blue. We are talking of the most gifted Italian player of his generation and maybe more. When an English commentator some years ago emphatically shouted after yet another derby goal “the king of Rome is not dead” probably did not expect Francesco Totti to keep producing the goods at the highest level for much longer.
When he will finally retire, even if not too popular among non Roma fans because to many he represents Roma and Romanismo, I’m sure everyone will admit Italian football will be poorer, if possible. To people who don’t closely follow international football or the ones who are not able to watch every Roma game, it’s impossible to explain what he is and what he does. Many think that all the hype around him is a lot of fuss about nothing. Just another big fish in a small pond, another Matt Le Tissier maybe. I don’t want to be disrespectful to neither the club nor the player but Rome is not Southampton and Totti is not Le God as much as I loved watching him performing tricks and flicks always with a smile on his face. The sheer pressure Totti has been under since his debut is unbelievable but he has coped and reacted throughout the years. The defenders, the journalists, the fans, including his own, the adulators and ass lickers. Everyone ready to judge, to point the finger, to scream abuse and praise with the same nonchalance. He has been accused of being the boss, to be in charge of the new signings, to be the one who decides the fate of a new manager only because he had been at Trigoria all his life. To be a coward, to be thick, to be lazy only because he is honest and simple. He is a man now but he was a kid when he started. He made mistakes, obviously, and I will never refer to him as the king, the pope, the gladiator or anything like that. I can just tell what I’ve been witnessing for the last 20 years and more: he has been an absolute genius, he has made things look easy, he has given us goals, assists, passes, crosses, dribbles and tricks people will remember forever and he has literally carried the whole team on his shoulders many times. He is a footballer and he knows that, he has never pretended to be anything but. He has never been comfortable under the spotlight even if his wife dragged him into it for a while. All his social and charity work has been done without the publicity many people seek every instant of their lives.
People will dismiss him because he could have won a lot elsewhere but decided to stay in Rome, to have an easy life and accept being second best, behind those who have been winning prizes and trophies for themselves as much as for their teams. But are we sure it’s the number of trophies to show at the end of a career to make a player a great player? The Ballon d’Or has been won by the likes of Michael Owen, Matthias Sammer, Fabio Cannavaro among the others. All good players but immortal? Don’t think so. Totti will be, maybe only for the few hundred thousand Roma fans spread around the world but still people will talk of him as someone who decided to give his career to the club he loved in his home city. Someone who was so good he could have played for virtually everyone at some point but decided to stay put. You have to be brave to do that, especially in Italy, especially in Rome. He did not give us titles and cups but his whole sporting life. And even more than that, he has made the people happy.
Thank you.

Riflessioni Mondiali

italyNon parliamo di fallimento ma di delusione nazionale sicuramente. La truppa Prandelli era partita per il Brasile con ben altri obiettivi e aspettative. Molto si era detto della popolarità del CT, di come era riuscito a riavvicinare la tifoseria agli Azzurri e il secondo posto degli Europei, oltre ad un paio di buone partite in Confederation Cup, avevano alimentato l’ottimismo. Addirittura dopo la vittoria contro l’Inghilterra qualcuno si era fatto prendere la mano, e la testa, ed aveva pronosticato finali e trofei all’insegna del Tikitalia. Dieci giorni dopo i 23 giocatori sono in spiaggia, e non quella di Rio, Prandelli è disoccupato e Abete, finalmente, dimissionario.

Ovviamente sono iniziate le critiche, feroci, alcune giuste, alcune ipocrite. Tanto di cappello all’allenatore che si dimette, si prende le sue responsabilità per aver fatto certe scelte, per aver insistito sui suoi fedelissimi anche quando chiaramente non in condizione o non più all’altezza (stesso sbaglio, tra i tanti, di Lippi quattro anni fa). Pensare che la colpa sia solo sua però è sbagliato. Certo ora ammettere che l’Italia vale come l’Austria o la Danimarca a livello internazionele per molti è difficile da mandare giù. Negli ultimi due Mondiali una partita vinta su sei, due eliminazioni alla prima fase ad opera di potenze calcistiche come Costa Rica e Slovacchia, una coppa europea vinta da un club dal 2007, superati nei ranking UEFA dal Portogallo con le sole prime due squadre della Serie di diritto in Champions League. Stadi vuoti, stadi vecchi, giocatori buoni o giovani che cercano di emigrare appena possibile, campionato italiano che diventa un passaggio di vecchie glorie come una volta era l’MLS. Tutto triste, da rinventare, rilanciare, riorganizzare. Un bene questa eliminazione forse, per non far parlare i soliti idioti che nel 2006 liquidarono Calciopoli una volta che Cannavaro alzò la coppa. I problemi ci sono e sono rimasti, se nel 1982 e 2006 la nazionale aveva contribuito a spazzarli sotto al tappeto, questa volta per fortuna ha avuto la possibilita’ di tornare a casa prima delle cartoline. Finalmente i luoghi comuni dell’italia che inizia piano ma poi comincia a carburare, dell’Italia che si impegna solo nelle partite decisive o a eliminazione diretta, dell’Italia che si difende in modo eroico anche in 10 sono stati sepolti, speriamo per sempre.

Senza andare a sindacare le scelte dell’allenatore, che alla fine è uno e un motivo ci sarà, o additare questo o quel giocatore, anche se la tentazione è forte,  bisogna riflettere sul seguente dato: nel 2006, quando gli azzurri si aggiudicarono i Mondiali, il 70% dei giocatori che avevano appena terminato quel campionato di A era italiano. Oggi sono il 45%, meno della metà del totale. Una volta l’Italia sfornava difensori che era una bellezza: Prandelli, nella penuria generale (andatevi a vedere la nazionalità di tutti i difensori centrali delle prime sei del campionato) ha dovuto insistere sul gruppo Juventus, una formazione che ha vinto gli ultimi tre campionati a spasso, o quasi, con la miglior difesa. Ma se Bonucci, Chiellini e Barzagli non sono esattamente Scirea, Gentile e Cabrini ma con chi te la vuoi prendere? Se loro sono il meglio che la nazione offre, e questo dicono le statistiche, non ce la si può riprendere con il CT. Che poi la Juve in Europa abbia vinto una partita su sei e sia stata eliminata dal Galatasaray prima di soccombere anche in Europa League contro il Benfica, che non è quello di Eusebio, ci aiuta a mettere tutto in prospettiva. Se Vicini aveva  Baresi, Ferri e Maldini, se Sacchi aveva tutta la difesa del Milan in campo e del Parma in panchina, se Lippi contava su Nesta e Cannavaro, oggi il panorama è desolante. Il tanto vituperato Materazzi oggi sarebbe il gioiello di una difesa che fa acqua da tutte le parti.

Il calcio italiano è ai minimi storici, la Serie A non interessa più nessuno. Anche il tifo, che una volta aiutava a vendere il prodotto, è stato scempiato. Non è rimasto nulla e grazie a Dio nessuno può aggrapparsi più alla nazionale, nessun alibi, è ora di ricominciare. Il problema è che nessuno sembra essere disposto ad accettare una realta’ tanto evidente quanto scomoda.

World Cup

englandNew World Cup, same old question. As an Italian living abroad, I have to endure the usual stereotypes, some really funny, some really boring. As such, I’m expected to be very passionate, which I am if I consider the club I have supported since I was a kid, and scandalously patriotic every two or four years, which I’m definitely not.

With the tournament in Brazil looming, it’s not rare having a general football conversation with someone you don’t know really well and after a while talking about the respective teams you are going to follow. Everyone, obviously, takes for granted my total commitment towards the Azzurri’s cause and inevitably raises an eyebrow as soon as I confess my alliances.

As a proper anglophile and British football (culture) lover, I’ve been supporting the Three Lions as long as I can remember. Considering 1978 is the first WC I remember and England were not in it, by 1982, even if I confess I had an Italian flag and I was really happy when they won the final v Germany, I was already strangely attracted by Bryan Robson & Co. Why, I don’t know. It got worse. My hatred towards Maradona started in 1986 for obvious reasons. In 1990 I was in Bologna with my Union Jack wearing the England shirt and dancing “Let’s all have a disco” after Platty scored the goal that changed his life and his career.

While my Englishness grew, my patriotic feelings towards the country I was born in faded away completely. I won’t go as far as to say that you cannot choose your family and your passport when you come to this world and you are entitled to leave them behind if your are not happy with either, but we are talking football here and if it’s more than normal that you choose your club, it is as normal to choose the team you’ll be supporting at international level.

Being in love with English football means being in love with all the characteristics associated with it, true or not at this time of writing. Honesty, fair play, fierceness, commitment, fearlessness, respect, energy, stamina, pride, character, manliness and more which are opposite to the Machiavellian “the end justifies the means” which opens the possibility of using any method known under the sun in order to win a game so common at my latitudes.

Being an England fan abroad, which I was before moving to London, is not easy.Especially when the team all your friends support have the annoying habit of doing very well in final stages of almost any major competition, even more when they arrive in the middle of huge corruption and match fixing scandals. In the big Football World England is not loved, most fans all around the globe support any team playing against them, it’s not only a Scottish, Irish or Welsh phenomenon.

But the choice of supporting a country different from the one of my birth doesn’t depend only on the different way of interpreting football. The problem is that if in Italy you are not a fan of the big three clubs (all striped, from the North) you struggle to have any empathy with the national side. Most of it is formed by players that you dislike or despise for the whole domestic season. The light blue camouflage they try when called up doesn’t work for me, doesn’t convince me as it doesn’t the present ethic code applied surgically based on convenience and not on merit. And all the patriotic nonsense people refer to when they talk about this is totally out of order. Italy is a relatively young country, still very divided and where parochialism is very deep. Bitter rivalries exist between North and South, adjacent regions, nearby cities. The first form of racism in Italy is probably the one against the southerners, a political party which refused the Italian flag, talked about revolution and cutting Italy below Bologna has been a member of the government for more than 20 years.

What strikes me though is that over here it is not that different. I mean, yes, the whole country is behind the national side, flags everywhere, pubs packed, but try to ask any Liverpool, Arsenal and now even Man Utd fan if he would prefer winning the Premier League with his club or the World Cup for England and you don’t need to wait for his answer.

I would go as far as saying that international football is for everyone while club football is not. International football is for people with jester hats and painted faces, for people who want to appear on telly, for people who want to do la Ola. Nothing wrong with it but I’m not one of them.

For the first time since 1990 England will travel to the final stages of a big tournament with no expectation at all. There will be lots of unproven youngsters, without some of the usual, tired faces. They’ll be led by a very experienced gentleman that doesn’t get half the credit he would deserve, but who is a breath of fresh air after the years of Eriksson and Capello. I would love for England to get to the Semi, I would love for Roy to prove them wrong, for Gerrard to shine, for Barkley to show the world his talent. But most of all I would love it for myself.

Alta Corte

sampNon so perchè nutrissi ancora qualche speranza in attesa dell’esito del ricorso presentato dalla Roma all’Alta Corte del CONI. Che la stessa abbia detto che la ridicola norma che condanna i giallorossi a disputare una gara chiave di campionato, quasi, a porte chiuse sia da rivedere è una dichiarazione ancora piú beffarda e sa, nel migliore dei casi, di verdetto stile Ponzio Pilato. Che sia il giudice sportivo a prendere decisioni di carattere “civico” è cosa assurda e imbarazzante. Non so chi e come lo abbia investito di un potere simile, un signore che invece di pensare alle ammonizioni e alle diffide ora decide di vietare lo stadio a migliaia, decine di migliaia infatti, di tifosi. E per cosa? Quando in occasione di Roma v Samp mi sono recato allo stadio, nei famigerati Distinti Sud, già da fuori si sentiva lo stesso coro “contro” Napoli intonato piú a mo’ di scherno che altro. Che non ci sia simpatia tra le due tifoserie è risaputo ma quasi la totale maggioranza di chi lo intonava lo faceva con un atteggiamento di sfida nei confronti di questo signore. Un paio di ragazze intorno ai 20 anni in piedi vicino a me ridevano e cantavano con una birra in mano senza riflettere affatto sulle parole, che si sia tanto presuntuosi da voler dare loro e il resto dei colpevoli una lezione di buona educazione?

E, sono pronto a scommetterci, lo stesso faranno in Tevere sabato prossimo. Chiudiamo anche la Tevere? A questo punto, a meno che non si faccia marcia indietro, e in Italia notoriamente non la fa nessuno (TdT docet), la Roma è destinata a giocare il resto del campionato con piú sostenitori in trasferta che in casa. Come ogni tifoso di calcio sta ripetendo su tutto il terriotorio nazionale, Campania compresa, questa norma vuole cancellare non il campanilismo ma addirittura lo sfottò, da sempre anima e colore delle partite. Che possano a volte essere estremi e di cattivo gusto è pacifico ma non per questo si decide di combatterli a colpi di divieti e squalifiche. Anzi il risultato è quello opposto, quello di dare un’eco e una durata ancora maggiore ai cori imputati, ne vale la pena?

Ma come è possibile che ora si sia diventati cosi coscenziosi, puritani o semplicemnte ipocriti? Prima le curve chiuse per razzismo, poi discriminazione territoriale poi cosa? Perchè non chiudere tutto l’Olimpico che contro la Samp cantava Sinisa zingaro? Perchè non punire chi parla di romane, o toscane, puttane con figli conigli? Chi inneggia a milanesi, o veronesi, tutti appesi? Ma il giudice sportivo se ne rendo conto che nessuno veramente pesa l’insulto in questione o la minaccia? Da quando tutta questa serietà? Come sempre da quando i tifosi rappresentano il bersaglio piú facile per autorità e giornalisti come quello che ha scritto l’articolo che riporto qui sotto:

Un inizio di campionato con una curva chiusa per razzismo. Una seconda squalifica, poi revocata. Una terza, sospesa grazie alla condizionale; una quarta, con pena raddoppiata dalla recidiva. Un primo appello, respinto. Un secondo appello, d’urgenza, a 24 ore dalla partita: respinto. Un improbabile e temerario tentativo di ricollocare parte dei tifosi delle curve chiuse in altri settori dello stadio: respinto, verosimilmente anche con una pacca sulle spalle e un invito a non esagerare con la fantasia. In tutta questa tormentata vicenda, i dirigenti della Roma hanno parlato poco, esprimendo però concetti semplici, il più semplice dei quali è che il club si impegna da sempre contro il razzismo e che i cori anti napoletani alla base delle ultime sanzioni fanno parte più del folklore da curva che dell’intolleranza discriminatoria. È una teoria in cui evidentemente si crede molto, a giudicare dall’impegno, ai limiti dell’accanimento terapeutico, con il quale il club ha provato a evitare una punizione ampiamente annunciata dalle azioni degli ultrà per tutta la stagione. Invece di combattere i comportamenti, insomma, la Roma ha deciso di combattere le sentenze, come già – e con maggior fortuna, chissà perché – avevano fatto Inter e Milan. Una strategia legittima, per carità, opposta a quella della Juventus che aveva rinunciato ai ricorsi e varato la discussa operazione bambini. Ma non proprio in linea con quei richiami alla sportività, ai valori, alla correttezza, alla modernità con cui Pallotta intendeva targare il nuovo corso giallorosso. Provare a far rientrare dalla finestra – peraltro di lusso, ai piani alti del condominio stadio – la gente sbattuta fuori dalla porta non pare il massimo della coerenza: io ti faccio i cori razzisti fino a farti chiudere mezzo stadio, tu in cambio mi premi mandandomi in tribuna. Davvero una bella, geniale pensata per tenere buona la piazza. La stessa piazza che appena ripreso posto nella sua curva, dopo averla lasciata vuota in un paio di partite chiave per la stagione, farà di tutto per farla chiudere di nuovo. Magari sperando in un biglietto gratis nelle prossime coppe europee, quando sarà bellissimo poter insultare di nuovo a squarciagola qualcuno che non capisce la lingua. Auguri

Come spesso accade chi lo ha scritto capisce poco o nulla dell’ambiente stadio. Essendo il calcio, e il tifo, un argomento considerato per mentecatti e persone con quoziente intellettivo limitato, magari il giornalista in questione lo ha scritto mentre si mangiava un’insalatona con un occhio al suo account twitter. Basta mettere in fila qualche stereotipo, dire che gli ultras sono il male e perchè no anche attaccare una società che ha avuto la sfacciataggine di passare in mano straniera. Mi chiedo perchè la AS Roma non cominci a diffidare i giornalisti e giornali come le autorità hanno deciso di fare nei confronti dei tifosi. In Inghilterra, visto che è un esempio sempre sulla bocca di tutti, lo fanno. Libertà di stampa? Sempre da salvaguardare ma per chi fa il proprio mestiere non per i calunniatori, i disinformati cronici o i giornalisti prezzolati.

Nonostante quanto di buono la Roma stia cercando di fare in campo e fuori, grazie a questi signori il messaggio che passa è un altro. La Serie A è di nuovo sugli schermi inglesi e vedere curve chiuse e spalti vuoti non rappresenta una cornice ideale. La colpa è, ovviamente, sempre secondo questi signori di noi tifosi. Non di un sistema badate bene ma dei tifosi. Perchè il razzismo in Italia, a quanto pare, si annida negli stadi. Nel paese in cui si dà impunemente dell’orango ad un ministro della Repubblica e le si augura di essere stuprata capite? In un paese in cui si assiste alla morte di decine di disperati su un gommone senza muovere un dito per difetto di competenza per poi dichiarare il lutto nazionale. In cui centinaia di persone vengono trattate come schiavi nella raccolta dei pomodori o di altri ortaggi nel Sud. In cui si pensa di combattere il razzismo dall’oggi al domani chiudendo le curve e facendo indossare una volta l’anno ai calciatori una maglietta con lo slogano “no al razzismo”. Mai un progetto nazionale, mai un impegno di tutti gli addetti ai lavori, mai campagne di educazione e di formazione nelle scuole. Se io da queste parti insulto un giocatore perchè di colore diverso mi si fa il vuoto intorno, vengo preso e buttato fuori dallo stadio, non mi si lascia fare e poi si chiude il settore in cui sedevo la settimana dopo. Ci sono voluti 20 anni di impegno dell’intera società civile, non i deliri di onnipotenza di un giudice sportivo.

Ma chi pensate di prendere per il culo?

Servizio Pubblico

3113692Rubo il titolo ad una delle tante trasmissioni inutili che ingolfano il palinsesto della tristissima TV italiana per descrivere il libro scritto da Lorenzo Contucci e Giovanni Francesio. Di triste in questo caso c’è solo la storia che viene raccontata ma proprio per questo è importante che venga letta e, possibilmente, non dai soliti noti. Uno dei risultati piú importanti che questo lavoro raggiunge è quello di condensare e riassumere in meno di 200 pagine un volume di materiale a disposizione probabilmente enorme senza  che il racconto perda il filo o ne risenta in termini di interesse o di entusiasmo. Sono sicuro che gli autori avrebbero potuto buttare giú un’enciclpedia ma sarebbe stata diretta a chi, come me, è già sensibile ad un certo tipo di problematiche. La battaglia qui invece è far leggere queste pagine a chi di solito si nutre di informazione filtrata e omologata, è convincere persone non proprio vicine al mondo del calcio e del tifo che non siamo tutti teppisti che ci meritiamo “questo ed altro”, ma persone con gli stessi diritti e doveri che troppo spesso vengono calpestati con scuse di dubbio gusto e dubbia provenienza. I soprusi e le bugie sono trattate e contrastate con la stessa grinta ma mentre i primi uno se li aspetta da un Sistema come quello italiano, sono le seconde a lasciare di piú l‘amaro in bocca. Constatare che nessuno abbia voglia o, peggio, coraggio di andare oltre, di fare il proprio lavoro, di indagare e di informare, di aprire il proprio cervello al dialogo e alla verità, questo ferisce molto di piú, lascia sconcertati i molti che ancora pensano ad una risoluzione civile e illuminata della questione. Purtroppo il fatto che si trucchino anche i numeri dei sondaggi senza vergogna, indica in un certo senso il disprezzo che certi oganismi provano per le persone che dovrebbero aiutare o indirizzare. Se il tifoso di calcio è considerato, a prescindere da chi sia fuori lo stadio, feccia anche tutto il resto è commisurato a questo tipo di giudizio, informazione compresa. Non esiste nessun riguardo e qualsiasi tipo di prepotenza, anche dialettica, viene perpetrata con il ghigno di chi sa che nessuno gli presenterà mai il conto. Per questo il libro di Contucci e Francesio è importante. Deve creare dibattito, è l’altra campana, rappresenta la possibilità di un confronto a viso scoperto con chi troppe volte lo nasconde dietro ad un pc o sotto a un casco. Speriamo che almeno qualcuno lo contesti, sarebbe comunque un passo in avanti, genererebbe una discussione dove almeno le persone interessate potrebbero scegliere da che parte stare. Non è anche questa democrazia? Che il calcio sia quasi morto è sotto gli occhi di tutti, che quello che preme salvare sia solo la parte commerciale anche. Ma se vogliamo rivalutarlo come fenomeno di costume e come espressione di cultura popolare e giovanile dobbiamo dare voce a chi si impegna in questa lotta.

Ostaggi

noceraDopo la grottesca farsa di Salernitana v Nocerina, sono comparsi su vari giornali e siti web i soliti titoli deliranti, ridicolaggini come “Calcio italiano nelle mani degli ultras” e via dicendo.

Quali ultras? Tutti e 20 quelli che sono stati accusati di violenza privata e minacciati di daspo? Un numero da far paura, 20. Cioè il calcio italiano si ferma perchè 20 tifosi si incazzano? Sta ridotto maluccio allora, verrebbe da dire.

Prima di tutto, come sempre, non si sa se questi 20 appartenessero al tifo organizzato, che di solito fa da denominatore comune alla definizione ultras che si affibbia alla cieca. Magari erano 20 amici che non vedevano l’ora di assistere ad un derby che mancava da un quarto di secolo piú o meno. Magari questi 20 delinquenti, tutti tesserati, schedati e controllati, si sono incazzati perchè avevano fatto programmi e poi hanno vietato loro la trasferta all’ultimo minuto. Magari, le due tifoserie, che qualche mente eccelsa ha paragonato a Israele e Palestina, avevano organizzato coreografie e altri spettacoli di sicura minaccia per l’incolumità del pubblico tutto, come accendere fumogeni o far scoppiare qualche petardo che, paragonato a quelli che alle stesse latitudini vengono usati a San Silvestro, è poco piú di un peto.

A quanto pare,quello che è veramente successo è che, giustamente, i sostenitori della Nocerina si sono risentiti di un divieto assurdo imposto all’ultimo minuto nonostante avessero osservato in passato altre disposizioni ridicole come la sottoscrizione della tessera del tifoso. A quel punto hanno invitato i giocatori a mostrare solidarietà, cosa avvenuta tramite una maglietta con su scritto “rispetto per Nocera” , indossata dai giocatori della squadra ospite al momento dell’ingresso in campo. Tutto qui. Le minacce di morte andrebbero provate, le intenzioni verificate. Perchè attenzione, nel corso di ogni partita si sentono, rivolte a arbitro, allenatore, giocatori, presidenti, frasi come “ che ti possano ammazzare, ti possa prendere un colpo ecc” e non credo che nessuno le abbia mai catalogate come minacce di morte. Almeno finora, non si sa mai.

Quindi l’inchiesta che l’autorità dovrebbero portare a termine non dovrebbe riguardare tanto i venti piú incazzati che protestavano contro tale sopruso ma i veri motivi che hanno messo un altro chiodo nella bara del calcio minore in Italia, già da molti liquidato come uno dei piú corrotti del continente.

Paura? Ma sì, incolpiamo gli ultras e passa di sicuro.

L’Italia s’è desta

imagesCAY3ER9REnnesima idiozia da parte delle autorità competenti. A quanto pare ora va di moda la chiusura dei settori negli stadi per punire cori che incitano alla “discriminazione territoriale”. Sappiamo tutti come è nata l’idea. Le fini menti liberali e progressiste di un paese di fatto sull’orlo del baratro dopo aver preso “seri” provvedimenti contro il razzismo per accontentare la UEFA, non che a loro importasse piú di tanto, hanno deciso di fare di piú, di essere all’avanguardia nella lotta contro il male annidato nei vecchi e decrepiti stadi italiani. Perchè punire coloro che offendono i giocatori di altra etnia ma non quelli che insultano i romani, i napoletani, i milanesi ecc? Alcuni degli insulti diretti ad esempio ai tifosi del Napoli sono disgustosi, si dice, canzoni inneggianti al Vesuvio o cose del genere. Vero. Anche “milanesi tutti appesi” non suona bene. O le Romane puttane e i figli conigli. O genovese buttati nel porto. O chiamare terremotati gli irpini o i friulani. O dire ai torinesi che sono tristi perchè lavorano tutti in fabbrica svolgendo specifiche attività sessuali a membri della famiglia Agnelli. E possiamo andare avanti per ore. La verità è che, se anche di cattivo gusto, e nonostante qualche caso estremo, si rientra sempre nel campo, dai confini abbastanza incerti, dello sfottò. Se cominciamo a creare questi precedenti dove finiamo? Si potrà prendere in giro i genovesi dicendo che sono tirchi? Si potrà usare la parola “terrone” nei film, nelle commedie? E le battute sui Romani pigri tutti alle prese con lavori ministeriali? Già il calcio italiano è agonizzante, e no, non mi riferisco al livello del gioco o della qualità delle squadre, che lascia comunque a desiderare, così non si fa altro che spingerlo sempre di piú in un precipizio senza possibilità di risalita. Già hanno vietato fumogeni, megafoni, tamburi, striscioni, torcie, ora decidono di filtrare i cori. Ma che c.zzo volete? Perchè pretendere che sia un problema da stadio? In tv si vede di molto peggio, in Parlamento si vede di peggio. L’Italia è un paese giovane, l’Italia è storicamente un’accozzaglia di principati, ducati, stati e staterelli con buona pace di Garibaldi, i Savoia e il Risorgimento. Le rivalità territoriali, campanilistiche esistono da sempre e esisteranno per sempre. E in un mondo globalizzato, filtrato, omogenizzato e omologato non è detto che sia una cosa negativa.

Local heroes should not be booed

ddrI don’t remember when football fans started to change their skin, when the whole nature, spirit and soul I grew up representing became a distant memory. Regardless of ability, skills and touch, you just didn’t abuse your own players. As long as they showed commitment to the cause you simply did not boo them, at least not during a game. But the arrival of modern football, new media and new players brought as well new fans, people who pay at the turnstiles and expect to be entertained; if not they feel they can shout any obscenity to the fella who, in their eyes, is not performing well enough.

In Rome, in recent years, fuelled by local papers, TV and, above all, radio stations, this has been very much the case. I remember people slaughtering Francesco Antonioli, a decent keeper, excellent professional and honest guy because for them he made too many mistakes in a star-studded team. The target of this new kind of frustration had usually been an easy one, a low profile, honest professional who preferred to answer on the pitch rather than during a press conference, or, lately, through the social media directly or via girlfriend. But in recent seasons the phenomenon has reached new lows. Some supporters have started to question authentic legends like Francesco Totti, accusing him of running the show rather than any of the last four or five Roma managers, of putting himself before the team, of not being a great “capitano”, a true leader the hard core fans could identify with. Many ultras thought Daniele De Rossi could and should have been captain, a person not afraid of any tackle and even less of speaking his mind in front of anyone.

Unfortunately, for various reasons, some private, some technical, his form has dropped a bit in the last couple of seasons, not at international level but definitely with his club. All of a sudden DDR has become the target of some poisonous attacks too, identified as the main culprit of the below average performances of the team, his commitment and love for the club he grew up in put into doubt, the interest of Chelsea, Real Madrid or Manchester Utd seen as a blessing. Daniele De Rossi is a fighter though, he is not a quitter even if I bet his mind more than once has probably suggested him to do exactly that. Some fans simply don’t deserve him, people who like to mention his wages as the reason why he loves the club so much, forgetting the fact he started with the youth team and progressed to become a WC winner at the age of 23. Son of the AS Roma youth manager, DDR has put in even more work than the rest showing that if he was in the team, it was just on merit. He loves the city, the club, the colours, the badge, the fans and even on a less than brilliant day he will sweat his heart out, battling and tackling anything that moves. To the writer of this piece this is more than enough. De Rossi deeply cares about his club and I’m sure he would show the same spirit even if he had to play with just one leg. Criticizing him to the point of pushing him away is a mortal sin. In the era of globalization, of mercenaries kissing new shirts as soon as their first new salaries hit the bank accounts, De Rossi should be protected like the Colosseum and should be in the team even when not at his peak. The club is now owned by an American fund, every player Roma have been linked with is not Italian, let alone a local lad. Having Totti, De Rossi, and now Florenzi, in the team is just outstanding, more important than any trophy, something all the fans should treasure as long as it lasts. Just turning up at the ground or switching the telly on and seeing his one short-one long sleeve shirt and the veins popping out from his neck should be a sight to behold. Players come and go, true fans and legends stay forever.

Supporters Summit 2013

fotoDevo dire la verità, questa volta avevo deciso di andare alla annuale Supporters Direct (SD) National Conference più perchè interessato al luogo scelto per ospitarla, St George Park, che altro. Questo è un evento a cui mi reco annualmente dal 2005 e nelle ultime edizioni c’era stato qualcosa che non si sposava più bene con i principi e l’entusiasmo dei primi anni. Non so dire esattamente cosa, le persone sul campo, quelle che fanno il lavoro duro, vero, sono sempre le stesse, il movimento dei trust è cresciuto in UK e fuori, eppure, soprattutto nel 2011 e 2012, me ne ero tornato a casa un pò deluso. Forse perchè crescendo il fenomeno aveva attratto persone non completamente disinteressate, figure troppo politiche, superficiali, che non avevano molto da spartire con le centinaia di tifosi in lotta per salvare la propria squadra del cuore sacrificando il proprio tempo e i propri risparmi.

Quest’anno tale sensazione non l’ho avuta. Se il discorso di benvenuto da parte del presidente della FA David Bernstein era stato il solito ripetersi di luoghi comuni e belle parole, il “comizio” del deputato laburista Andy Burnham ha strappato più di un applauso. Tifoso dell’Everton, amico di lunga data del movimento dei Trust, ha detto quello che aveva in mente e nel cuore senza sconti, neanche al padrone di casa che infatti si muoveva sulla sua sedia in modo sempre più impacciato.

Tra tutti i vari workshop previsti per cercare di coprire gli argomenti più caldi, il Supportes Summit è stato per il secondo anno organizzato insieme alla Football Supporters Federation, quello di SD Europe ha dato voce all’esperienza diretta di tifosi provenienti da tre paesi diversi con tre esperienze altettanto diverse, Irlanda, Svezia e Italia. Che si sia parlato di Italia mi ha fatto piacere. Lontano anni luce dal sentirmi patriottico, soprattutto quando si parla di calcio, in passato mi ero indispettito per la sufficienza e le battute scontate con cui si parlava della nostra situazione riducendo a poco piú di uno scherzo ciò che invece rappresentava una situazione tragica. Negli ultimi anni però il contributo di persone dedicate e disinteressate ha dato i suoi frutti. Forse non parliamo di progetti che finiscono sulle pagine dei giornali nazionali, forse non compaiono nomi di club famosi, ma quanto fatto da un pugno di appassionati nel nostro paese è stato preso come esempio a livello europeo. Proprio perchè chi per anni si è recato in Italia a cercare di diffondere un’altra idea di calcio, fatta di passione a partecipazione attiva, come Antonia Hagermann ha capito contro cosa si è dovuto lottare. E non parliamo solo di autorità, enti, leghe e federazioni. Parliamo di diffidenza e noncuranza delle migliaia di altri tifosi che decidono di non partecipare, di stare a guardare, per comodità, per mancanza di fiducia, per cinismo, per gelosia.

Mettersi in discussione, promuovere delle idee, cercare di diffonderle con civiltà e pazienza, essendosi preparati e documentati, richiede sacrificio, soprattutto in termini di tempo. Tempo che le persone che sono venute a Burton ad esempio, hanno levato al proprio lavoro e alle proprie famiglie. Non voglio farla sembrare una missione da libro Cuore per carità, viaggiare ed incontrare tifosi che condividono gli stessi ideali e la stessa passione provenienti da ogni angolo di Europa ha i suoi lati positivi, di divertimento. Ma ciò non toglie nulla ai risultati raggiunti. Il lancio del sito di Supporters in Campo http://www.supporters-in-campo.org/ è di un’importanza colossale. Dare voce e dare un ritrovo a tutti i tifosi italiani, e non solo, che vogliono condividere, partecipare ed informarsi è un passo in avanti straordinario, impensabile pochi anni fa. A queste persone, senza fare nomi per non rischiare di scordare qualcuno, vanno tutti i miei complimenti.

Dopo il seminario di SD Europe ho poi assistito ad una presentazione da parte del Vicepresidente Sales & Marketing dei Green Bay Packers. Chi sono? Beh, neanche io lo sapevo, una squadra di Football americano, quello con la palla strizzata, sport che per il sottoscritto non esiste. Eppure è stata una lezione di community values che non mi aspettavo potesse arrivare dal regno del franchising sportivo. I Packers sono l’unica squadra della NLS che appartiene ai suoi membri e per statuto rimarrà così anche perchè, visti i risultati in campo e fuori, non si vede perchè debbano cambiare. Green Bay ha 102mila abitanti, uno stadio da 79posti tutto esaurito dagli anni 60, una lista d’attesa per gli abbonamenti di 106mila persone. Follia. O magia?

Si è chiuso con un dibattito generale e poi con il tour del nuovo quartier generale della nazionale inglese, progettato e costruito per ridare smalto ad una nazionale ormai in declino da anni. Se solo si prendesse per una volta esempio dai tifosi, chissà che traguardi si potrebbero raggiungere?

Raccoglimento?

duePoche settimane fa in Inghilterra è passata a miglior vita Margaret Thatcher, leader del partito conservatore per lungo tempo, sicuramente un personaggio di grande spessore politico ma allo stesso tempo anche responsabile di alcune decisioni tanto drammatiche quanto controverse nella storia del paese. Odiata in alcune parti del Regno Unito a tal punto che alla notizia del decesso parecchie persone sono scese in piazza a festeggiare in maniera del tutto estemporanea, si è saggiamente deciso di non prevedere minuti di silenzio in occasione di manifestazioni sportive. Questi segni di rispetto negli stadi vanno lasciati per coloro che in qualche modo possono unire le persone nel loro ricordo non dividerle ancora di più. L’esempio di buon senso, come mille altre volte, non è stato seguito in Italia dove invece i sessanta secondi di cordoglio forzato sono stati imposti per la morte di Giulio Andreotti. Il senatore a vita dell’ex DC è stato senza dubbio un politico di primo piano ed una delle figure più emblematiche della cd Prima Repubblica, uomo di grande cultura ed intelligenza, ma è stato anche implicato in processi per mafia e omicidio, tanto per citarne  un paio. Senza entrare nelle carte processuali e discutere della sua innocenza o colpevolezza, non si può non ammettere che sia stato sempre circondato da sospetti, sia stato ambiguo in alcune sue affermazioni e mai troppo lontano da ogni scandalo dal dopoguerra fino agli anni 90. Non era difficile da immaginare che negli stadi ci sarebbe stata una reazione quantomeno divisa alla decisione di voler far rispettare il minuto di raccoglimento. Tutte le polemiche relative ai fischi indirizzati ad una persona comunque scomparsa, e che avrebbe meritato un minimo di rispetto in più, sono state tanto futili quanto sarebbero state evitabili.

Modelli

curva-borussia-dortmundC’era una volta il modello inglese. Tutti gli esperti pallonari di tv e carta stampata della penisola non facevano altro che ripetere come un mantra gli stessi luoghi comuni che molti pochi di loro avevano avuto l’opportunità o la voglia di verificare di persona. La Premier League era il campionato cui tutti dovevano ispirarsi, stadi pieni, violenza cancellata, media e marketing rights milionari, stadi di proprietà fruibili sette giorni su sette, famiglie felici. Ma gli stadi pieni erano sempre gli stessi, la gente aveva cominciato a fare a botte lontano dalle telecamere disseminati fuori e dentro gli impianti, i bambini non erano tanti come una volta quando portarli alle partite non costava una fetta di stipendio, l’interesse per la Premier League, soprattutto in paesi lontani, era molto più forte di quello per la Serie A e in quanto agli impianti, beh, cosa si vuole paragonare se in Italia soltanto uno è di proprietà del club che ci gioca e da non più di un paio d’anni? Fare dei paragoni tra campionato italiano e inglese non aveva senso perchè le condizioni di partenza erano completamente differenti. “Non si possono sommare le mele con le pere” diceva la mia maestra delle elementari e il discorso era molto simile in questo caso. Ma ovviamente gli esperti tutte queste cose non le considerano. Per loro contano le squadre che arrivano almeno in semifinale di Champions League per poi gridare alla crisi del calcio italiano quando nessuna delle tre formazioni a strisce verticali riesce ad andare più in là dei quarti. “Bisogna investire, rilanciare l’immagine del calcio italiano, attrarre investitori…” e via con banalità di questo genere non considerando che questo è un periodo di crisi come pochi e che benefattori alla Abramovich sono prima di tutto uomini d’affari e che uomini d’affari non investirebbero alle condizioni che sarebbero costretti a sopportare in Italia. Ma mentre l’opinione generale continuava a fare i conti in tasca alla EPL, ecco che nasceva in silenzio una frangia di dissidenti che in poco tempo sarebbe diventata la nuova maggioranza. Quelli del modello Barcellona. Scordatevi gli investimenti milionari di sceicchi e petrolieri russi. Guardate non più lontano della Catalogna. Allenatore fatto in casa, giocatori fatti in casa, con qualche innesto importante, stadio pieno, soci che “possiedono” il club, successo sportivo strabiliante che porta un successo economico senza precedenti. Di nuovo, gli esperti si meravigliano perchè in Italia nessuno segua il nuovo modello. Il Barcellona prima di tutto non è solo una club sportivo ma la bandiera di una sottonazione che da tempo mira a staccarsi dal governo centrale spagnolo e usa la sua sua squadra come strumento di propaganda politica. Il Barcellona è la Catalogna. I soldi dei soci non comprano giocatori, i soci possono eleggere il presidente, che non è poco, ma che non si facciano passare informazioni non vere. Messi non lo pagano con le tapas che si vendono sulle Ramblas. In quanto alla cantera, come fanno le squadre italiane ad investire sui giovani, a far giocare i giovani, se poi sono sempre gli esperti a lamentare l’esodo dei campioni mercenari e ad accusare le squadre di mancanza di ambizione? Firme eccellenti insorgono ogni volta che un nome famoso decide di emigrare verso stipendi migliori in qualche angolo d’Europa, non capendo che è in momenti difficili come questo che bisognerebbe fare di necessità virtù, investire sui giovani e su un sistema di osservatori locali e non. Ora che anche il Barcellona scricchiola, si consumano fiumi di inchiostro e di parole per tessere le lodi dell’ultimo modello in voga, quello tedesco. Una finale di Champions League tutta teutonica ha disinnescato la bomba. Gli esperti continuano il tour europeo alla ricerca disperata di un riferimento che li possa far passare da intenditori. Gli stadi pieni, i prezzi bassi, la regola del 50+1, i giovani ecc ecc. Di nuovo, guardare troppo il giardino del vicino fa perdere di vista le erbacce che ci sono nel proprio. La Bundesliga non ha molto appeal, basta chiedere in giro quante persone guardino le partite tedesche in tv. A parte qualche eccezione, i campioni difficilmente decidono di emigrare in Germania, ancora di meno se si esclude la Baviera. Ma da quelle parti, si sa, efficienza ed organizzazione non mancano. Gli stadi, grazie ai Mondiali del 2006, hanno subito dei miglioramenti sostanziali, al contrario di quanto avvenne per Italia 1990 dove gli unici a guadagnarci furono coloro che riuscirono a prendersi gli appalti. I tifosi sono ascoltati, anche perchè devono essere ascoltati in quanto ultimi proprietari dei club, e così i prezzi rimangono bassi, la birra si beve sugli spalti, la partita si può seguire in piedi e l’esperienza dei 90 minuti da passare insieme ai propri amici rimane intatta. Per anni, a parte qualche apparizione del solito Bayern, le squadre tedesce non hanno vinto nulla, ma invece di lamentarsi per la scarsa considerazione che i soliti nomi riservavano alla Bundesliga, si sono rimboccati le maniche e hanno messo su un sistema di selezione, allenamento e sviluppo dei più giovani che può portare la Germania a dominare il calcio europeo e mondiale alla stessa stregua della Spagna degli ultimi cinque anni solo per molto più tempo. Dopo la figuraccia degli Europei del 2000 le squadre tedesche hanno investito qualcosa come 650 milioni di euro nei settori giovanili. Qui da noi si sognano cose irrealizzabili, date le condizioni attuali, nel mondo del calcio come nella società civile. Per anni si è deciso di vivere di espedienti, di pensare al presente senza preoccuparsi del futuro, di inseguire risultati effimeri immediati piuttoso che programmare in grande, di combattere battaglie pretestuose o sbagliate piuttosto di quelle per cui ne sarebbe valsa la pena, di comprare pippe all’estero piuttosto che investire nei settori giovanili, di stipare, anni fa, o di convincere ad entrare, oggi, i tifosi dentro impianti vecchi e scadenti piuttosto che modernizzarli perchè spetterebbe ai comuni che li possiedono e non ai club che li affittano, di parlare e scrivere di cazzate piuttosto che dei veri problemi che affliggono il calcio italiano, di perdonare gli scandali piuttosto che imparare da questi.

Invece di inseguire modelli impraticabili, sarebbe ora di crearne uno nuovo ed originale, ma chi ne ha veramente voglia?

Guerra e calcio

siriaÈ notizia di ieri che un calciatore del club siriano Al-Wathba è stato ucciso da una scheggia di mortaio mentre si preparava per l’allenamento con i suoi compagni e quelli di un’altra formazione di Damasco, i notiziari parlano anche di una ventina di feriti. Lo so, la guerra in Siria uccide tutti i giorni ma io mi soffermo su questa morte in particolare, in teoria non ha senso. Lo ha però su un blog che parla principalmente di calcio. Quella degli appartenenti a queste due squadre è semplice follia o resistenza ad oltranza agli orrori della guerra, una sorta di autoesorcismo, una cieca determinazione nel mantenere almeno parte della propria vita in piedi mentre intorno crolla tutto? Lo sport è passione, disciplina, rispetto, competizione. Può significare anche amicizia, fratellanza, impegno comune, può essere un ponte tra diverse religioni, razze e mondi. Il sacrificio estremo di Youssef Sleiman vuol dire tutto questo e di più in una terra martoriata dalla guerra civile. I proiettili di mortaio che hanno centrato gli spogliatoi, e che per fortuna non hanno provocato una strage più grande, sono sicuro che non fermeranno la passione dei suoi compagni, non altereranno la risolutezza di chi non vuole arrendersi, di chi vuole celebrare la vita correndo dietro ad un pallone sopra un prato verde, anche se sfigurato dai crateri delle bombe, perchè non esiste modo più bello.

Questione di stile

pepFinalmente qualche centinaio di giornalisti potrà tornare a fare il proprio lavoro. Dopo mesi di speculazioni, intuizioni, falsi scoop e indovinelli, Pep Guardiola ha deciso dove allenerà la prossima stagione. Non che ce ne freghi molto in questa sede ma è bello vedere come abbia sorpreso tutti. Eppure già da giocatore aveva fatto delle scelte non proprio scontate. Il Brescia non è esattamente il Barcellona ma comunque in Lombardia, a quanto si dice, ha lasciato bei ricordi e tanti amici. Dopo averlo dato al Man City, al Milan, all’Inter, ultimamente alla Roma o addirittura al Man Utd, dove Ferguson potrebbe continuare anche imbalsamato nei prossimi 25 anni, ci si era rassegnati nel vederlo alla corte dello Zar di Stamford Bridge. Visto che non è un segreto che l’ex allenatore più odiato nel sud-ovest di Londra, Rafa Benitez, sia sulla panchina a tempo determinato, si dava per scontato che stesse tenendo caldo il posto per il suo connazionale. Come dire di no a qualche palata di oro zecchino che ti entra dritta sul tuo conto in banca? E invece il buon Pep ha scelto la Germania. Certo il Bayern, non il Bochum, ma comunque la Bundesliga, che per quanto si voglia prendere come esempio di efficienza e di virtù non  è di certo la competizione con più fascino in Europa. Perchè? Una società solida, persone competenti,  campionati di vertice, Champions League quasi garantita, aspettative reali, ansia gestibile, poche possibilità di dover rifare i bagagli dopo tre pareggi. Guardiola deve aver visto questa possibilità come un’opportunità di crescita, di testare la sua abilità in cui tutto il mondo sembra credere più di lui stesso.

Stab City

Mi chiedo se una persona che giace in un letto di ospedale con ferite al collo, all’inguine e alle gambe, sia realmente interessata a sapere quale squadra di calcio tifi la persona che l’ha appena accoltellata. Direi di no. Eppure i soliti giornalisti investigatori rimbalzano da Roma a Lazio a seconda delle voci che raccolgono per strada, mancando interamente il punto, grave, della situazione che nessuno vuole vedere e ammettere. Anche perchè continuando in questo loro inutile censimento calcistico rischiano di venire a sapere che dei 30, di più di meno non si sa, aggressori di Campo de’ Fiori quattro erano del Cagliari, tre del Lanciano e sei della Spal. E allora? Si tirerebbe fuori il complotto ultras interregionale? Siamo seri. L’altra ipotesi a cui si sta dedicando attenzione è l’attacco fascista contro una squadra storicamente legata alla comunità ebraica londinese. Ma non è che il gruppo dei tifosi degli Spurs avesse ricoperto pub e statua di Giordano  Bruno con le stelle di Davide. Per quello che ne potevano sapere gli assalitori, chi era dentro al pub in quel momento poteva anche essere membro del BNP. Credo che ogni tifoseria numerosa abbia tra le propria fila sostenitori di origine ebraica e questo vale anche per le due squadre della capitale, il che rende questa spiegazione, a mio parere, un pò fiacca. C’è da chiedersi invece, se quelle persone fossero state dello Scunthorpe incece che del Tottenham, sarebbero state comunque vittime della stessa violenza? L’aggressione vigliacca di mercoledì sera, di nuovo ai danni di semplici tifosi e non di una vera firm degli Spurs, deve far riflettere su due cose. La prima: il Drunken Ship è stato coinvolto in episodi del genere anche in passato, purtroppo per il proprietario, quando squadre britanniche erano impegnate all’Olimpico. Un paio di volanti in più la sera prima della partita non avrebbero guastato ma si sa, ciò che è troppo elementare non viene neanche preso in considerazione da un corpo di polizia ormai concentrato su studenti minorenni e agli ordini diun  ministro degli interni che ricorda Ave Ninchi ai tempi della pubblicità dei polli AIA. La seconda: Roma per i tifosi inglesi, parliamo di calcio perchè per il rugby questo problema non si pone, è diventata più pericolosa di Instanbul, la trasferta  che le persone della mia generazione pensavano fosse la più pericolosa d’Europa. Nonostante le stronzate dette dal sindaco della capitale anni fa in occasione della visita del Man Utd, quando rispose piccato agli avvertimenti della società inglese ai propri tifosi sui pericoli della città eterna ricordando come Roma avesse accolto senza problemi un milione di pellegrini per i funerali del papa, la verità è che i semplici fans, sottolineo, non quelli organizzati e vogliosi di confrontarsi con la tifoseria di casa, sono lasciati in balia di delinquenti dal coltello facile. La cosa atroce è che sembra che ci si sia abituati come alle bombe su Gaza, alle guerre in Africa o agli uragani negli Stati Uniti. Sembra normale che dei ragazzi, per il semplice motivo che siano tifosi di calcio e inglesi vengano assaliti. Finchè non si ammetterà la serietà della situazione, la pericolosità di Roma, e non si affermerà l’intenzione vera di fare qualcosa, si sfioreranno tragedie ad ogni sorteggio. Per quale motivo poi? Per la reputazione delle firm inglesi? Ma a parte film e libri usciti in Italia su ex hooligans anche troppo vogliosi di raccontare le loro memorie degli anni che furono, i ventenni di oggi certe cose le hanno solo sentite dire, mai sperimentate. Se è vero che oggi le risse si organizzano per appuntamento e lontano dagli stadi tra chi vuole effettivamente cercare un confronto, è anche ora che certe operazioni militari ai danni  di chi si sta facendo una birra cessino una volta per tutte.

Derby

Io il derby l’ho sempre odiato. Sì certo anche amato, ma soprattutto odiato. Nessuna altra partita mi ha mai tenuto sveglio, levato l’appetito, fatto stare in tensione per giorni e sull’orlo dell’infarto per 90 minuti. Ogni anno mi ripromettevo che sarebbe stata l’ultima volta, ogni estate mi ritrovavo ad evidenziare in giallo le solite due date sul calendario scaricato e stampato dal sito della Lega. Perchè c’è un solo modo per soffrire di meno: viverlo allo stadio, possibilmente insieme ai tuoi amici e circondato da migliaia di persone con al collo gli stessi colori. Se vinci partecipi alla festa, se perdi ti consoli anche solo incrociando gli occhi con persone che non conosci ma a cui non devi dire niente perchè si sentono esattamente come te.

Questo è stato vero e possibile fino a qualche stagione fa. Poi lentamente anche il rito del derby ha cominciato a risentire della lotta senza quartiere contro il mondo del tifo italiano. Prima la tessera, poi la chiusura di settori interi, l’albo degli striscioni, la comunicazione preventiva delle coreografie, i daspo per i fumogeni, i tornelli, i prefiltraggi, l’abolizione dei parcheggi liberi, le perquisizioni coglione che vietano ai bambini di far entrare i succhi di frutta con il tappo e le regole stronze che impediscono ad un mio amico sulla sedie a rotelle di comprare un biglietto per la zona riservata ai disabili perchè per il derby è ad uso solo dei laziali disabili e tesserati. Ed è così che mi sono ritrovato negli ultimi anni in un Olimpico spoglio, con una tribuna tevere semivuouta e senza il botta e risposta spesso geniale ed esilarate degli striscioni che ti spingeva ad entrare anche tre ore prima del calcio d’inizio. Hanno voluto sterilizzare la passione. Hanno voluto privare lo spettacolo del tifo di una delle sue caratteristiche più importanti, la sponteneità. Perchè se faxi il contenuto di uno striscione in questura e poi aspetti che te lo approvino, allora non stai tifando, stai ubbidendo, non sei più uno spirito libero ma ancora una volta un servo.

In meno di dieci anni si è passati dalla fila di notte per prendere i biglietti della gara “in trasferta”, alle poche centinaia di tagliandi ancora invenduti il giorno prima della partita. Avete vinto voi, complimenti. Avete banalizzato un evento unico, che il mondo ci invidiava, cercando di farlo diventare una partita come tutte le altre. Avete allontanato mgliaia di persone con la vostra ottusità e rigidità, la vostra omertà e la vostra ipocrisia. Avete vietato, diffidato, arrestato, ucciso. Questo derby  è vostro, non è più il mio.

Deja vu

Mi chiedo se mai i campi delle squadre potranno essere squalificati per l’operato della polizia locale. Cioè in base a quale logica le società di calcio rischiano multe e sanzioni per una torcia o un coro razzista ma l’operato delle forze dell’ordine locali, chiaramente xenofobo, non porta neanche ad un’indagine approfondita di quanto accaduto? Per una volta non mi sto lamentando dell’approccio della polizia italiana ma di quello dei loro colleghi spagnoli (vedi anche il mio post sulla trasferta dei tifosi dello Stoke a Valencia). Mentre tutti i media parlavano del 3-2 con cui il Real Madrid aveva messo a tappeto il Man City, sul web si diffondevano le immagini che mostravano come gli uomini di Mancini non fossero stati i sol,i visto l’ennesimo attacco arbitrario e non provocato ai danni dei tifosi inglesi in trasferta. Madrid come Valencia, Siviglia, Barcellona e altre città. Da quelle parti i poliziotti sono rimasti nel passato: il loro è ancora uno status symbol, un residuo dei tempi in cui il loro ruolo richiamava valori importanti come la difesa del cittadino e delle persone oneste e che oggi è invece sinonimo di soprusi, arroganza e prepotenza. Chiunque sia stato in trasferta in Spagna può testimoniare quanto dico, il sentirsi sempre in pericolo, lontani un gesto o una parola dal pestaggio legale più brutale che uno abbia la sfortuna di dover subire. Se guardate l’atteggiamento dei robocop di Madrid su youtube vi riconoscerete in quelle scene, viste e riviste. Gente che beve fuori un bar nei pressi dello stadio, qualcuno che magari è troppo allegro e l’esuberanza viene scambiata per aggressività. I tifosi non vengono avvicinati per spiegazioni o avvertimenti, vengono direttamente manganellati. Con i sostenitori inglesi, nonostante gli anni bui degli hooligans siano passati da un pezzo, i gendarmi di Juan Carlos riescono a dare il peggio di loro ma, visti i tempi di crisi e le proteste in tutto il paese, è auspicabile che una lezione, più che dovuta, la riceveranno dai loro stessi compatrioti.

Piagnisteo

Dopo un’altra, presunta, delusione europea, lo 0-0 casalingo del Milan contro l’Anderlecht, ancora una volta mi sono trovato a leggere articoli di supposte grandi firme del giornalismo italiano in cui ci si lamentava della diaspora di talenti dalla Serie A verso l’estero. La dipartita di Thiago Silva ed Ibrahimovic ha accentuato questo vittimismo collettivo, questo piagnisteo odioso di chi non riesce a parlare di nulla se non dello scontato.

La Serie A non è più un campionato di vertice da anni. I successi mondiali o quello dell’Inter in Champions hanno nascosto una realtà che esisteva da tempo. Da una parte il normale avvicendamento di una nazione con un altra, dopo l’Italia è toccato all’Inghilterra con la Premier, poi alla Spagna con la Liga, dall’altra le ovvie conseguenze di una situazione economica tra le più serie e preoccupanti che il paese abbia mai vissuto.

In virtù di questo, invece di lagnarsi, sarebbe il caso di far capire che mai come ora si dovrebbe puntare sui settori giovanili. Mai come ora dovremmo ridare importanza alle serie inferiori che invece trovano spazio sulle testate importanti solo quando si parla di Calcioscommesse. Invece di spendere cifre esorbitanti per giocatori sopravvalutati o “pescare a strascico” come fa l’Udinese in giro per il mondo, si potrebbero incentivare i club ad investire nei vivai. Molte società italiane sono famose per i settori giovanili, Torino, Atalanta, Roma, tanto per citarne alcune. Che sia venuto il momento di costruire piuttosto che di comprare?

Che poi molti campioni, o presunti tali, decidano di andare all’estero in questo momento ci sta. Ma andare al PSG non vuol dire che tutta la Ligue 1 ora abbia enormi potenzialità. E per quanto riguarda la Spagna, ora che il super favorevole regime fiscale creato per i calciatori (la cd legge Beckham) non esiste più, vedremo in quanti decideranno di emigrare in un campionato dove al di fuori di Real Madrid e Barcellona non esiste nulla.

Il fatto che l’Italia nel ranking UEFA sia stata superata dalla Germania e a fine anno probabilmente anche dal Portogallo, non ha a che fare con Ibrahimovic che decide di cambiare i Navigli con la Senna, quanto con il comportamento antisportivo, irresponsabile e censurabile di molte squadre di Serie A.

Se i campionati portoghese e tedesco per la UEFA contano di più non è perchè formazioni di quei paesi hanno vinto chissà quante edizioni della Champions League ma perchè i loro club vanno sempre molto lontano in Europa League. In Italia invece squadre che tutto l’anno lottano per qualificarsi in Europa, puntualmente poi snobbano la competizione facendo giocare panchinari, giocatori reduci da infortuni o giovani alle prima armi, collezionando figure di merda contro compagini slovacche, armene o cipriote.

Ancora una volta dovremmo rimproverare il cinismo e l’antisportività di allenatori e dirigenti piuttosto che lamentarsi dell’erba del vicino.

I (nuovi) mostri

Leggendo questa notizia mi è venuto in mente il famoso film con Ugo Tognazzi e Vittorio Gassman. In pratica vari tesserati del Bologna FC, tra cui Viviano, Di Vaio, Adailton e Portanova, usavano un permesso per disabili di una dipendente della società per entrare in centro città o in aree comunque a circolazione limitata. Scoperti e denunciati sono stati rinviati a giudizio, aggiungerei più che giustamente. La cosa sbalorditiva è stata la sentenza che, la scorsa settimana, ha chiesto il proscioglimento di tutti i giocatori coinvolti. Queste le parole della sentenza pronunciate dal procuratore aggiunto Valter Giovannini: “Nel nostro paese i moderni gladiatori e cioè i calciatori vivono in una sorta di bolla immateriale che, salvo rare eccezioni, li mantiene avulsi dal quotidiano, al limite dell’incapacità di badare agli affari correnti di natura burocratica che affaticano invece ogni persona che non pratica ad alti livelli l’arte pedatoria.”

A parte il ricorso ad espressioni come moderni gladiatori e arte pedatoria, veramente stucchevoli, considero questa cosa talmente fuori dal mondo e grottesca da risultare comica nella sua tragicità. Tutti noi dobbiamo prendere i mezzi pubblici per andare in  una ZTL ma se hai culo e giochi bene a pallone a quanto pare il tuo cervello si inceppa e non riesci più a farlo, puoi invece sfruttare una disgrazia altrui e fare il furbo, cosa che in Italia in molti cercano di assumere a modello di vita. Il giudice qui non ha ritenuto neanche opportuno magari fare un riferimento allo stipendio di questi signori, che magari un taxi se lo possono permettere se proprio non vogliono mischiarsi con la plebe, piuttosto li ha giustificati e neanche rimproverati per quella che è una vera e propria truffa. La legge è uguale per tutti? Calciatori come esempio per i più giovani? Ma vaff.lo.

Mai dire Rai

Dopo parecchi anni ho avuto la sfortuna di rivivere un evento calcistico in diretta sulla televisione italiana. Mi chiedo se Sky non abbia deciso a priori di non partecipare alla gara per l’acquisizione dei diritti di Euro 2012. Perchè nessuna campagna pubblicitaria, nessuna agenzia di marketing avrebbe potuto generare lo stesso successo che probabilmente sarà loro procurato da tre settimane di partite viste sulla RAI. In estate prevedo una corsa all’abbonamento alla tv satellitare. La televisione di stato, infatti, invece di impegnarsi a lasciare un’immagine di efficienza e competenza in uno degli ultimi avvenimenti sportivi che le erano rimasti in esclusiva, ha deciso di confermare tutto il cattivo gusto e la sufficienza che da anni ormai la contraddistinguono. I telecronisti sono spesso impreparati e armati di stereotipi e luoghi comuni a non finire, chi fa il commento tecnico è a volte poco spigliato e naturale, per le partite della nazionale italiana hanno poi calato l’asso. Hanno forse invitato ex giocatori, allenatori, bandiere degli azzurri? Macchè, tre attori o doppiatori, quello che sia, che dall’alto della loro competenza hanno rilasciato perle tecniche di imperitura memoria. La domanda di Marco Mazzocchi ad uno di questi “tu che hai interpetato Garibaldi come pensi si sentano oggi i giocatori che rappresentano l’Italia” è da arresto e detenzione per minimo 48 ore. Per non parlare del dopo partita…sconcertante. Un clima da Bar-totocalcio di una volta, Galeazzi che chiaramente non vorrebbe stare lì, ogni volta che respira allarga il buco nell’ozono, la Ferrari che continua a rifarsi quello che può ma ancora non ha capito che avrebbe bisogno di un doppiatore, e poi i soliti Varriale, Volpi, Paris in versione Edmondo De Amicis…come in politica si cambiano le poltrone ma le facce sono sempre quelle. Deprimente. Quello che non capiscono è che il tifoso medio reclama solo rispetto: hai delle partite di calcio? Falle commentare, e fanne discutere da studio, da persone che lo hanno giocato, che si sono trovati in situazioni del genere. Ci sarebbe l’imbarazzo della scelta.  Invece no, attori, nani, ballerine, esponenti di altri sport, tutti sul carrozzone a sparare cazzate controvoglia. Perchè, che abbiamo fatto di male? E vogliono anche il canone.

Biscotti

Ovvio che nessun giornalista porra’ mai la domanda a Buffon. E’ accettabile, a quanto pare, che un professionista della carta stampata chieda al sociologo Antonio Cassano cosa pensi delle dichiarazioni di un triste figuro una volta in tv e che ora elemosina gettoni millantando relazioni sessuali con i giocatori della nazionale o chiunque sia sulle prime pagine dei giornali in un dato momento. Chiedere al portiere della nazionale, alla luce delle sue dichiarazione da Machiavelli del calcio sui pareggi di comodo a fine stagione, come si sente alla vigilia di una partita che lo potrebbe mandare a casa insieme ai suoi compagni se le squadre coinvolte volessero seguire la sua filosofia di vita, non se ne parla neanche.

Gia’ nel 2004 Gigi aveva gridato allo scandalo dopo il 2-2 tra Svezia e Danimarca. Strano perche’ gli scandinavi non fecero altro che applicare il suo pensiero, espresso nel finissimo motto “meglio due feriti che un morto” con la sicurezza di chi, dal campo, sa veramente come vanno le cose. Pare pero’ ci sia l’eccezione alla regola e cioe’ il ragionamento non vale se il morto puo’ risultare essere proprio la formazione in cui milita Buffon.

In questo caso  partono le sviolinate verso i campioni del mondo oppure le accuse mascherate da appelli alla correttezza verso i croati che giustamente hanno risposto di non aver certo bisogno di prediche da parte di chi scommete, si aggiusta le partite e fa scoppiare uno scandalo prima di ogni torneo.

Lo spettro del biscotto e’ su ogni singolo giornale. Un pizzico di vergogna per l’ipocrisia dietro tutto questo non si vede da nessuna parte.

Codice Etico

Visto che questa pagina l’ho chiamata Italia/Mondo, mi accingevo a scrivere due righe sull’impresa del Montpellier che, in Francia, è riuscito a battere i petrolmilionari del PSG e ha conquistato il titolo nazionale. E’ una bella storia, visto che il loro budget annuale, per tutta la squadra, è di otto milioni di euro inferiore a quanto gli araboparigini hanno pagato il solo Pastore. Il Montpellier è nato nel 1974 ed il presidente è ancora lo stesso di allora, immagino come si debba sentire. Quando i businessmen del Qatar sono arrivati sotto la Torre Eiffel e hanno scialacquato 82 milioni oltre a reclutare Carlo Ancelotti, sembrava che il campionato si fosse ridotto ad una pura formalitá. Invece se il PSG era primo quando Kombouarè lo guidava, è finito poi secondo con il nome famoso in panchina. Perchè, come successe anni fa con Del Bosque al Real Madrid, la colpa di non aver un nome abbastanza importante sembra continuare ad esistere nell’odioso calcio di oggi. Per la cronaca l’acquisto record del Montpellier è di 1.7 milioni di euro, un richiamo a chi pensa che senza soldi non si va da nessuna parte e che miracoli come l’Hellas Verona del 1985 non potranno mai piú accadere.

Ho dovuto però tagliare corto perchè gli schizzi di merda provenienti dall’Italia hanno varcato anche le Alpi. Mi duole parlare sempre al negativo quando mi concentro sull’Italia ma veramente non vedo niente di positivo che attragga la mia attenzione.

Di nuovo le scommesse, le partite truccate, i giocatori arrestati… l’ennesimo deja vu insomma. Dal 1980 in poi è stato un continuo. Ora, qualsiasi giornalista dovesse rispolverare l’abominevole chlichè “è proprio quando gli azzurri si sentono accerchiati che rendono al massimo, ricordatevi il 1982 e il 2006”, andrebbe radiato dall’Albo. Basta con questi complimenti di rinterzo, questo ammiccare ad una mentalitá da trincea che spingerebbe i calciatori a dare ancora di piú durante questi periodi piuttosto che in situazioni tranquille. Ma ci rendiamo conto che la gente rischia di abituarsi? Che questo “così fan tutti” nello sport come in politica come nella vita di tutti i giorni rischia di depenalizzare, a livello di coscienza civica, qualsiasi tipo di malefatta?

Ho sempre apprezzato Prandelli ma per provare che il suo codice etico non sia fatto di sole chiacchiere dovrebbe lasciare a casa qualsiasi persona coinvolta, non solo chi pesa meno in termini di formazione finale. Se viene lasciato a casa Balotelli per i suoi comportamenti fuori dal campo e De Rossi per quelli su di esso, sicuramente B&B, che non sta per Banda Bassotti ma Bonucci e Buffon, potrebbero cambiare i loro piani estivi? O perlomeno che spiegassero. Verissimo, se Buffon ha scommesso un mucchio di soldi, in toeria sono solo affari suoi, non è un reato. Però è normale che se a farlo è un calciatore qualche dubbio nasce, magari un vago sapore di conflitto di interessi, definizione tanto in voga nel nostro paese? Che sia dato agli accusati il modo di difendersi, non dal ritiro della nazionale ma dalle sedi opportune. Che poi il portierone, non vergine alle battute poco felici, abbia quasi condonato in diretta i pareggi aggiustati di fine stagione è un altro discorso che confina anche con le capacitá espressive di una persona. Lui, un addetto ai lavori, queste cose le può anche sapere, tollerare, accettare, ma pubblicamente non può far intendere che sia normale che le cose vadano così. Ne va di mezzo l’essenza dello sport, lo spirito agonistico, il rispetto di avversari e tifosi, l’onestá, tutti valori sacrificati sull’altare dell’opportunismo e dello scambio di favori. Ma quanto è triste tutto questo?

Cosa bisognerebbe fare: lasciando stare gli sproloqui di Monti, a cui la domanda non avrebbero dovuto neanche porla, come chiedere a Prandelli cosa pensa di tutti gli imprenditori che si suicidano a causa della crisi e della pressione fiscale, semplicemente applicare le norme con severitá. Qualsiasi personaggio provato colpevole dovrebbe essere radiato e non solo incontrare il disprezzo del mondo del calcio ma di tutta la comunitá. Non si possono da una parte squalificare giocatori e poi invitarli ai reality show in prima serata. Non si possono sospendere dirigenti e poi invitarli nelle universitá o pubblicare i loro libri. Non si possono annullare i contratti con giornalisti TV per poi ritrovarseli su un altro canale. In questo modo nessuno paga mai fino in fondo. C’è una sorta di perenne riabilitazione che consente a questi personaggi di salvare una faccia che si sono invece giocata gia’ troppe volte insieme alle loro squallide puntate.

E dai nomi che girano si vede che non erano solo i poveracci con famiglia a carico e mutuo da pagare lasciati senza stipendo nei meandri della Lega Pro dove i fallimenti delle societá di calcio sono all’ordine del giorno, ma anche campioni milionari che non hanno un vero motivo per aggiustare le partite se non quello dell’aviditá. Meritano perdono, meritano rispetto? Io dico di no. Se Prandelli veramente rinunciasse all’Europeo, quello sì sarebbe un segnale forte, se l’Italia si ritirasse, quello sì farebbe bene al calcio italiano. Perchè se invece la coppa, per assurdo, dovesse finire qui di nuovo, ci sarebbero le solite amnistie e le docce di acqua santa per tutti, gli accusati diventerebbero accusatori e gli accusatori sarebbero messi alla gogna per peccato di lesa maestá nei confronti dei freschi campioni.

Stiamocene a casa e ripuliamola.

Il male

Vergogna del calcio italiano. Violenza inaudita. Basta con l’omertà. Brutte immagini. Grande dolore. Delinquenza organizzata. Stadio in ostaggio. Episodio che ricorda la Cina. Tutti questi titoli, e altri, sono stati usati per commentare la rabbia che i tifosi del Genoa domenica pomeriggio hanno riversato sulla loro squadra, sotto di quattro reti contro il Siena, facendo di fatto sospendere la partita. La cosa che però ha fatto scalpore, è stato il loro deciso invito rivolto ai propri giocatori di levarsi la maglia in quanto non degni di rappresentarla.

Tutto questo episodio lascia sì l’amaro in bocca ma non necessariamente per quello che i media vogliono far credere. Cominciamo con la violenza. Non ci sono stati feriti o incidenti. Chi si è reso protagonista dell’interruzione della gara, tra l’altro tutti a viso scoperto, sarà daspato probabilmente a vita. Non fa riflettere che una persona ,nonostante sia cosciente di ciò che lo aspetta, decida comunque di contestare in questa maniera? E non mi si risponda che non sono tifosi, anzi. È proprio l’essere tifosi che ti porta al limite della pazienza in un mondo del calcio che non ti appartiene più. L’allontanamento da esso pesa fino ad un certo punto evidentemente. Hanno tirato fumogeni e bomboni in campo. Ok, succede quasi in tutte le partite, sono gli episodi che generano le multe così care alle casse della Lega Calcio. Sono entrati in campo. Ecco, se, come dice Preziosi erano 60 facinorosi, forse si potevano bloccare. Una volta in campo hanno imposto ai giocatori di levarsi le maglie. I giocatori, pare sempre dietro suggerimento del lungimerante Preziosi, se le sono tolte! Cioè hanno ammesso di non essere degni. Questa è la cosa assurda. Invece di dire “ragazzi, czzo è una giornata storta ma giuro che ce la metteremo tutta e ci faremo ammazzare piuttosto che perdere le prossime due partite” o cose del genere, si sono levati le maglie. Ce lo hanno imposto, dicono. Come esattamente? Urlando?

E quindi un’altra volta sono i tifosi, i terribili ultras la vergogna del calcio italiano. Il presidente del Genoa li ha chiamati in tutti i modi. Delinquenti, criminalità organizzata, teppisti che tengono in ostaggio uno stadio intero. Parliamo dello stesso presidente intercettato telefonicamente mentre cercava di fissare il risultato dell’ultima partita della stagione contro il Venezia, ricordate l’episodio della valigetta piena di soldi? Cioè colui che invece di portare il Genoa in A quell’anno lo fece sprofondare in C1. E in quel caso, qui mi sento di criticare i tifosi, tutti presero le parti del presidente, vittima di chissà quale congiura in un paese in cui Moggi faceva il bello e il cattivo tempo addirittura in Serie A. I sostenitori del Grifone si sentirono vittime di un accanimento della giustizia sportiva, immotivato visto lo schifo generale.

E guarda caso, proprio mentre siamo nel pieno di un altro scandalo scommesse, che probabilmente esploderà a fine campionato, ecco di nuovo i titoloni sugli ultras. Loro sono il MALE, loro che cantano “andate a lavorare”, che contestano, che tifano solo i colori e la maglia, loro sono il MALE. Non chi aggiusta le partite, non chi le vende e chi le compra per trenta denari o trenta milioni in più. Non chi imbroglia città intere, un’intera nazione. Sono quei 20 seduti su una balaustra il MALE.

E cosa viene fuori anche in questo caso? Il paragone con l’Inghilterra. Domenica, al termine della partita persa dai Wolves 0-2 in casa contro il Man City che li ha condannati alla retrocessione, i tifosi hanno applaudito al squadra. La Serie A non è la Premier. Molineux non è Marassi. I tifosi del City in trasferta ci sono andati. La mentalità britannica non è quella italiana. Si ricordi Preziosi, che faceva questo confronto, che per molto meno di quanto da lui commesso alla guida di Como e Genoa in Gran Bretagna lo avrebbero bandito per sempre dal calcio e probabilmente messo in galera a riflettere che il calcio non fa parte dei suoi giochi preziosi.

Addio

E’ morto ieri (16/04) Carlo Petrini. Per chi non lo ricorda sui campi da gioco Petrini e’ stato solo un Pasquino del calcio moderno, un pentito, una persona che, non avendo piu’ niente da perdere, ha deciso di rompere il muro di omerta’ che da sempre circonda il calcio italiano denunciando ogni tipo di pratica illegale. Petrini non era un santo e non ha mai detto di esserlo. Ha ammesso tutte le sue colpe e si e’ assunto le proprie responsabilita’ chiedendo a molti altri suoi ex colleghi di fare altrettanto. Parole, ovviamente al vento. Da piu’ parti e’ stato definito un pazzo, un vaneggiatore, un’anima in subbuglio disperata e in cerca di vendette. E’ il destino di chi osa mettersi contro il Sistema. Non che tutti i suoi libri fossero dei capolavori ma “Nel Fango del Dio Pallone” e “Il Calciatore Suicidato” sono sicuramente un’autobiografia e un’opera di denuncia da tenere sullo scaffale. Petrini ha raccontato di doping, di sesso facile, di compagni omosessuali, di partite truccate, di giocatori comprati quasi sempre facendo uso di nomi e cognomi. Eppure i suoi libri di denuncia non hanno mai portato a niente,  almeno nel mondo del calcio visto che le indagini sulla morte di Donato Bergamini sono state riaperte. Nessuno se ne e’occupato, nessuno gli ha dato peso. Avete presente quei film americani in cui il protagonista, per incastrare i cattivi, spedisce un plico contenente documenti scottanti alla redazione di un giornale o ad una casa editrice o alla polizia? E come nell’ultima scena ci sono i cattivi che si tolgono la vita per la vergogna o che vanno dietro le sbarre? Beh, in Italia niente di tutto questo, si preferisce dare del matto a chi denuncia il marcio e continuare a sguazzare nella merda. Saluto Petrini calciatore, per una stagione anche alla Roma,  e soprattutto lo scrittore. Una vita piena di sbagli ma con la consapevolezza di averli fatti e l’onesta’ di averli ammessi. Se solo tutti gli altri dimostrassero lo stesso coraggio.

Lutto

Non conoscevo Piemario Morosini neanche di nome. Non seguendo, se non di rado, le vicende della Serie B non sapevo chi fosse quel centrocampista del Livorno, in passato anche della Nazionale U21. Le immagini di ieri mi hanno fatto male pero’, come credo a tutti gli altri appassionati di calcio. Ho letto brevemente la sua storia, quella della sua famiglia e mi ha fatto ancora piu’ male. E’ difficile spiegarsi perche’ la sorte, il destino, un Dio qualsiasi a volte si accanisca su delle persone o su delle famiglie in modo cosi’ crudele. A sua sorella, unica superstite su cinque, che non so neanche come si chiami, per quello che puo’ contare, sono vicino nel dolore. Ricordando la tragedia sfiorata poche settimane fa in Inghilterra (Muamba), quelle di Puerta e Jarque in Spagna ancora fresche, continuo a non capire come atleti giovani e controllati possano morire sul campo, oggi piu’ che in passato. Piangendo Piermario spero  scene come quella di Pescara non si ripetano piu’ a nessuna latitudine. RIP.

Veleno

La TdT è stato un buco nell’acqua, dal prossimo campionato potrebbe essere ridimensionata, aggirata o non esistere piú direttamente. Il solito imbroglio di clientelismo e interessi personali, inciuci politici e deliri di potere, una buffonata all’italiana smontata da quei stessi tifosi che voleva ghettizzare visto che, soprese sorpresa, sono persone dotate di competenze professionali che la maggior parte dei nostri uomini di governo neanche si sognano.

Battaglie legali e campagne di informazione a parte però lo spettacolo del calcio italiano rimane squallido. Non giudico quanto accade in campo, non mi interessa, visto che la mia presenza ed il mio interesse non dipendono dai risultati o dal bel gioco. Non mi riferisco neanche tanto agli stadi vuoti. Potremmo discutere per ore a chi dare la colpa, chi ritenere il primo responsabile dello scempio. Il caro biglietti, la partite in tv e in orari sempre piú strani, gli impianti antiquati e scomodi, la repressione, la violenza, le gare truccate e i mille scandali che minano la credibilitá di un fenomeno sportivo che in Italia giá ne aveva poca.

Ciò a cui mi riferisco è l’atteggiamento piú distaccato che si respira da qualche anno negli stadi. Non c’è quell’intensitá, quel pathos, quel vivere i 90 minuti con la passione e la sofferenza che prima erano la caratteristica principale del tifo in Italia. Vero, divieti e diffide hanno diminuito o azzerato la spontaneitá delle coreografie, degli striscioni, delle trasferte ma andando allo stadio oggi ti guardi intorno e, a parte le sfide piú sentite, vedi la gente vivere la partita in maniera piú passiva.

A parole in tanti hanno lottato contro il calcio moderno ma la veritá è che molti lo hanno accettato o subito senza accorgersene. La debolezza, il tallone di Achille, la kryptonite è stata forse la stessa ricchezza dei tifosi, la propria passione. Non volendo rinunciare al rito settimanale, alle abitudini, alla dose di calcio, si sono accettati compromessi che una volta entrati nel sistema tifo sono esplosi come un virus letale di cui non si conose la cura.

Il risultato è un appiattimento delle emozioni, il vivere l’incontro di calcio come uno spettacolo qualsiasi. Se le vecchie generazioni non educheranno quelle nuove, avremo in pochi anni la maggioranza dei giovani completamente asserviti al modello imposto dai media in cui i tifosi saranno consumatori qualsiasi, probabilmente con meno diritti degli altri.

Svegliamoci dal torpore, ci stanno rubando anche i sogni. Scuotiamoci di dosso l’apatia che ci veste come un cappotto troppo stretto. Torniamo allo stadio incazzati. È ora di tirare fuori il veleno.

Segni

In un blog calcistico come quello che tento di tenere, certe considerazioni rischiano di apparire fuori luogo ma non riesco a trattenermi. Ultimamente sto passando parecchi giorni in Italia e mi prudono le dita. Cerco di contenermi e mi concentro su due avvenimenti che sfiorano soltanto il calcio.

Mentre il nonno di “Asso” delira in diretta TV smerciando luogi comuni come grandi veritá, il capo del governo ha detto di no alle Olimpiadi di Roma nel 2020. Chi guarda gli assalti al Parlamento di Atene in diretta TV non può non aver pensato che, visto il difficile (eufemismo) momento economico del paese, quelle stesse telecamere potessero in breve tempo spostarsi all’interno delle Mura Aureliane in caso di richiesta di ulteriori sacrifici per accomodare i circenses del futuro. Basta con le stronzate dell’occasione per la cittá che li ospita, degli introiti derivanti da tre settimane di tursimo che dovrebbero bilanciare miliardi di euro di spesa da investire nell’organizzazione. Ma qualche dato vero, a consuntivo, non in previsione, vogliamo vederlo o ci fidiamo alla cieca? I mondiali di nuoto del 2009, sempre a Roma, dicono niente? Ma se non si è riusciti a costruire in tempo una piscina, ma chi vogliamo prendere per il culo? Ma se nel progetto 2020 ci sono alcune persone che hanno fatto lievitare di sei volte il costo dei Mondiali del 1990, di che garanzie parliamo? Perchè affidarsi a questo finto patriottismo sportivo, leccato e fuori luogo per promuovere un paese che sta stringendo sempre gli stessi denti per provare a rialzare la testa?

Un’occasione per Roma e per l’Italia, come no. Forse per chi avrebbe avuto gli appalti, per chi avrebbe maneggiato, corrotto e gonfiato. Per chi avrebbe fatto lavorare amici e parenti, per chi avrebbe presentato il conto ai cittadini della capitale prima e dell’intero paese poi. Se gli Europei furono bocciati dalla UEFA almeno questa volta l’Italia ha salvato un po’ di dignitá e si è ritirata dalla corsa in anticipo. Auguri alle cittá che restano anche se meraviglia vedere Madrid in gara, capitale di un paese in ginocchio ma che non lo ammetterá mai, e Baku, ma lì è forse solo mia ignoranza. Speriamo che dopo aver dato i mondiali di calcio al Qatar non assegnino a quel pezzo di deserto anche le Olimpiadi, le temperature sarebbero ridicole anche per il torneo di bocce o per la carabina.

A proposito di dignitá. L’altra notizia del giorno è stata la condanna definitiva, da scontare in carcere, per l’agente che ha assassinato Gabriele Sandri. La dignitá a cui mi riferisco è quella della famiglia Sandri, dimostrata dal primo momento, quello della tragedia improvvisa, dell’incredulitá, del dolore straziante, continuata nelle udienze e nelle aule di tribunale mentre lottava per avere giustiza in un paese omertoso che troppo spesso insabbia e dimentica, fino a quella espressa a sentenza avvenuta, dove le lacrime e il ricordo di una vita stroncata senza motivo hanno trovato posto dietro ad un dolore profondo e composto.

L’autore dell’omicidio invece se l’è presa con i media, rei, secondo lui, di averlo messo alla gogna. Da chi? Quando? Io non ricordo ma vivo fuori da questo stivale bucato quindi magari mi sono perso qualcosa. I tentativi di cambiare la veritá, di mascherare, di giustificare me li ricordo tutti a suo favore. Quindi a cosa si riferisce? Al fatto che la famiglia e gli amici di Gabriele abbiano lottato per avere giustizia? O al modo? Civile, rispettoso della legge, educato, composto? O al fatto che l’intero popolo dei tifosi di calcio, quello additato da questori e ministri, messo alle berlina, accusato di tutto, schifato, evitato, represso e manganellato si sia stretto tutto insieme intorno ad un dramma che avrebbe potuto accadere ad ognuno di noi? Io non ho mai visto neanche la faccia di questo signore. Ha detto che ha affrontato la situazione da uomo dal primo giorno. Per me questo avrebbe voluto dire presentarsi davanti alle telecamere, ammettendo la sua colpa e chiedendo perdono. Sarebbe servito, bastato? No, ovvio che no, ma ammettere i propri errori, anche gravi e tragici come questo, ed essere pronto a pagarli vuol dire comportarsi da uomo. Nascondersi e parlare attraverso gli avvocati vuol dire altro.

Mi rendo benissimo conto che la famiglia Sandri avrebbe preferito non apparire mai sui girornali, ma nella disgrazia e nel dolore hanno dato una lezione di dignitá e di unione a questo paese ipocrita, piú di ogni parola, dichiarazione o comportamento di personaggi pubblici, politici o ecclesiastici. Non è poco. Andrebbero ringraziati. Grazie.

The people’s game

Colgo l’occasione del bellissimo post pubblicato oggi per ringraziare Evelina Pecciarini. Oltre ad essere un’amica è una delle due persone, insieme all’Avvocato Diego Riva, a lottare affinchè un modello Supporters Direct si possa affermare anche in Italia. Il tempo, pro bono, dedicato da Diego ed Eve ai trust italiani e alla diffusione, ricerca, traduzione, preparazione di materiale che possa essere utile a chi interessato o semplicemente curioso, non è neanche immaginabile. Nel ringraziarli e nel rinnovare loro tutta la mia stima ed amicizia, mi permetto di riprendere quanto pubblicato oggi da Evelina nel suo blog:

I club partecipati dai tifosi sono più buoni

Pubblicato da thepeoplesgame su 11 gennaio 2012

Le squadre di calcio i cui tifosi partecipano alla proprietà del club non solo sono forti sul campo, hanno uno spirito diverso, sono vicine alla loro comunità, sono anche più buone.
In occasione delle festività appena trascorse, i supporters trust italiani Sosteniamolancona e Sogno Cavese, tramite cui i tifosi fanno parte del direttivo di US Ancona e Aquilotto Cavese, hanno realizzato assieme ai club delle belle iniziative di vicinanza a chi ne ha più bisogno.

Ad Ancona, appena prima di Natale, il settore giovanile dell’ US ANCONA 1905, in collaborazione con Sosteniamolancona, ha fatto visita alla Mensa del Povero di Padre Guido. Accompagnati dal Signor Raggetti e da Mauro Bertarelli, i ragazzi hanno avuto la possibilità di conoscere realtà che spesso sono ai margini della cronaca, o delle esperienze di tutti i giorni. La mensa del povero di Padre Guido gestisce un attività di prima accoglienza e fornisce pasti a 38 ospiti a turno ed offre ricovero a donne in stato di necessità.

A Cava de’ Tirreni, venerdì 6 gennaio, una rappresentanza di società, staff tecnico e squadra dell’Aquilotto Cavese ha fatto visita ai bambini ospiti degli istituti di accoglienza dei conventi di Passiano e di Villa Formosa di Cava de’ Tirreni, portando in dono i dolci raccolti dai tifosi. Una iniziativa per prolungare l’atmosfera delle festività natalizie, creando un’occasione per cercare di donare anche un sorriso a chi si porta dietro un passato difficile, e con il sentito augurio di una vita che possa spiegare le ali e spiccare il volo verso la realizzazione dei propri sogni.

In Inghilterra, uno dei club di riferimento per tutto il movimento europeo per la fan ownership, il Football Club United of Manchester, indica ancora una volta la strada, anche nel campo della solidarietà. Il 26 dicembre, Boxing Day, è da tradizione dedicato al calcio nel Regno Unito, per il FCUM ha significato anche l’occasione per una importante iniziativa denominata Big Coat Day.
Tantissimi tifosi, ma anche semplici abitanti della zona, segno della reputazione de del ruolo del FCUM per la propria comunità di riferimento, hanno contribuito a raccogliere oltre sei tonnellate di abiti invernali, in particolare cappotti, sciarpe e maglioni, per un totale di più di tremila capi, stipando fino al soffitto il furgone parcheggiato fuori dallo stadio di Gigg Lane. Saranno consegnati ai senzatetto e ad altre persone bisognose dell’area metropolitana, dove lo scorso anno sono state circa cinquemila le morti causate dal freddo: l’iniziativa del FCUM porta aiuto dove ce n’è un grande bisogno. Per portare a termine con successo questo secondo Big Coat Day (video), che ha richiesto un imponente sforzo organizzativo, il Red Rebels hanno lavorato con numerosi partner: le due organizzazioni non profit che distribuiranno il materiale raccolto, una università locale, attori e cantanti che hanno preso parte ai video promozionali, i pompieri dell’area di Greater Manchester, le autorità locali e perfino la Royal Mail, che ha promosso la campagna in tutto il Regno Unito.

Un tifoso del FCM e consigliere comunale ha detto: “Ancora una volta, il FCUM mostra agli altri che esiste un modo diverso di fare calcio”.
Nel loro piccolo, anche Sosteniamolancona e Sogno Cavese.

La ragione

Con qualche settimana di ritardo torno sulla multa comminata ai tifosi della Roma fermati all’Olimpico con i cartoncini della coreografia di Roma v Lecce. Si potrebbe far notare come questa sia stata apprezzata dal resto dello stadio, dalla societá giallorossa e anche dai media. Ci si lamenta spesso di quanto l’Olimpico sia stato spogliato dei suoi colori, privato della sua allegria, zittito dei suoi cori, svuotato dei suoi sostenitori. Da una parte i seguaci dell’ex ministro dell’interno cantano vittoria per la diminuzione degli incidenti, sorvolando sul particolare dell’assenza di tutti o quasi i tifosi in trasferta, dall’altra le tv e i media ogni tanto mettono da parte la loro crociata anti-ultras per ricordare quanto fossero belle le atmosfere di una volta. Si vorrebbero, modello Premier League piú che calcio inglese, spettatori seduti, composti, colorati, possibilmente benestanti e rassegnati.

Grazie al cielo ancora non siamo arrivati a questo punto di non ritorno: tifosi e ultras non ci stanno. Cercano di non farsi strumentalizzare, rischiano daspo e squalifiche per un fumogeno o una torcia portati dentro per fare colore, rinunciano ai propri striscioni per evitare di piegarsi a stupide regole, che vorrebbero faxati slogan e aforismi del momento, atte a legittimare un potere sciocco, ipocrita e corrotto.

Tutto ad un tratto però, questi pazzi disgraziati che avevano rifiutato di sottoscrivere la TdT, sembra non abbiano poi torto marcio. Additati come persone irresponsabili, che non capivano l’utilitá e le fantastiche opportunitá che si sarebbero aperte loro una volta sottoscritto un bancomat ricaricabile con lo stemma della propria squadra sopra, ora hanno trovato un inaspettato alleato nel Consiglio di Stato il quale ha sostenuto che “l’abbinamento inscindibile…tra il rilascio della tessera di tifoso…e la sottoscrizione di un contratto con un partner bancario per il rilascio di una carta di credito prepagata potrebbe condizionare indebitamente…la libertà di scelta del tifoso-utente e potrebbe pertanto assumere i tratti di una pratica commerciale scorretta ai sensi del Codice del consumo…”

Il Consiglio di Stato non ha forzato leggi o assunto posizioni parziali in virtú di chissá quale interesse. L’organo di Sato  non ha fatto altro che considerare i tifosi di calcio come semplici cittadini e quindi, come tutti gli altri, consumatori. Tutto qua. Certo non è la decisione finale nè la sola che si stava aspettando in tema di “giustizia da stadio” (quella relativa al famigerato articolo nove è ancora dovuta) ma è giá qualcosa. Dimostra che quanto si dice sugli spalti, quanto viene affermato da persone che hanno una sciarpa colorata intorno al collo piuttosto che una cravatta, non è da scartare a priori. Avevamo ragione, abbiamo ragione. La nostra voce è sempre la stessa, basta trovare qualcuno che sappia, o voglia, ascoltare.

Rosso diretto

Uno dei noti problemi della giustizia italiana, sportiva e non, è la lentezza dei processi. Dall’ultimo scandalo calcistico sono passati più di cinque anni. L’Italia ha vinto un mondiale, che ha come al solito funzionato da amnistia, e ha fatto pena in un altro. Ci sono stati altri scandali, scommesse e squalifiche. Nel frattempo alcuni degli accusati, incastrati da intercettazioni, dalla loro stessa voce, hanno continuato a stare nel calcio, sono stati invitati a parlare di etica sportiva alle università, scrivono libri, lavorano su televisioni minori, rilasciano interviste, alzano la voce, fanno rumore, impongono la loro versione dei fatti senza contraddittorio.

C’è un rifiuto da parte della gente, dei tifosi, nell’accettare che qualcuno che prima era un idolo possa diventare un criminale. Io da bambino mi ricordo che facevo fatica a riconoscere i giocatori in abiti civili nelle aule di tribunale per il Calcio Scommesse del 1980. Dopo il 1982, sempre bambino, mi rifiutavo di pensare che Paolo Rossi potesse essere colpevole. Poi però sono cresciuto e con me la voglia di sapere, di documentarmi e di non accettare prese per il culo da parte di chi dovrebbe intrattenermi giocando a pallone o di chi dovrebbe far sì che tutto si svolgesse in modo onesto e pulito. Per questo non ho mai capito i tifosi che ad oltranza hanno difeso e difendono chi ha macchiato per sempre la maglia che loro dicono di amare. Come si fa a perdonare chi ha dimostrato tanto cinismo da gabbare il bambino che è in noi, quello che crede che le partite durano 90 minuti? Come si fa ad accettare spiegazioni del tipo “lo facevano tutti”? Che si tratti di partite truccate, favori o pressioni arbitrali, doping, conti truccati con relative penalizzazioni, dibattiti televisivi pilotati, scommesse, mazzette, tangenti, come si fa ad accettarli secondo l’italico principio dell’”io non sono più fesso degli altri”?

Ne va dell’orgoglio di una città, di una tifoseria. Non si ripara ad un torto accusando anche l’altro dello stesso comportamento, al massimo avremo due colpevoli non un colpevole e un innocente. Che i tribunali facciano il loro lento lavoro ma che i tifosi diano in fretta il loro giudizio: chiunque tradisca la nostra fiducia non dovrebbe avere più spazio, nè sui giornali, nè in televisione, nè nella nostra considerazione. Invece nello sport come in qualsiasi ramo della vita sociale di questo paese la stessa gente che non ha avuto nessun rimorso ad ingannare e mentire si ripresenta mentendo di nuovo sapendo che le stesse persone che stanno ascoltando hanno quasi dimenticato e, in molti casi, perdonato. Se in altre nazioni il solo sospetto di aver commesso reati può bloccare la carriera di un politico come di un calciatore, in Italia sembra fare CV. Nel nome del proprio simbolo, di squadra o di partito, ci si arrocca in difesa, soli contro tutti, si negano le responsabilità, si difendono nomi e reputazioni a costo di combattere la verità con cavilli legali e termini di prescrizione. Ma noi siamo tifosi, non avvocati. Non dovremmo arrivare a tanto. Per chi è colpevole, provato colpevole, non dovremmo neanche aspettare la lettura della sentenza, la dovremmo emettere noi: squalifica. A vita.

Resistenza basca

Parlando con una mia amica qualche tempo fa, mi ha confessato che il figlio non vuole più maglia e completo della sua squadra italiana, quella che il padre aveva pensato di avergli passato in ereditá, ma la casacca blaugrana di Messi. Non c’è da stupirsi più di tanto, la Pulce e i suoi compagni sono davvero dappertutto, in diretta su Sky almeno una volta alla settimana per le partite di Liga, due se  c’è la Champions. È un altro effetto della globalizzazione.

Nell’ultimo turno di campionato però la partita dei catalani avrebbe dovuto essere seguita dal bambino con la presenza dei genitori, come si fa per i film con scene o linguaggio leggermente per adulti. Domenica scorsa infatti la squadra di Guardiola non è andata oltre il pareggio, recuperando nel finale, contro l’Athletic Bilbao. Per quanto la politica di investimento dei catalani non sia sfacciata come quella del Real Madrid, soltanto la scorsa estate 65 milioni sono stati spesi per due giocatori, Sanchez e Fabregas. Gli stipendi pagati ai vari Messi, Xavi, Iniesta, Villa, Alves ecc sono di prima fascia, che siano prodotti del vivaio o no. Vero, in un certo senso stanno tutti raccogliendo i frutti del proprio successo e della propria bravura ma è il mercato globale dell’industria Barcellona che permette al club di tesserare certi giocatori, non il numero dei soci come qualcuno erroneamente pensa. In occasione delle finali di Champions contro il Man Utd, molti giornalisti si sono sforzati di promuovere il modello Barca, sottolineando quanti di loro fossero cresciuti nelle fila blaugrana o almeno in Catalogna, come se fossero un caso unico e isolato.

Qualche centinaio di km piú a nord e non avrebbero dovuto sforzarsi affatto. L’Athletic Bilbao è ancora patrimonio esclusivo di calciatori baschi, di origine basca o cresciuti calcisticamente nei paesi baschi. È un’isola di puro orgoglio nazionalista in un mondo, del calcio e non, annacquato dalla globalizzazione dove al concetto di locale viene data per forza un’accezione negativa. È una fetta di calcio che resiste alla contaminazione progressiva dei non valori. È un miracolo di autosostentamento. È la prova evidente che l’investimento di tempo, strutture, energia e passione nel settore giovanile porta dei risultati inimmagginabili da parte di chi ha ha troppa fretta di vincere, troppi soldi in banca o troppi pochi scrupoli. È un esempio per tutti quei tifosi dalla contestazione facile che, pagati i soldi del biglietto, si sentono in diritto di esigere qualsiasi risultato. L’aficiòn dell’Athletic sa anche troppo bene che nel calcio di oggi i loro beniamini non potranno piú vincere niente di importante, ma se il prezzo da pagare per qualche pezzo di metallo in bacheca è sacrificare la propria storia, la propria originalitá e le proprie tradizioni, allora tutti concordano che non ne valga la pena. Intanto ci si leva qualche soddisfazione come il 2-0 in Europa League ai danni dei neo miliardari del PSG (40 milioni per Pastore dal Palermo) o il 3-0 nella Liga ai danni dell’Atletico Madrid (47m per Falcao dal Porto) consapevoli che qualsiasi trionfo, per piccolo che sia, ottenuto con i ragazzi cresciuti a Lezama valga piú dei titoli comprati grazie a investitori stranieri (e non) alla ricerca di riscontri politici e facili guadagni.

Per quanto il Barcellona pratichi un bel calcio, e si fondi su una filosofia di gioco che parte dalle giovanili fino ad arrivare alla prima squadra, fa sempre parte dell’elite continentale, del G14, dei colossi multinazionali del pallone. In confronto l’Athletic, che ogni anni può cercare un nuovo giocatore solo tra un paio decine di professionisti, che ha alle spalle una popolazione inferiore a quella di Roma dove cercare i giovani piú promettenti, rappresenta la speranza di resistenza proprio a quel tipo di calcio. Con tutta la mia ammirazione.

Se la passione diventa informazione.

C’era una volta l’informazione. Vero, a seconda del canale o della testata, era vicina ad un differente partito politico. Una persona non schierata magari avrebbe potuto usare diverse fonti per poi tirare le sue conclusioni personali. C’erano giornalisti, tv o carta stampata, al di sopra di ogni sospetto, gente rispettata non per chi conosceva ma solamente per ciò che diceva o scriveva. Oggi questo stesso mestiere è caduto in disgrazia. Non si serve piú un’ideologia ma un padrone in carne e ossa. Le notizie si danno per buone prima di essere verificate, in caso basta smentire. Nella guerra del fango ogni colpo basso è lecito. Le falsitá, le bugie vengono riprese da tutti, e sottolineo tutti, anche da chi pensa di scrivere per un giornale di denuncia e diverso, per non rimanere fuori dal dibattito. Bisogna generare traffico, visto che non si vendono abbastanza giornali e la concorrenza via etere è spietata, bisogna almeno portare utenti sulla versione online di un certo quotidiano o canale televisivo.

In questo quadro desolante, con poppe e culi ovunque per cercare di raggranellare un pubblico se non emancipato almeno allupato, non meraviglia il fatto che la stragrande maggioranza delle persone che usa internet, ormai fonte primaria di informazione vera, indipendente, falsa o di regime che sia, si rivolga ai blog. Persone, privati, che cercano nel loro piccolo di rendere un servizio alla comunitá o, se non a tutta, almeno a quella parte sensibile a certi particolari argomenti.

Restando in ambiente calcio, non penso sia azzardato dire che una delle fonti primarie di informazione per i tifosi di tutta Italia, e oltre, sia il sito asromaultras.org. Per chiunque non lo conoscesse, sarebbe fin troppo facile saltare a conclusioni sbagliate guardando soltanto il nome. Lorenzo Contucci, il webmaster, è ovviamente tifoso della Roma. É anche un avvocato penalista di una certa esperienza, è un padre di famiglia, è una persona estremamente informata, intellettualmente onesta e colta.  Accanto alle pagine dedicate alla sua squadra, Lorenzo, chiamarlo Avvocato Contucci sarebbe troppo formale per un nome che ormai è diventato familiare per migliaia di persone, cura la pagina degli aggiornamenti. Qui intervengono sostenitori di qualsiasi club: proprio per la sua imparzialitá e competenza, viene messo al corrente di ogni genere di problema riscontrato: da abusi da parte delle forze dell’ordine a disfunzioni degli impianti, da carenze di organizzazione da parte dei club alle inefficienze nella compravendita dei biglietti e così via. Non c’è questione relativa al mondo del calcio e del tifo che non abbia trovato spazio e risposta, anche attraverso l’interazione tra utenti, sul sito asromaultras. In piú, e visti i tempi non è poco, non c’è censura; se qualcuno non è d’accordo comunque vede la sua opinione pubblicata perchè le divergenze creano dibattito e il dibattito spesso riesce ad essere costruttivo.

In passato è stato definito “l’avvocato degli ultras” da qualcuno che voleva magari dare un’accezione negativa a questo termine. Sappiamo come funziona: ultras in Italia è da anni usato come sinonimo di teppista, quando ci sono dei disordini di piazza di qualsiasi tipo, che si protesti contro i rifiuti in strada o contro una linea ferroviara inutile e dal grande impatto ambientale, spesso è la parola che viene subito utilizzata, anche a sproposito. “Ultras saccheggiano autogrill” non delinquenti, ultras. Se segui una squadra di calcio e commetti un reato sei un ultras. Se segui una squadra di calcio, perdi soldi, sonno e corde vocali, le botte piú che darle le rischi e ci rimetti in salute, sei un tifoso accanito ma non sei definito ultras. Strano no? Non è altro che cercare di rendere il significato di un termine per forza negativo dimostrando un’ignoranza di base riguardo al suo significato originale. Ultimamente lo hanno definito un collaboratore dell’AS Roma ma l’unico rapporto che lo lega alla societá giallorossa da anni è quello del cliente che compra l’abbonamento, prima, o il biglietto, adesso, per usufruire di un bene o di un servizio. Non è andata giú a qualcuno, che magari svogliato non ha voglia di documentarsi, che Lorenzo abbia provato la legittimitá del carnet di biglietti che il club capitolino aveva lanciato per ovviare alla perdita di abbonamenti provocata dall’imposizione assurda della TdT, strumento diabolico volto a salvare gli affari e la faccia di qualche politico e alcuni imprenditori. Non interessa neanche che sia consigliere di MyRoma, l’organizzazione che cerca di esportare in Italia le idee alla base del Trust movement britannico e che nella capitale si è giá impegnata e ha vinto battaglie importanti come quelle per l’abolizione della tessera per gli under 14, per una migliore visibilitá dei posti nella tribuna bassa all’Olimpico, per l’apertura il giorno della partita del botteghino nei pressi dello stadio ecc. Cose del genere non vengono dette perchè non fanno notizia, perchè chi e’ un ultras o chi li difende, non deve essere associato a qualcosa di positivo.

L’opera giornaliera di Contucci è impagabile. Non ci sono banner pubblicitari, lui dal sito non ricava una lira (e potrebbe visto il traffico che genera) e quando, per qualche motivo, non ci sono aggiornamenti sembra che venga a mancare l’unica fonte di informazione vera, competente e disinteressata dell’universo tifo. Considerando il tempo passato nell’esame di tutti i contributi che gli vengono mandati, nelle risposte, mai scontate e mai superficiali, nel caricamento di foto, file, video ecc, io mi chiedo come riesca ad andare avanti con tanta puntualitá e professionalitá. La paura è quella che la cd legge bavaglio possa avere un impatto sulla sua opera e su quella di altre persone che hanno deciso di fare informazione indipendente. Di sicuro si dovrá lottare per difenderle, non si può continuare a tappare la bocca e gli occhi della gente a colpi di decreti. Nel frattempo continuerò a collegarmi ogni giorno su asromaultras.org e all’avvocato Contucci, a Lorenzo, dico solo una cosa: GRAZIE.

Annunci

2 thoughts on “Roma/Italia/Mondo

  1. Sulla qualità non c’è paragone, ma anche su SKY uno deve sentirsi delle prediche su integrità e etica da Paolo Rossi e da Vialli….

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...